HomeMALATTIEMALATTIE AUTOIMMUNIMalattia da rigetto al trapianto: la terapia è più efficace se si...

Malattia da rigetto al trapianto: la terapia è più efficace se si considerano più bersagli invece di uno soltanto

La malattia del trapianto contro l’ospite (GVHD) è una causa significativa di morbilità tra i pazienti allo-trapiantati. Si verifica quando le cellule immunitarie del donatore nell’innesto attaccano più organi e inducono una “tempesta di citochine”, una reazione proinfiammatoria gonfiata causata dalle citochine. La GVHD acuta si sviluppa improvvisamente e poco dopo il trapianto. La GVHD cronica si manifesta in seguito con un’infiammazione ritardata e può portare a fibrosi tissutale a causa di una produzione continua di citochine dal sistema immunitario. Tra queste, TNF e IL-6 sono due citochine che svolgono un ruolo chiave in molte condizioni di salute, tra cui l’autoimmunità e le reazioni immunitarie eccessive ai virus, come SARS-CoV-2 del COVID-19. Le attuali terapie si concentrano sul blocco di una di queste citochine per controllare la tempesta di citochine. Il targeting di una singola citochina è stato utilizzato con successo in alcuni casi, come il blocco del TNF per le condizioni di autoimmunità e dell’IL-6 per la sindrome da rilascio di citochine dopo l’immunoterapia delle cellule T CAR e le infezioni da COVID-19.

Tuttavia, fino ad ora non è stato valutato il blocco simultaneo di entrambe queste citochine. Un nuovo studio condotto dai ricercatori della UC Davis Health ha dimostrato che il blocco delle citochine IL-6 e TNF fornisce un approccio più efficace alla prevenzione della GVHD. Questa condizione infiammatoria si sviluppa anche nei pazienti dopo il loro trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (allo-HSCT). Lo studio è stato pubblicato oggi sulla rivista Blood. Allo-HSCT, un trattamento per alcuni disturbi del sangue e tumori, comporta l’infusione di cellule staminali del midollo osseo di un donatore in pazienti sottoposti a chemio e radioterapia intensiva. Le cellule immunitarie donate nel tessuto trapiantato (innesto) avviano una risposta immunitaria alle cellule tumorali del paziente, portando a effetti favorevoli del trapianto contro il tumore (GVT). Tuttavia, queste cellule possono anche attaccare i tessuti sani del paziente, causando una malattia del trapianto contro l’ospite potenzialmente mortale. L’attuale studio ha testato il trattamento combinato anti-TNF e IL-6, su modelli murini obesi dopo allo-HSCT in cui la tempesta di citochine è grave.

Recenti ricerche di Murphy e del suo team hanno mostrato che le condizioni dell’ospite, come l’obesità, possono peggiorare la GVHD acuta a causa di un ulteriore aumento della tempesta di citochine. Il ruolo svolto dall’obesità nei razzi di tempesta di citochine è stato osservato anche nei casi di COVID-19 e in altre condizioni. Lo studio ha scoperto che il blocco di entrambe le citochine ha portato a una protezione superiore contro la gravità e la mortalità acute della GVHD, colpendo in particolare il tratto gastrointestinale, uno dei principali organi bersaglio della GVHD. Questo sembra logico poiché pur essendo similari, queste due citochine hanno effetti biologici non completamente sovrapponibili. È importante sottolineare che il trattamento combinato non ha compromesso gli effetti del trapianto contro il tumore (GVT). Questo studio può aiutare a trovare trattamenti migliori per le malattie pro-infiammatorie come lo stesso COVID-19. Attualmente, solo gli anticorpi monoclonali anti-IL-6 vengono utilizzati per prevenire la tempesta di citochine causata dall’eccessiva reazione immunitaria del corpo al coronavirus.

William Murphy, l’autore senior dello studio e professore emerito presso i dipartimenti di Dermatologia e Medicina interna, ha commentato: “La GVHD rimane una delle principali barriere che limitano il successo del trapianto di cellule staminali per i malati di cancro. Sorprendentemente, solo un singolo blocco di citochine a IL-6 o TNF è stato valutato nella prevenzione della GVHD, il che ha dato risultati clinici deludenti. Dati i ruoli importanti e forse ridondanti svolti da queste potenti citochine infiammatorie, era logico che fossero necessari approcci combinati per una maggiore efficacia. Molti trattamenti per la GVHD comportano la soppressione dell’immunità del corpo, che può inibire gli effetti benefici della GVT. Classicamente usiamo immunosoppressori come ciclofosfamide, micofenolato, methotrexate ed in certi casi ancora i corticosteroidi. Per questo motivo, era importante determinare se il blocco di queste citochine avesse un impatto sulla risposta per la GVT. Fortunatamente gli effetti antitumorali sono rimasti dopo il trapianto e con l’intervento combinato”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

HLA-G: l’antigene immunitario che regola la disponibilità ad accettare i trapianti (16/11/2021)

Leucemia e trapianti: il successo contro il rigetto viene dal metabolismo (08/11/2020)

Graft versus host disease: la malattia da trapianto ha nuovi farmaci in prova (15/04/2020)

Pubblicazioni scientifiche

Khuat LT et al. Blood. 2021 Dec 16; 138(24):2583-2588.

Zeiser R, Teshima T. Blood. 2021 Dec 2; 138(22):2165-2172.

Hanaki R et al. Immun Inflamm Dis. 2021; 9(4):1489-1499.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI