HomeRICERCA & SALUTEIl grasso viscerale: l'insabbiato mediatore dell'infiammazione nella malattia di Crohn

Il grasso viscerale: l’insabbiato mediatore dell’infiammazione nella malattia di Crohn

L’eziopatogenesi della malattia infiammatoria intestinale (IBD) deriva dallo squilibrio tra predisposizione genetica, fattori ambientali (infezioni, dieta, fumo, droghe, stress e stato socioeconomico) e microbiota intestinale. Un ruolo cruciale nell’infiammazione intestinale è svolto dalla modulazione della funzione delle citochine. Oltre ad essere coinvolto nell’omeostasi energetica, il tessuto adiposo è un organo endocrino e immunitario che contribuisce in modo significativo ai processi infiammatori. Un certo numero di adipochine (ormoni e citochine secrete dal tessuto adiposo), soprattutto dal grasso mesenterico, possono influenzare la patogenesi dell’IBD; pertanto, l’obesità può rappresentare un sostanziale fattore di rischio per lo sviluppo del morbo di Crohn. Il sovrappeso può essere presente nel 20-40% dei pazienti con IBD nei paesi occidentali, mentre l’obesità può colpire circa il 15-40% di questa popolazione. Circa il 20% dei bambini con Crohn e il 30% con rettocolite ulcerosa (RCU) sono in sovrappeso o obesi.

Esiste un’associazione diretta tra BMI infantile e Crohn diagnosticato prima dei 30 anni di età, nonché un’associazione inversa tra BMI infantile e UC indipendentemente dall’età. Ciò supporta l’ipotesi che l’obesità sia un fattore di rischio per il Crohn e suggerisce che il sottopeso infantile potrebbe essere un fattore di rischio per la RCU. Infatti, i pazienti con malattia infiammatoria intestinale hanno una maggiore adiposità addominale e una minore massa muscolare scheletrica rispetto agli individui sani. Una nuova ricerca condotta dall’Università di Limerick in Irlanda ha rivelato un legame diretto tra il tessuto adiposo e il morbo di Crohn. Lo studio suggerisce per la prima volta che il morbo di Crohn potrebbe in effetti essere una condizione dell’intestino grasso. La ricerca, pubblicata sulla principale rivista Scientific Reports, è stata descritta come “un entusiasmante punto di partenza” per l’ulteriore esplorazione della malattia di Crohn, che colpisce migliaia di persone ogni anno in Irlanda ea livello internazionale.

Lo studio ha coinvolto l’analisi della composizione corporea dei pazienti con malattia di Crohn con il team UL che ha collaborato con gastroenterologia e specialisti chirurgici in UHL. Il professor Colum Dunne, presidente della Fondazione e direttore della ricerca presso la UL School of Medicine, ha spiegato: “Le persone con malattia di Crohn incorporano il grasso nel loro corpo in un modo diverso dalle persone che non hanno il morbo di Crohn e sembrano deporre preferenzialmente il grasso sulle parti inferiori del corpo piuttosto che sull’addome. Nel nostro studio era evidente che, nelle zone addominali dove si trovano gli intestini, le ulcere o lesioni e le infiammazioni correlate al Crohn sono associate a maggiori depositi di grasso.Più semplicemente, in quanto parte del loro corpo che ha relativamente meno grasso complessivo, la malattia si presenta come collegata al tessuto adiposo che circonda l’intestino”.

L’infiammazione intestinale penetra nel tessuto adiposo circostante lungo il mesentere nei pazienti con questa malattia. Questo grasso mesenterico ipertrofico, che circonda l’intestino infiammato, è chiamato “grasso strisciante” ed è patognomonico del Crohn. È costituito da adipociti, cellule endoteliali, cellule immunitarie, fibroblasti, pre-adipociti e cellule staminali. Questo tessuto adiposo attivato secerne un ampio spettro di mediatori, tra cui citochine, adipochine, acidi grassi e fattori di crescita. Il grasso strisciante è interposto tra sierosa e muscolare propria, il che suggerisce che gli adipociti sono in contatto diretto con le cellule muscolari lisce intestinali. In questo modo, la presenza di grasso strisciante è associata a iperplasia muscolare propria, infiammazione transmurale e fibrosi intestinale. Gli adipociti sono una fonte extraepatica di proteina C-reattiva (PCR), un marker infiammatorio rilevabile di routine dalle normali analisi del sangue.

In uno studio di Anty et al., l’espressione genica della PCR non solo era aumentata nel fegato ma anche nel tessuto adiposo dei pazienti obesi rispetto ai soggetti di controllo. Nel tessuto adiposo umano, i livelli di PCR sono stati correlati positivamente con quelli di IL-6 e l’espressione di PCR è stata potenziata in vitro da IL-6 e lipopolisaccaridi batterici. Il grasso mesenterico è un’importante fonte di PCR anche nei pazienti con malattia di Crohn. La produzione di PCR da parte degli adipociti mesenterici può essere innescata da stimoli infiammatori e batterici durante la traslocazione batterica nel grasso mesenterico. È stato ipotizzato che l’aumento della produzione di citochine nel mesentere infiammato, insieme ai batteri traslocanti, possa innescare la produzione di PCR da parte degli adipociti mesenterici nei pazienti con il Crohn. Si sospetta che la traslocazione dei batteri nel grasso viscerale sia favorita da due fattori: la permeabilità intestinale indotta dall’infiammazione e dal fatto che i lipopolisaccaridi batterici siano sostanze che si sciolgono nei grassi.

Sono in aumento i dati clinici e sperimentali che dimostrano che il tessuto adiposo, in particolare quello viscerale sia coinvolto nella patogenesi delle IBD. Il grasso viscerale mostra attività pro-infiammatoria, immuno-regolatoria ed endocrina. L’obesità sembra essere un importante fattore di rischio anche per la gravità della malattia IBD e gli esiti clinici. I meccanismi esatti con cui l’obesità media questi effetti non sono esattamente chiari. Tuttavia, questo è probabilmente operato dal grasso viscerale, che partecipa alle risposte immunitarie al microbiota gastrointestinale e secernendo un numero di mediatori chiave che modulano l’infiammazione e portano a cambiamenti nella produzione locale di citochine e ormoni.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dowling L, Jakeman P et al. Sci Rep 2021 Sept 28; 11(1):19258.

Mao, R.; Kurada, S et al. Inflamm Bowel Dis. 2019; 25:421–426.

Kredel LI, Jödicke LJ et al. J Crohn’s Colitis 2019; 13:79–91.

Harper JW et al. World J Gastroenterol. 2016; 22:7868–7881.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI