HomeMALATTIEMALATTIE CARDIOVASCOLARIE' davvero colpa del colesterolo LDL? Le nuove scoperte mettono sempre più...

E’ davvero colpa del colesterolo LDL? Le nuove scoperte mettono sempre più in dubbio il dogma

Circa 12 milioni di persone negli Stati Uniti hanno una qualche forma di malattia delle arterie periferiche, un restringimento delle arterie nelle gambe, e circa 1 milione di questi pazienti sviluppa una forma grave chiamata ischemia cronica che minaccia gli arti. Questi pazienti rischiano di perdere le gambe, il che è devastante per la qualità della vita. Perdono la capacità di camminare e circa la metà di loro muore entro i prossimi due anni. Dobbiamo identificare questi pazienti prima, così possiamo aiutarli a trattarli in modo aggressivo molto prima nel decorso della malattia. Pertanto, spesso si sottopongono a chirurgia vascolare per aprire le loro arterie periferiche nel tentativo di migliorare il flusso sanguigno alle gambe. Nei casi più gravi, potrebbe essere necessario che i pazienti subiscano l’amputazione della gamba malata. Per monitorare la salute cardiovascolare, i medici misurano la pressione sanguigna, i livelli di colesterolo e la glicemia, tra una serie di altri fattori di rischio di malattie cardiovascolari. Tali misure possono aiutare a prevedere se una persona è a rischio di infarto o ictus.

Ma non esiste un esame del sangue in grado di valutare con precisione il grado di restringimento delle arterie di una persona o il rischio di ostruzione. Ora, i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno dimostrato che alti livelli di una specifica proteina circolante nel sangue rilevano con precisione un tipo grave di malattia delle arterie periferiche che restringe le arterie delle gambe e può aumentare il rischio di infarto e ictus. La proteina, chiamata sintasi degli acidi grassi circolanti (cFAS), è un enzima che produce acidi grassi saturi. Fino a poco tempo fa si pensava che la sintasi degli acidi grassi si trovasse solo all’interno delle cellule. Il nuovo studio suggerisce che l’enzima circola anche nel flusso sanguigno e può avere un ruolo importante nella formazione delle placche ateromasiche. Lo studio appare sulla rivista Scientific Reports ed è stato condotto da Mohamed A. Zayed, MD, PhD, professore associato di Chirurgia e Radiologia. Il suo team ha raccolto campioni di sangue da 87 pazienti prima che fossero sottoposti a chirurgia vascolare per trattare l’ischemia cronica degli arti inferiori.

I ricercatori hanno scoperto che i livelli di cFAS nel sangue erano associati indipendentemente alla malattia. Anche una diagnosi di diabete di tipo 2 e fumo erano fortemente e indipendentemente correlati con l’ischemia cronica pericolosa per gli arti. Quando tutti e tre questi fattori sono stati considerati insieme, è stato possibile prevedere la presenza della malattia con un’accuratezza dell’83%. I ricercatori hanno anche scoperto che i livelli di cFAS nel sangue erano associati al contenuto di acido grasso sintasi della placca prelevata dall’arteria femorale, il vaso principale che fornisce sangue alle gambe. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il cFAS circola attraverso il flusso sanguigno mentre è legato all’LDL, il cosiddetto colesterolo “cattivo”, il che solleva una domanda intrigante, a cui il dottor Zayed ha commentato: “Spesso, vedo pazienti nella mia pratica che hanno LDL alto ma sono individui altrimenti sani – non hanno evidenza di malattia nelle loro arterie. Mettiamo questi pazienti con farmaci per abbassare il colesterolo? Sono ancora davvero ad alto rischio di malattie cardiovascolari? “

Le attuali linee guida dell’AHA dicono di essere aggressivi nel curare questi pazienti. Ma il sospetto del dottor Zayed è che il problema non è l’LDL; piuttosto, sono gli enzimi attaccati alle LDL che conferiscono la malattia cardiovascolare che vediamo, in particolare nelle arterie periferiche, così come le arterie coronarie che portano il sangue al cuore e le arterie carotidi che portano il sangue al cervello. I ricercatori hanno scoperto che l’LDL è più abbondante del cFAS nel sangue, quindi la misura chiave potrebbe non essere l’LDL stesso, ma quanta parte dell’LDL porta con sé cFAS. In lavori precedenti, Zayed e i suoi colleghi hanno dimostrato che i livelli ematici di cFAS sono elevati anche nei pazienti con accumulo di placca nelle arterie carotidi, che forniscono sangue al cervello. Quel lavoro ha anche mostrato che il cFAS che circola nel sangue proviene dal fegato. L’evidenza suggerisce che LDL funge da veicolo di consegna per cFAS che quindi contribuisce alla formazione di placca nelle arterie chiave in tutto il corpo.

Nel frattempo, Zayed sta lavorando per sviluppare un kit di test per misurare la cFAS nel sangue in modo che i pazienti ad alto rischio possano essere identificati prima. Con il suo team sta anche studiando la cFAS come possibile bersaglio di nuove terapie farmacologiche che potrebbero rallentare l’accumulo di placca e curare o prevenire le malattie cardiovascolari: “Ci sono farmaci che inibiscono la sintasi degli acidi grassi e stiamo lavorando per valutarne di nuovi più mirati. Nessuno di loro è ancora pronto per le sperimentazioni cliniche sulle persone per questo scopo, ma stiamo usando quei farmaci per testare modelli animali della malattia, per vedere se effettivamente riducono l’accumulo di placca nelle arterie. In futuro saremo in grado di praticare la medicina vascolare di precisione, per adattare la terapia ai pazienti ad alto rischio per ridurre il rischio di sviluppare gravi complicanze delle malattie cardiovascolari”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Tay S et al. Sci Reports Sept 2021 Sep 29; 11(1):19272.

Wu YW et al. Int J Mol Sci. 2020 Dec 3; 21(23):9245.

De Silva GS et al. Atherosclerosis 2019 Aug; 287:38-45.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI