HomeBENESSERE & SALUTEQuanto fa male perdere sonno: ma le evidenze che si accumulano sono...

Quanto fa male perdere sonno: ma le evidenze che si accumulano sono purtroppo sottovalutate

È risaputo che il sonno è essenziale per la salute. Questo è vero per quasi tutte le creature viventi. La vita moderna ha un ritmo sempre più veloce e la pressione per eseguire, produrre e ottenere è sempre presente. Sebbene ciò possa essere positivo per la produttività dei lavoratori, ignora un fatto fondamentale della biologia umana: siamo creature diurne. Ci siamo evoluti per dormire la notte e per essere vigili durante le ore diurne. Inoltre, abbiamo bisogno di una quantità minima di sonno ogni 24 ore. Tuttavia, la privazione cronica del sonno è un problema molto poco riconosciuto nella nostra società. La privazione del sonno è una causa molto comune di scarsa concentrazione, disattenzione e sonnolenza diurna, aumentando il rischio di incidenti, compresi gli incidenti automobilistici. I problemi legati alla privazione del sonno non finiscono qui. “Molte persone non si rendono conto di quanto un sonno insufficiente possa influire sulla nostra salute. Un sonno insufficiente può aumentare il rischio di malattie cardiache, ictus, tumori, infezioni e demenza. Un ampio studio è stato pubblicato all’inizio di quest’anno su Nature Communications, mostrando che 6 ore di sonno o meno su base regolare all’età di 50 anni -60 anni hanno aumentato il rischio di demenza del 30%.

Tuttavia, una nuova ricerca suggerisce che la capacità di “recuperare” prontamente il sonno perso in seguito è più un mito che un fatto. La credenza comune che un piccolo cambiamento di sonno non influenzi la propria salute è errata. Il recupero dalla perdita di sonno è ciò che ha interessato di più il team di ricerca. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato sofisticate misure di veglia. Una di queste misure era l’actigrafia continua, in cui i sensori del corpo monitoravano i livelli di attività dei partecipanti. Gli scienziati hanno anche monitorato l’attività cerebrale dell’EEG ogni giorno e hanno impiegato vari test di prestazioni cognitive soggettive e oggettive. Hanno scoperto che, tra queste misure, solo le velocità di reazione sono tornate ai valori di base dopo 1 settimana di sonno di recupero. I ricercatori dell’Università Jagellonica di Cracovia, in Polonia, hanno esaminato attentamente i cambiamenti nel funzionamento associati alla perdita di sonno tra gli adulti. I loro risultati appaiono sulla rivista PLoS One. I partecipanti hanno trascorso 10 giorni sperimentando una parziale privazione del sonno, ottenendo circa un terzo di sonno in meno del solito. Questa è stata seguita da un’intera settimana di recupero.

I risultati dei ricercatori suggeriscono che la privazione del sonno ha un impatto persistente sulla funzionalità. I deficit nella capacità delle persone di pensare chiaramente tendevano ad accumularsi man mano che la “restrizione parziale del sonno” progrediva. I partecipanti non si sono ripresi facilmente da questi deficit di sonno, nemmeno dopo un sonno extra “truccato” nei giorni successivi. La quantità di sonno di cui le persone hanno bisogno varia ampiamente. In media, tuttavia, gli adulti richiedono ogni giorno per mantenere la massima funzionalità. La dottoressa Stephanie M. Stahl è professoressa associata di Medicina clinica e Neurologia clinica presso la Scuola di Medicina dell’Università dell’Indiana a Indianapolis. Secondo lei, questo studio si aggiunge a un ampio corpus di prove che un sonno insufficiente ha effetti dannosi sul nostro funzionamento diurno. Questo studio in particolare evidenzia che anche una breve durata in cui si ottiene solo 1-2 ore al di sotto del nostro obiettivo di oltre 7 ore di sonno ha causato la persistenza del danno, anche dopo 1 settimana di sonno sufficiente. Molte persone sottovalutano gli effetti di questa privazione cronica di sonno di basso livello sulla loro salute mentale e fisica.

Nel mondo frenetico di oggi, è estremamente comune per gli adulti sacrificare il sonno per lavoro, divertimento e altri motivi. Molte persone credono di poter “recuperare” il sonno perduto dormendo più a lungo nei fine settimana, ad esempio. Tuttavia, la nuova ricerca suggerisce che potremmo sovrastimare notevolmente questa capacità. Nel loro articolo, i ricercatori osservano che il sonno interrotto è sempre stato comune in alcune professioni e settori, come l’assistenza sanitaria, l’intrattenimento e i trasporti. Tuttavia, molti turnisti diurni ora lavorano da casa, con il risultato di un offuscamento dei confini tra lavoro e vita privata. Sebbene la capacità di lavorare da remoto sia stata un vantaggio per molti durante la pandemia globale, non tutto va bene. L’interruzione del ritmo riposo-attività è uno degli effetti collaterali comuni del lavoro a distanza. In conclusione, i ricercatori hanno scoperto che le conseguenze neurocomportamentali della deprivazione cronica di sonno parziale non possono essere superate facilmente, e durano molto più a lungo di quanto ci si aspetti. Tuttavia, le dimensioni dei campioni erano relativamente piccole, quindi lo studio era in qualche modo sottodimensionato, secondo la dottoressa Stahl.

In altre parole, non dovremmo presumere che si recupererà facilmente e rapidamente alla linea di base dopo un periodo di restrizione del sonno dormendo più tardi. Potrebbe non essere così semplice. Possono soffrire i deficit nella nostra capacità di pensare chiaramente e di funzionare in modo ottimale. Pia illusione, dunque, se si pensa di recuperare un paio di notti di sonno perse per divertirsi o per lavorare, con riposo prolungato aggiunto ad eventuale sonno notturno: il recupero non è mai completo e accumula rischi per la salute.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Prather AA, Carroll JE. Sleep Health 2021 Jun 27:S2352.

Jansen EC et al.  Appetite. 2020 Oct 1; 153:104748.

Gordon AM et al. Psychosom Med. 2019; 81(8):739.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI