HomeMALATTIEMALATTIE AUTOIMMUNIAllergie e gravidanze: due facce della stessa medaglia che regolano le acuzie...

Allergie e gravidanze: due facce della stessa medaglia che regolano le acuzie della sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia imprevedibile a lungo termine che colpisce il sistema nervoso centrale, che comprende cervello, midollo spinale e nervi ottici. La SM è una malattia autoimmune, in cui gli attacchi infiammatori danneggiano il rivestimento di mielina che protegge le fibre nervose e i segnali elettrici che trasportano. Gli attacchi possono anche danneggiare le fibre nervose stesse e le cellule che producono la mielina. I sintomi della SM possono persistere e peggiorare gradualmente, oppure possono andare e venire. Sebbene la malattia possa colpire a qualsiasi età, la maggior parte delle persone ha un’età compresa tra i 20 ei 50 anni quando scopre di avere la SM. I sintomi possono variare ampiamente, a seconda dell’entità e della posizione del danno al sistema nervoso centrale. Possono variare, ad esempio, da disturbi della vista, stanchezza estrema, difficoltà di movimento e problemi di memoria e concentrazione, a tremori, linguaggio confuso, intorpidimento, cecità, paralisi e altro. Sebbene non sia chiaro quale corso prenderà la malattia in una persona, i medici riconoscono quattro tipi principali di SM. I tipi variano a seconda del modello e della gravità dei sintomi.

Le allergie possono riaccendere la malattia dormiente?

Studi passati hanno proposto che l’allergia potrebbe avere un ruolo nella sclerosi multipla. Tuttavia, sebbene abbiano menzionato potenziali candidati, come polline, erba, animali domestici, farmaci e vari alimenti, gli studi sono stati in gran parte inconcludenti. Nel 2017, dei ricercatori Brigham and Women’s Hospital di Boston hanno condotto uno studio che esamina più da vicino i collegamenti tra allergia e attività della malattia della SM. Utilizzando i loro dati interni di una coorte di 1350 persone con SM da uno studio chiamato CLIMB, hanno estratto i dati sulle allergie dai loro pazienti e sull’attività della malattia da questionari clinici e scansioni RM. I dati coprivano il periodo 2011–2015. Del totale, 586 hanno riferito di avere un’allergia ambientale, 238 hanno dichiarato di avere un’allergia alimentare e 574 un’allergia ai farmaci. Il numero che non segnalava allergie note era 427. I ricercatori hanno quindi valutato l’attività della malattia della SM in ciascuno dei gruppi. Per la valutazione, hanno utilizzato una serie di variabili cliniche e radiologiche. Una prima analisi ha rilevato che, rispetto a non avere allergie note, avere un’allergia era associata a un tasso più alto del 22% di attacchi cumulativi di SM.

Tuttavia, quando l’analisi è stata ripetuta, questa volta tenendo conto di altri potenziali fattori di influenza, il collegamento è scomparso. Quando il team ha analizzato le allergie specifiche, c’era una storia diversa. Rispetto a non avere allergie note, avere un’allergia alimentare era legata a un tasso cumulativo più alto del 27% di attacchi di SM, anche dopo aver tenuto conto dei potenziali fattori di influenza. Il legame tra malattia attiva e allergia era ancora più evidente. Le probabilità che le scansioni RM mostrassero prove di malattia attiva erano più alte per qualsiasi allergia, rispetto a nessuna allergia nota. Tuttavia, le probabilità che il gruppo di allergie alimentari mostrasse prove di risonanza magnetica di malattia attiva erano il doppio di quelle del gruppo di allergie non note. Il team non ha trovato collegamenti tra punteggi di gravità o disabilità e qualsiasi forma di allergia. Poiché lo studio ha esaminato un’istantanea della malattia in un determinato momento, non ha potuto determinare causa ed effetto. Altri studi hanno suggerito, tuttavia, che le allergie possono aggravare l’infiammazione nella SM, e che questo potrebbe essere collegato a fattori genetici che la SM e altre malattie autoimmuni hanno in comune.

Cosa succede alla paziente se entra in gravidanza?

I ricercatori si sono interrogati per molti decenni su come il corpo gestisca il paradosso che sorge quando una donna rimane incinta. Da un lato, il sistema immunitario della madre deve essere adattato in modo che non reagisca contro il feto. D’altra parte, il sistema immunitario deve fornire una protezione efficace contro le infezioni. I ricercatori dell’Università di Linköping in Svezia hanno studiato come cambia il sistema immunitario di una donna incinta durante una gravidanza normale. Hanno studiato il ruolo svolto dal timo nella regolazione immunitaria, interessandosi particolarmente a un tipo di linfociti T, noti come linfociti T regolatori (Tregs), poiché questi possono interagire con altre cellule del sistema immunitario e impedire loro di attaccare i nostri tessuti. Il timo gioca un ruolo centrale nello sviluppo di un gruppo fondamentale di cellule immunitarie, i linfociti T. Essi fungono da conduttore d’orchestra determinando come reagisce il sistema immunitario.

Il loro studio mostra che il timo, un organo del sistema immunitario situato vicino al cuore, svolge un ruolo importante durante una normale gravidanza nel garantire che il sistema immunitario della madre protegga dalle infezioni e allo stesso tempo tolleri il feto. Hanno così scoperto che l’uscita delle cellule T dal timo non cambia durante la gravidanza. Anzi, la produzione di cellule T regolatorie, che possono indebolire la risposta immunitaria, sembra aumentare durante la gravidanza. Questi risultati possono spiegare come la madre possa non solo tollerare il feto, ma anche mantenere la sua difesa contro l’infezione. Non solo, potrebbe spiegare anche perché i sintomi delle donne con SM spesso migliorano durante la gestazione stessa. la prima prova di questo fenomeno si ebbe scientificamente nel 2007, quando ricercatori della Columbus University dimostrarono che la gravidanza sopprime le SM sperimentale (EAE) proprio attraverso la modulazione di citochine immunitarie.

Quando si verifica l’immunizzazione durante la gravidanza, i topi mostrano una riduzione dell’incidenza di EAE e una diminuzione della gravità clinica, mentre i topi immunizzati durante il periodo post-partum mostrano una malattia più grave. Non sono state notate differenze nella proliferazione dei linfociti o nell’espressione dei marcatori di attivazione quando l’immunizzazione si è verificata durante la gravidanza, rispetto ai controlli non gravidi. I topi immunizzati durante la gravidanza hanno prodotto meno TNF-alfa e IL-17, che sono citochine centrali per l’infiammazione del sistema nervoso nella SM. Non si sono avute alterazioni di altre citochine potentemente infiammatorie come IL-2, IL-4 o IL-5. I risultati del team sono stati confermati in uno studio postumo del 2011, dove i ricercatori hanno scoperto che il meccanismo di soppressione sulle cellule immunitarie in gravidanza dipende dagli exosomi.

Queste vescicole cellulari sono pacchetti che contengono svariati tipi di molecole (citochine, enzimi, RNA, proteine segnale, ecc.) e sono sotto intenso studio perché rappresentano una rete “postale” con cui il sistema immunitario scambia messaggi di priorità e non. E’ persino noto che sono gli exosomi placentari a dettare quando si devono “rompere le acque”. Quindi sebbene disregolato al punto di sviluppare una sclerosi multipla, il sistema immunitario conserva la sua memoria originale per dare la priorità alla venuta di “un’altra vita”, mettendosi mettersi da parte per fargli spazio. Anche se non ci sono moltissimi lavori sull’argomento, volti ad indagare in profondità i meccanismi molecolari con cui la gravidanza tiene a bada la sclerosi multipla, per poterne ricavare prospettive mediche, quello che si sa fa capire quanto complessa sai la natura di questa malattia.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Engler JB et al. J Immunol. 2019 Oct; 203(7):1743-1752.

Lückel C, Picard F et al. Nat Commun. 2019;10(1):5722.

Severa M et al. Sclerosis Relat Disord. 2018; 27:52-60.

Worley L et al. Immunol Cell Biol. 2018; 97(4):380-388.

Gatson NN et al. J Neuroimmunol 2011; 230(1-2):105-13.

McClain MA et al. J Immunol2007; 179(12):8146-52.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI