HomeRICERCA & SALUTERivoluzionaria ricerca sull'artrite reumatoide: anche per lei ci sarà il vaccino?

Rivoluzionaria ricerca sull’artrite reumatoide: anche per lei ci sarà il vaccino?

I ricercatori dell’Università di Toledo hanno sviluppato un vaccino sperimentale che mostra notevoli promesse nella prevenzione dell’artrite reumatoide, una dolorosa malattia autoimmune che attualmente non può essere curata. I risultati, dettagliati in un articolo pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, rappresentano un importante passo avanti nello studio dell’artrite reumatoide e delle malattie autoimmuni in generale. L’artrite reumatoide si verifica quando il sistema immunitario attacca e rompe il rivestimento delle articolazioni di mani, polsi, caviglie e ginocchia. Alcune stime suggeriscono che l’artrite reumatoide colpisce fino all’1% della popolazione mondiale. Attualmente, l’artrite reumatoide viene trattata principalmente con corticosteroidi, farmaci immunosoppressori su larga scala o farmaci biologici più recenti e più mirati che prendono di mira uno specifico processo infiammatorio. Sebbene queste terapie possano alleviare il dolore e rallentare la progressione della malattia, possono anche rendere i pazienti più vulnerabili alle infezioni e, nel caso dei farmaci biologici, possono essere costose.

Lavorando sulla base di una nuova teoria secondo cui la proteina 14-3-3 zeta, una proteina intracellulare legata al processo di segnalazione cellulare attraverso la fosforilazione proteica, protegge dall’artrite reumatoide, il team ha sviluppato un vaccino a base di proteine ​​utilizzando la proteina 14-3-3 zeta coltivata in una cellula batterica e poi purificata. Hanno scoperto che il vaccino ha promosso una forte e immediata (ma di lunga durata) risposta del sistema immunitario innato, fornendo protezione contro la malattia. Questo team di scienziati ha studiato per anni una proteina chiamata 14-3-3 zeta e il suo ruolo nelle patologie immunitarie, inclusi gli aneurismi aortici e l’interleuchina 17 (IL-17), una citochina associata a malattie autoimmuni. Sulla base del loro lavoro precedente, il gruppo di ricerca si è concentrato sulla proteina come potenziale fattore scatenante dell’artrite reumatoide. Invece, hanno trovato il contrario. Piuttosto che prevenire l’artrite reumatoide, i ricercatori hanno scoperto che la rimozione della proteina attraverso la tecnologia di modifica genetica ha causato una grave artrite precoce nei modelli animali.

Il Dr. Ritu Chakravarti, Professore associato presso il College of Medicine and Life Sciences dell’Università di Toledo e autore principale dell’articolo, ha commentato le implicazioni dei risultati: “Nonostante la sua alta prevalenza, non esiste una cura e non sappiamo sapere cosa lo provoca. Questo è vero per quasi tutte le malattie autoimmuni, il che rende così difficile trattarle o prevenirle. Non abbiamo fatto grandi scoperte sul trattamento o la prevenzione dell’artrite reumatoide da molti anni. Il nostro approccio è completamente diverso. Questa è una strategia basata su un vaccino basata su un nuovo obiettivo che speriamo possa trattare o prevenire l’artrite reumatoide. Il potenziale qui è enorme. Con nostra grande sorpresa, l’artrite reumatoide è completamente scomparsa negli animali che hanno ricevuto un vaccino. Ci è capitato di centrare un risultato sbagliato, ma si è rivelato il miglior risultato. Questi tipi di scoperte scientifiche sono molto importanti in questo campo. Se riuscissimo a portare con successo questo vaccino in clinica, sarebbe rivoluzionario”.

Oltre a sopprimere lo sviluppo dell’artrite, il vaccino ha anche migliorato significativamente la qualità delle ossa, una scoperta che suggerisce che dovrebbero esserci benefici a lungo termine dopo l’immunizzazione. I ricercatori hanno depositato un brevetto sulla loro scoperta e stanno cercando partner dell’industria farmaceutica per supportare studi di sicurezza e tossicità nella speranza di stabilire una sperimentazione preclinica.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kim J et al. Proc Natl Acad Sci USA 2021 Aug; 118(34).

Wenhart C et al. Scient Rep. 2021 Aug 30; 11(1):17345.

Hussin DAAH et al. Clin Rheumatol. 2021; 40(6):2193.

Wang D et a. Int J Rheum Dis. 2020; 23(11):1443-1451.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI