HomeLAVORO & SALUTESigaretta, tabacco riscaldato e alcolici inficiano la vaccinazione anti-COVID: i dati preliminari...

Sigaretta, tabacco riscaldato e alcolici inficiano la vaccinazione anti-COVID: i dati preliminari su personale lavorativo giapponese

Si prevede che l’onere del COVID-19 diminuirà con l’aumentare della copertura dei vaccini contro SARS-CoV-2.

Numerosi studi dimostrano un alto grado di variabilità interindividuale nei livelli anticorpali indotti dal vaccino. Sebbene diversi fattori possano contribuire all’eterogeneità, è fondamentale delineare i fattori modificabili che influenzano l’immunogenicità post-vaccino. La ricerca epidemiologica sulla relazione tra fumo e consumo di alcol e titoli anticorpali post-vaccino è stata contraddittoria. Non ci sono dati che associno la risposta anticorpale post-vaccino all’uso del tabacco riscaldato (HNB), che ha guadagnato popolarità nel mercato globale. È noto che il fumo e l’eccesso di alcol compromettono l’attivazione dell’immunità innata e acquisita e di conseguenza riducono la formazione di anticorpi indotta dal vaccino. Come con le sigarette normali, i prodotti del tabacco HNB includono la nicotina, che può influenzare negativamente il sistema immunitario. Relativamente al consumo di alcol, studi precedenti non hanno valutato la relazione dose-risposta con particolare enfasi sull’effetto del consumo moderato.

Uno studio appena pubblicato da un team giapponese ha studiato la relazione tra il fumo (incluso l’uso di tabacco HNB) e l’assunzione di alcol con titoli anticorpali di immunoglobuline (Ig) G contro la proteina spike SARS-CoV-2 nel personale delle strutture di ricerca medica nazionali giapponesi che hanno ricevuto due dosi di vaccinazione BNT162b2. Nel 2020, è stato avviato uno studio congiunto che ha coinvolto molti centri e ripetute indagini sierologiche tra i dipendenti dei sei centri nazionali giapponesi per la medicina avanzata e la ricerca. Lo studio ha arruolato 5.718 lavoratori, di cui 5.013 hanno riferito di aver ricevuto due dosi della vaccinazione Pfizer. I partecipanti sono stati divisi in cinque categorie: mai fumatori; ex fumatori (che non usavano tabacco HNB); fumatori attuali che usavano solo prodotti del tabacco HNB; fumatori attuali che fumano solo sigarette convenzionali; e gli attuali fumatori che fumano sia sigarette convenzionali che prodotti del tabacco HNB (doppi utenti).

Inoltre, è stato valutato il consumo medio giornaliero di alcol e i soggetti sono stati divisi in cinque gruppi: non bevitori, bevitori occasionali (da uno a tre giorni al mese) e bevitori settimanali che ingeriscono 1 go/giorno, 1-1,9 go/giorno o 2 go/giorno (1 go di sake giapponese contiene circa 23 grammi di etanolo). L’età media dei partecipanti era di 41 anni; Il 72% erano donne con una storia dello 0,5% di COVID-19. Complessivamente, il 34% della forza lavoro era costituito da infermieri; gli altri erano professionisti sanitari (18%), impiegati amministrativi (15%), medici (14%) e ricercatori (13%). Quasi la metà dei 212 fumatori attuali utilizzava prodotti del tabacco riscaldato. Nel frattempo, il 39% dei partecipanti consumava alcol almeno una volta alla settimana. Tra la seconda vaccinazione e la raccolta del campione di sangue, il ritardo mediano è stato di 64 giorni. I titoli anticorpali IgG anti-SARS-CoV2 erano in media di 144 SU/mL, con il 99,5% dei soggetti sieropositivi.

I fumatori attuali hanno mostrato titoli anticorpali inferiori rispetto ai non fumatori. Gli utenti esclusivi di prodotti a base di tabacco riscaldato e i doppi utenti avevano medie stimate significativamente inferiori; tuttavia, le differenze non erano statisticamente significative. La riduzione ha raggiunto una significatività statistica in un’analisi post-hoc che combina le due categorie di fumatori di tabacco riscaldato. I fumatori di sigarette giornalieri che consumavano 11 o più sigarette al giorno avevano una riduzione maggiore dei titoli di IgG rispetto a quelli che consumavano meno di 11 sigarette al giorno. Inoltre, i titoli anticorpali erano sostanzialmente inferiori nei bevitori moderati. L’analisi spline ha rivelato una chiara associazione dose-risposta con una significativa diminuzione del rapporto tra le medie che si verifica fino a circa 1 go/giorno di consumo di alcol, seguita da un progressivo declino con l’aumento del consumo di alcol.

Rispetto ai non fumatori, i fumatori esclusivi di sigarette avevano titoli anticorpali anti-SARS-CoV-2 spike IgG notevolmente inferiori. Inoltre, i titoli anticorpali hanno dimostrato una chiara tendenza alla diminuzione con l’aumento del consumo di alcol, con riduzioni significative riscontrate anche a bassi livelli di alcol. I risultati hanno supportato un effetto deleterio dell’uso del tabacco riscaldato sull’immunogenicità alla vaccinazione anti COVID. Pertanto, in via preliminare i ricercatori confermano che le sigarette convenzionali, i prodotti con tabacco riscaldato e il consumo eccessivo di alcol e persino l’alcol con moderazione, possono compromettere la risposta immunologica alla vaccinazione per il COVID-19.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Yamamoto S et al. medRxiv 2021 Nov 29; 21267032.

Saadatian-Elahi M et al. J Med Virol. 2021; 93(12):6822.

Raspe M et al. Pneumologie. 2021 Nov; 75(11):846-855.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI