HomeATTUALITA' & SALUTEI pazienti tumorali dovrebbero vaccinarsi per il COVID? Cosa si sa fino...

I pazienti tumorali dovrebbero vaccinarsi per il COVID? Cosa si sa fino ad oggi

Il lancio dei vaccini COVID-19 in molte parti del mondo ha sollevato speranze di controllo della pandemia. La pandemia ha avuto un grave impatto sull’assistenza e sulla ricerca oncologica. I pazienti con cancro sottostante sono più vulnerabili a contrarre COVID-19 e hanno anche un decorso clinico più grave dopo l’infezione. Mentre la maggior parte dei pazienti con COVID-19 rimane pauci o asintomatica, circa il 10-15% ha una malattia più grave, con alcuni che sviluppano una sindrome clinica che condivide alcune somiglianze con i tumori maligni, tra cui iperinfiammazione, disfunzione immunitaria e, nella maggior parte dei casi, preoccupazione, trombosi diffusa, con particolare preoccupazione per la microangiopatia. I pazienti con cancro sottostante che sviluppano COVID-19 costituiscono una popolazione vulnerabile. Una meta-analisi di 33.879 pazienti con COVID-19 e cancro ha mostrato che la loro probabilità di morte era del 25,4%.

I pazienti con cancro del polmone e neoplasie ematologiche sono a più alto rischio, così come i riceventi di trapianti di cellule staminali e terapie cellulari adottive. La maggior parte degli studi di fase 3 sul vaccino COVID-19 ha escluso la partecipazione di pazienti con cancro. Pertanto, non ci sono dati sufficienti sulla sicurezza o l’efficacia di questi vaccini in questa popolazione di pazienti. Tuttavia, dato l’elevato rischio di mortalità per infezione da SARS-CoV2 tra i pazienti con cancro, l’elevata efficacia dei vaccini COVID-19 nella prevenzione di gravi infezioni nella popolazione generale e la bassa incidenza di gravi effetti avversi, diverse società di oncologia professionale e altri servizi sanitari organizzazioni e agenzie hanno sostenuto che è probabile che il rapporto rischio-beneficio sia fortemente a favore della vaccinazione delle persone con il cancro. Anche la maggior parte dei pazienti con cancro è favorevole alla vaccinazione.

Gli inibitori del checkpoint immunitario (ICI) sono stati approvati per il trattamento di un’ampia varietà di tumori maligni. Esiste una preoccupazione teorica che i vaccini COVID-19 possano avere un impatto sulla tossicità o sull’efficacia degli ICI. In uno studio condotto in Israele, a 134 pazienti affetti da cancro con terapia ICI in corso sono state somministrate due dosi del vaccino BNT162b2. Gli effetti collaterali locali più comuni sono stati dolore al sito di iniezione (63%) e gonfiore locale (9%), mentre il lato sistemico più frequente gli effetti sono stati dolore muscolare (34%), affaticamento (34%), mal di testa (16%) e febbre, brividi e complicanze gastrointestinali (10% ciascuno). Questo profilo di tossicità era sostanzialmente simile tra la coorte di pazienti affetti da cancro trattati con ICIs e una coorte abbinata di controlli sani; non sono stati osservati eventi avversi gravi correlati al vaccino o all’ICI.

Attualmente, ci sono dati limitati sull’efficacia dei vaccini COVID-19 nei pazienti con cancro. In attesa che vengano raccolti ulteriori dati sperimentali e del mondo reale, potrebbe essere prudente per i responsabili delle politiche prendere in considerazione punti temporali personalizzati per vaccinare i pazienti con cancro o altre cause di immunodeficienza. I pazienti vulnerabili con cancro potrebbero essere ulteriormente protetti vaccinando in via prioritaria i loro caregiver e tutto il personale delle case di cura. Alcuni pazienti con cancro possono avere una ricostituzione immunitaria incompleta dopo la terapia antitumorale, o possono avere uno stato immunocompromesso a causa della loro malattia, e quindi possono generare una risposta protettiva subottimale dopo due dosi. La tempistica ottimale della vaccinazione rispetto alla somministrazione della chemioterapia è importante.

In teoria (ed anche in pratica), i vaccini dovrebbero idealmente essere somministrati in un momento in cui il sistema immunitario del paziente è meno turbato dalla terapia. Poi ci sono delle variabilità da studio a studio. Uno studio clinico ha visto che si 110 pazienti vaccinati con due dosi, c’è stata una quasi totale mancanza di efficacia protettiva vista dalla scarsa intensità di elaborazione anticorpale. Un altro studio israeliano, che ha testato l’efficacia del vaccino Pfizer su 129 pazienti tumorali ha trovato che il tasso di sieropositività al SARS-CoV2 tra i pazienti con cancro e i controlli è stato rispettivamente del 32,4% contro il 59,8% dopo la prima dose e dell’84,1% contro il 98,9% dopo la seconda dose. Il titolo anticorpale mediano era più basso tra i pazienti rispetto ai controlli. I pazienti che erano sieronegativi dopo la seconda dose avevano significativamente più comorbidità rispetto ai pazienti con sieropositività al virus.

C’è polemica sul fatto che dato il rischio che i vaccini anti-COVID possano provocare fenomeni trombotici, almeno in certe circostanze, e che i pazienti tumorali siano già di loro predisposti alla trombosi, la loro vaccinazione possa essere poco rilevante. C’è però da aggiungere o controbattere, se si vuole, che i pazienti tumorali sono già di loro compromessi sull’efficienza immunitaria. Una stimolazione immunitaria con la vaccinazione potrebbe risultare utile non solo contro una eventuale contrazione del COVID, ma anche contro la malattia tumorale stessa.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Smueli ES et al. Eur J Cancer 2021 Nov; 157:124-131.

Saini KS, Martins-Branco D et al. Oncol Ther 2021 Jul 16.

Brodziak A, Sigorski D et al. Vaccines. 2021; 9(5):411.

Zhang H et al. J Natl Cancer Inst. 2021; 113(4):371–80.

Corti C et al. Eur J Cancer (Oxf Engl) 2021; 148:316–27.

Saini KS et al. Eur J Cancer (Oxf Engl) 2020; 139:43–50.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI