HomePREVENZIONE & SALUTERiapertura delle scuole e sicurezza sul COVID (I): un breve esempio di...

Riapertura delle scuole e sicurezza sul COVID (I): un breve esempio di uno studio tedesco

L’annullamento o la limitazione di incontri sociali su larga scala e di lunga durata come la chiusura di strutture educative sono stati identificati come tra gli interventi non farmaceutici più efficaci. Pertanto, i meccanismi di prevenzione delle infezioni a scuola sono cruciali, poiché molti paesi danno la priorità a lasciare le scuole aperte il più a lungo possibile. Da quando è diventato chiaro che SARS-CoV2 si trasmette anche tramite aerosol infettivi, è stato consigliato l’uso di mascherine in tessuto. Per i bambini, l’OMS raccomanda di valutare i benefici rispetto ai potenziali danni, tra cui disagio, espressione emotiva inibita e comunicazione impedita. Considerando che non è raccomandato ai bambini piccoli di indossare una maschera, i bambini di età pari o superiore a 10 anni potrebbero generalmente indossare una maschera, anche in classe. Inoltre, le infezioni variano e spesso si raggruppano localmente. È una questione aperta se le potenziali politiche relative alla scuola debbano essere messe in atto ea quale livello: a livello federale/paese, statale/provinciale o persino scolastico.

Le decisioni politiche saranno prese nonostante la mancanza di dati scientifici, a causa dell’urgenza e delle dinamiche della malattia. L’accettazione da parte del pubblico è quindi un indicatore importante per informare le attività di comunicazione che accompagnano l’introduzione di una nuova politica. Un team di scienziati dell’Università di Erfurt, quindi, ha valutato l’accettazione pubblica delle politiche relative alle maschere relative alla scuola all’interno del COSMO di monitoraggio delle istantanee di COVID-19 a sezione trasversale settimanale, informando il governo tedesco e altre autorità. Intorno a metà agosto erano disponibili quasi 1000 partecipanti. Al momento della raccolta dei dati, i bambini di età inferiore ai 6 anni erano esenti da qualsiasi obbligo di mascherina, mentre gli adulti dovevano indossare le mascherine nei trasporti pubblici e nei supermercati. I risultati mostrano che i genitori di bambini di età superiore ai 10 anni hanno concordato che gli insegnanti dovrebbero indossare una maschera in classe (56%), mentre solo il 42% ha concordato che anche i bambini dovrebbero indossare una maschera in classe.

Il 54% ha convenuto che le maschere dovrebbero essere indossate solo sulla strada per la scuola e nell’edificio scolastico, ma non in classe. Le indagini hanno rivelato che coloro che vivono in città o comunità più grandi – dove le classi sono generalmente più grandi – erano più d’accordo con l’uso della maschera in classe; coloro che sentivano un rischio maggiore (rischio sia cognitivo che affettivo), avevano maggiore fiducia nelle istituzioni o sentivano una maggiore autoefficacia nel combattere l’epidemia volevano anche che i bambini indossassero una mascherina in classe. Le donne erano più propense degli uomini a non essere d’accordo con l’uso della maschera in classe. L’uso della maschera da parte degli insegnanti è stato rifiutato in particolare dai partecipanti con un’istruzione superiore; quelli con percezioni di rischio più elevate e fiducia nelle istituzioni hanno preferito indossare la maschera da parte degli insegnanti. Le donne e le persone con bambini di età superiore ai 10 anni hanno preferito indossare la maschera solo sulla strada per la scuola e nell’edificio scolastico.

Coloro che favoriscono le politiche di mascherine obbligatorie in pubblico hanno anche favorito le mascherine nelle scuole; non c’era alcuna relazione con l’uso della maschera nell’edificio scolastico. Gli approcci partecipativi alla salute pubblica sono fondamentali per l’accettazione delle misure politiche. I dati mostrano che l’accordo generale con entrambe le politiche era basso, mentre generalmente l’accettazione delle maschere e l’effettivo comportamento di utilizzo delle maschere era alto in Germania. L’attuazione di entrambe le politiche nelle scuole richiederà quindi un’intensa comunicazione. Dovrebbe essere presa in considerazione anche l’accettazione di queste politiche da parte di insegnanti e alunni. Le donne sembrano essere un gruppo target importante, poiché hanno preferito indossare la maschera in classe meno degli uomini. Il ruolo delle donne nel controllo delle malattie infettive a scuola dovrebbe quindi ricevere un’attenzione e un sostegno speciali. L’uso della maschera in classe può consentire approcci pedagogici come l’insegnamento di persona o il lavoro di gruppo, invece dell’apprendimento online o DAD.

Esperti e rappresentanti governativi o delle istituzioni pubbliche sono tutti d’accordo che la presenza a scuola ha un valore pedagogico e di formazione decisamente superiore alla DAD, ma i formati online durante la pandemia hanno aumentato le disuguaglianze nelle opportunità di apprendimento e possono precludere ai bambini i necessari supporti sociali. Si è parlato, per esempio, dell’impossibilità per alcuni bambini di avere l’agevolazione economica di un tablet o un computer, che la famiglia non può permettersi. Ecco perché la presenza a scuola è preferibile alla DAD. Il messaggio più culturale che politico che deve arrivare dalle istituzioni non è che le misure di protezione scolastiche esistono o sono efficaci: ma che vanno rispettate per non far esporre bambini ed adolescenti ad inutili rischi.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Betsch C et al. Pub Health Pract (Oxf). 2021; 2:100115.

Stanton BF. Pediatr Clin North Am. 2021; 68(5):15-17.

Munday JD et al. BMC Med. 2021 Sep 10; 19(1):233.

Barcellini L et al. PLoS One. 2021 Sep; 16(9):e0257046.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI