HomeATTUALITA' & SALUTEL'immunità naturali al COVID dura davvero un anno? La raccolta dei dati...

L’immunità naturali al COVID dura davvero un anno? La raccolta dei dati più aggiornati

Si ritiene che i vaccini contro il coronavirus siano l’unico mezzo efficace per contenere rapidamente la pandemia. Gli scienziati hanno lavorato a una velocità senza precedenti per sviluppare vaccini e terapie per ridurre il tasso di mortalità dovuto all’infezione da COVID-19. Diversi vaccini hanno ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) e vengono utilizzati per vaccinare milioni di persone in tutto il mondo. Tuttavia, vaccinare la popolazione mondiale è un compito che richiede tempo. L’emergere di varianti SARS-CoV2 nel periodo tra lo sviluppo e l’approvazione del vaccino ha minacciato l’efficacia dei vaccini disponibili. I vaccini attualmente disponibili si basano sulla proteina spike del ceppo SARS-CoV2 originale. Gli anticorpi neutralizzanti (nAbs) vengono prodotti dopo l’infezione naturale da COVID-19 o dopo la vaccinazione. Capire per quanto tempo questi anticorpi proteggeranno gli individui dall’infezione da SARS-CoV2 e dalle sue varianti appena emerse è estremamente importante. Sebbene diversi studi abbiano stimato la persistenza dei titoli di nAb post-infezione, pochissimi hanno eseguito studi di follow-up a lungo termine (un anno dopo l’infezione), specialmente contro le varianti.

Un nuovo studio ha riportato la persistenza delle risposte immunitarie oltre dodici mesi dopo l’infezione naturale. In questo studio, i ricercatori hanno raccolto campioni di sangue da 358 pazienti confermati positivi alla SARS-CoV-2 in Giappone al 6° e al 12° mese dopo l’insorgenza della malattia. Questi campioni sono stati analizzati per l’immunità umorale completa utilizzando il metodo CLEIA. Gli scienziati hanno studiato i livelli di anticorpi immunoreattivi che prendono di mira il dominio RBD della proteina spike, della proteina nucleocapside (NP) e dei nAb contro più varianti. Gli autori di questo studio miravano anche a determinare i fattori dell’ospite che contribuiscono alla persistenza della risposta anticorpale. Nello studio attuale, i ricercatori hanno osservato che il 61% degli individui che hanno partecipato ha mostrato persistenza di nAbs a titoli funzionalmente efficaci per un anno nonostante una tendenza decrescente di nAbs nel tempo. Questo risultato è in linea con un altro studio recente che ha riportato che l’immunità indotta dopo l’infezione naturale da COVID-19 è stata mantenuta per almeno un anno.

Contrariamente a questi rapporti, uno studio precedente comprendente 164 pazienti ha riferito che oltre il 65% dei partecipanti non ha mostrato anticorpi o un rapido calo dei livelli di nAbs dopo sei mesi. Molti studi hanno indicato che la quantità di anticorpi prodotti, compreso il titolo nAb, è collegata alla gravità dell’infezione. Questi studi hanno anche suggerito che gli individui che hanno manifestato una grave malattia da COVID-19 con un’elevata carica virale possono indurre una forte risposta immunitaria umorale rispetto agli individui che hanno manifestato un’infezione lieve o asintomatica. Simile a questi rapporti, l’attuale studio ha anche osservato che gli individui che si sono ripresi da una grave infezione possedevano livelli più elevati di tutti i tipi di anticorpi analizzati in questo studio. Ancora più importante, questi pazienti hanno mostrato una maggiore capacità neutralizzante contro le VOC, incluso i ceppi Beta e Delta di SARS-CoV2. Questa è una scoperta interessante poiché diversi studi hanno indicato che il ceppo Delta può sfuggire alle risposte immunitarie indotte dopo l’infezione naturale o l’immunità indotta dal vaccino.

Tuttavia, a differenza dei pazienti che si sono ripresi da un’infezione grave, quelli che hanno manifestato una malattia lieve o asintomatica hanno mostrato una protezione ridotta contro i COV e livelli ridotti di nAbs. Studi precedenti hanno indicato che alcuni fattori dell’ospite, come l’obesità, il sesso e il fumo, possono influenzare la gravità della malattia. Tuttavia, questi studi non hanno indicato il ruolo di questi fattori dell’ospite sulla persistenza di nAbs a 12 mesi dopo l’infezione. Il presente studio ha affrontato il divario nella ricerca e ha riferito che l’infezione grave da COVID-19 e l’età dei pazienti erano significativamente correlate con l’entità dell’attività di neutralizzazione dopo 12 mesi. È interessante notare che questo studio ha anche rivelato che gli anziani che soffrivano di gravi infezioni da COVID-19 possedevano più nAb rispetto ai gruppi di età più avanzata vaccinati. Gli autori di questo studio non hanno osservato un robusto aumento della potenza neutralizzante tra i sei e i 12 mesi. Questo risultato indica che i cloni delle cellule B esprimono potenti nAbs immediatamente dopo la fase acuta dell’infezione.

In sintesi, gli autori del presente studio hanno rivelato che gli individui che si sono ripresi da COVID-19 hanno mostrato una solida immunità umorale anche a 12 mesi dall’infezione. Tuttavia, è stata osservata una tendenza alla diminuzione del livello di anticorpi. È interessante notare, però, che nei pazienti che soffrivano di una malattia grave gli anticorpi neutralizzanti si sono rivelati efficaci contro le varianti del virus.

  • A cura del Dott. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Miyakawa K. et al. medRxiv 2021 Sept 27:21264013.

Gallais F et al. EBioMedicine. 2021 Sep; 71:103561.

Lijeskić O et al. Vaccines (Basel) 2021 Sep; 9(9):1031.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI