HomeBENESSERE & SALUTESpazi verdi e salute mentale: dai parchi cittadini ai boschi, alla ricerca...

Spazi verdi e salute mentale: dai parchi cittadini ai boschi, alla ricerca del nostro benessere

La ricerca passata ha trovato benefici per la salute e il benessere della natura per gli esseri umani, ma questo è il primo studio a dimostrare che la natura selvaggia nelle aree urbane è profondamente importante per il benessere umano. Uno studio dell’Università di Washington nel 2019 ha scoperto che non tutte le forme della natura sono uguali quando si considerano i benefici per il benessere delle persone. L’esperienza della natura selvaggia, in particolare, è particolarmente importante per la salute fisica e mentale, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Sustainable Cities. Il team di ricerca ha intervistato diverse centinaia di frequentatori del parco, chiedendo loro di inviare un riassunto scritto online di un’interazione significativa che hanno avuto con la natura nel Discovery Park di Seattle. Tra i 320 partecipanti presentati, ha iniziato a emergere uno schema di categorie che i ricercatori chiamano “linguaggio della natura”. Dopo aver codificato tutti gli invii, una mezza dozzina di categorie – ciò che i ricercatori chiamano “schemi di interazione” – sono state notate più spesso come importanti per i visitatori. Questi includono incontrare la fauna selvatica, camminare lungo il bordo dell’acqua, guardare un panorama e seguire un sentiero stabilito.

Inoltre, i ricercatori hanno esaminato se la relativa natura selvaggia del parco fosse importante nelle esperienze più significative di ogni visitatore nel parco. Hanno definito “relativamente selvaggio” includendo la terra varia e relativamente non gestita del Discovery Park, i suoi alti livelli di biodiversità, la sua “grande natura” come alberi secolari, ampi spazi aperti, ampi panorami e l’esperienza delle persone della solitudine del parco e della rimozione dalla civiltà. Queste caratteristiche selvagge erano importanti per le esperienze delle persone, in quasi tutti i casi. Ad esempio, “avvistare l’aquila calva” fa riferimento a un uccello relativamente selvaggio e “osservare gli uccelli appollaiati su un vecchio albero in crescita” indica un habitat selvaggio in cui quell’albero può prosperare. Dare un nome a ogni esperienza nella natura crea un linguaggio utilizzabile, che è importante affinché le persone siano in grado di riconoscere e prendere parte alle attività che sono più soddisfacenti e significative per loro. È ampiamente riconosciuto che l’attività fisica migliora la salute umana, ma il modo in cui parchi, laghi, alberi e altri spazi verdi urbani aumentano l’attività fisica e il benessere generale è un pezzo irrisolto del puzzle.

Un team di scienziati della Stanford University, in California, quest’anno ha combinato decenni di ricerca sulla salute pubblica con informazioni sui benefici della natura per le persone in città. Hanno considerato come attività come la passeggiata con il cane, il jogging, la bicicletta e il giardinaggio comunitario siano supportate dagli spazi naturali delle città. Hanno anche preso in considerazione cose come la distanza dal verde urbano, i sentimenti di sicurezza e accessibilità per capire come questi elementi possono alterare i benefici della natura per persone diverse. Man mano che il nostro mondo diventa più urbanizzato e incentrato sulla città, la capacità di accedere facilmente agli spazi naturali all’aperto diventa sempre più difficile, soprattutto per le comunità affollate. Identificare dove manca la natura urbana nelle comunità vulnerabili o sovraccariche potrebbe fornire alle persone nuove preziose opportunità per migliorare la salute. I ricercatori sperano che il nuovo studio fornisca agli urbanisti una comprensione più completa dei benefici che la natura può fornire alle loro comunità. Dai marciapiedi alberati, ai parchi cittadini ai lungomare, il team ha creato una struttura modello per mappare i benefici per la salute fisica della natura urbana.

Il quadro dei ricercatori ha esplorato il modo in cui le persone potrebbero scegliere di camminare per qualche isolato in più per godersi un giardino fiorito o andare in bicicletta lungo un percorso fluviale, raccogliendo i benefici per la salute dell’attività fisica che potrebbero aver perso se non motivati ​​dagli spazi naturali. Si è concluso che la stimolazione visiva con spazi verdi, alberi e vegetazione intorno alle fonti d’acqua, aumenta il benessere psicologico. Questo potrebbe essere vero anche per i boschi o per vivere intorno ai boschi. L’analisi della vicinanza dei bambini e dei giovani ai boschi ha anche mostrato legami con un migliore sviluppo cognitivo e un minor rischio di problemi emotivi e comportamentali, in una ricerca degli scienziati dell’Imperial College di Londra che potrebbe influenzare le decisioni di pianificazione nelle aree urbane pubblicata quest’estate. In quello che si ritiene sia uno dei più grandi studi del suo genere, i ricercatori hanno utilizzato dati longitudinali relativi a 3.568 bambini e adolescenti, dai nove ai 15 anni, provenienti da 31 scuole in tutta Londra. Questo periodo è un momento chiave nello sviluppo del pensiero, del ragionamento e della comprensione del mondo degli adolescenti.

Lo studio ha esaminato i collegamenti tra i diversi tipi di ambienti urbani naturali e lo sviluppo cognitivo, la salute mentale e il benessere generale degli alunni. Gli ambienti sono stati suddivisi in quello che i progettisti chiamano spazio verde (boschi, prati e parchi) e spazio blu (fiumi, laghi e mare), con lo spazio verde ulteriormente separato in prati e boschi. I ricercatori hanno utilizzato i dati satellitari per calcolare il tasso di esposizione giornaliera di ogni adolescente a ciascuno di questi ambienti entro 50 m, 100 m, 250 m e 500 m da casa e scuola. Dopo aver aggiustato per altre variabili, i risultati hanno mostrato che una maggiore esposizione giornaliera ai boschi (ma non ai prati) era associata a punteggi più alti per lo sviluppo cognitivo e a un rischio inferiore del 16% di problemi emotivi e comportamentali due anni dopo. Un effetto simile ma minore è stato osservato per lo spazio verde, con punteggi più alti per lo sviluppo cognitivo, ma non per lo spazio blu. I ricercatori notano tuttavia che l’accesso allo spazio blu nella coorte studiata era generalmente basso. Esempi di altre variabili esplicative considerate includevano l’età del giovane, l’origine etnica, l’occupazione dei genitori e il tipo di scuola.

Il livello di inquinamento atmosferico potrebbe aver influenzato lo sviluppo cognitivo degli adolescenti, ma i ricercatori non hanno ritenuto che queste osservazioni fossero affidabili o conclusive e richiedono ulteriori indagini. I risultati di questo studio suggeriscono che le decisioni di pianificazione urbana per ottimizzare i benefici dell’ecosistema legati allo sviluppo cognitivo e alla salute mentale dovrebbero considerare attentamente il tipo di ambiente naturale incluso. Anche gli ambienti naturali più lontani dalla residenza e dalla scuola di un adolescente possono svolgere un ruolo importante, non solo il loro ambiente immediato. Questo punto è difficile da valutare. Può dipendere da fattori culturali, se la famiglia del bambino o del ragazzo ha la tendenza salutistica o di frequentare posti aperti ed aerati, luoghi di campagna o se è stata abituata a vivere in spazi verdi piuttosto che estremamente “urbanizzati”. Ma per senso ed esperienza comune, il frequentare spazi verdi fa bene sin dalla tenera età; la scienza, indagando sistematicamente, invece cerca di capire come questo promuove il benessere mentale dai bambini agli adulti.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Maes MJA, Pirani M et al. Nature Sust 2021 Jul; 4:851-858.

Hunter RF et al. Int J Behav Nutr Phys Act. 2021; 18(1):142.

Geneshka M et al. Int J Environ Res Pub Health 2021; 18(17):9010.

Reuben A, Rutherford GW et al. Prev Med. 2020; 141:106265.

Lavery AM et al. Ann Clin Transl Neurol. 2018; 5(10):1146-53.

Hartig T, Kahn PH Jr. Science 2016 May; 352(6288):938-40.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI