HomePSICHE & SALUTEGli effetti dello stress sul benessere mentale: ansia, immunità e salute si...

Gli effetti dello stress sul benessere mentale: ansia, immunità e salute si controllano con la meditazione

La meditazione sta diventando sempre più popolare, con almeno il 15-20% degli adulti che praticano la meditazione come terapia nella parte occidentale del mondo. Una maggiore conoscenza delle interrelazioni tra il sistema endocrino e la meditazione porterà all’identificazione di specifiche pratiche di meditazione che sono di maggior beneficio per la salute e il benessere a vari livelli. Data la moltitudine e la gravità dei problemi di salute legati allo stress persistente, è fondamentale che vengano condotte ulteriori ricerche in questo settore per aiutare a informare le future politiche sanitarie efficaci tra i diversi gruppi, in quanto ciò potrebbe solo portare a enormi benefici per la salute e benefici finanziari con trattamenti più efficaci in atto. Un recente studio negli Stati Uniti ha citato un triplice aumento della pratica della meditazione negli ultimi cinque anni. Gli scienziati stanno cercando di comprendere meglio il legame tra meditazione e migliori risultati sulla salute mentale. Nonostante la crescente popolarità delle pratiche di meditazione in tutto il mondo per affrontare una serie di problemi di salute, da quelli organici a quelli psicologici, vi sono prove limitate a supporto di questo.

Praticamente, mentre l’empirismo e l’esperienza personale sono molto disponibili come dati riferiti, la presenza di dati derivati da studi clinici o sperimentali controllati presenta ancora molte lacune. Mentre lo stress è comune tra tutti ad un certo punto, lo stress persistente può eventualmente contribuire a malattie e malattie mentali. Il sistema endocrino è particolarmente importante nella gestione dello stress, ma il funzionamento del sistema endocrino e il benessere sono stati poco studiati. Recentemente la ricerca ha esaminato un gran numero di studi precedenti e ha analizzato l’impatto della meditazione su numerosi ormoni legati allo stress. Lo studio, ha trovato una connessione tra la meditazione, il sistema endocrino e la salute e il benessere. Anche attraverso la revisione esauriente della letteratura scientifica esistente, gli esperti hanno evidenziato che esiste un chiaro legame tra meditazione e controllo delle reazioni indotte dallo stress. Ci si è concentrati su come la meditazione ha influenzato il sistema endocrino e una serie di sistemi interconnessi che regolano lo stress come l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), l’ipotalamo-ipofisi-tiroide (HPT) e l’asse Renin-Angiotensin-Aldosterone (RAA).

Questo lavoro mostra che la meditazione influenza la regolazione dell’asse HPA, che può ridurre i livelli di stress. Il cortisolo è uno degli ormoni centrali dello stress. Le sue concentrazioni elevate e costanti a causa di una situazione esterna, emotiva, lavorativa o personale, hanno chiari effetti negativi sulla reattività immunitaria e sulle cellule cerebrali. E’ il principio per cui i farmaci glucocorticoidi usati nelle infiammazioni croniche e nelle malattie autoimmmuni hanno come effetto quello di sopprimere il sistema immunitario. Parimenti, questi farmaci compromettono la rete neurale della formazione delle memorie a livello dell’ippocampo, un’area cerebrale particolarmente studiata per quanto riguarda la memoria umana. Un altro risultato chiave è stato collegato all’asse HPT, che determina e regola la produzione degli ormoni tiroidei (T3 e T4) ed è particolarmente associato alla depressione e all’ansia. Gli ormoni tiroidei sono effettivamente ridotti nel sangue dei pazienti depressi, mentre l’iperattivazione della tiroide (ipertiroidismo) è associata all’ansia. I risultati indicano che la meditazione e lo yoga hanno influenzato l’asse HPA in varia misura.

Il sistema renina-angiotensina-aldosterone regola la pressione sanguigna, gli elettroliti e l’equilibrio dei liquidi. Sebbene la portata della ricerca sia attualmente limitata, sembra che la meditazione possa anche influenzare il sistema RAA, corrispondente a un migliore benessere e cambiamenti nello stress ormonale. Non c’è dubbio che la neurochimica qui è fortemente coinvolta. L’aldosterone, l’ormone che fa riassorbire re il sodio e aumentare la pressione sanguigna, risente della meditazione, del training autogeno e della pratica yoga. Nonostante gli ormoni peptidici, altri neurotrasmettitori cardine come la dopamina, la serotonina e il GABA sono coinvolti nel fenomeno. Studi precedenti si sono concentrati sul ruolo dell’acido gamma-aminobutirrico (GABA), poiché sopprime eccessive correnti neuronali e quindi comportamenti come panico, ansia e dimenticanza. Un articolo molto recente ha osservato come il GABA cerebrale lavora centralmente per le pratiche di consapevolezza e yoga. Invero, tutti i farmaci ansiolitici più usati (come le notissime benzodiazepine) funzionano incentivando i recettori cerebrali per il GABA.

Diverse correnti di pensiero affermano che il perfetto stato di salute di ognuno di noi si può raggiungere solamente attraverso la perfetta efficienza del sistema immunitario. Il nostro corpo è costantemente esposto ad aggressioni esterne, sia infettive che non; le cellule immunitarie sono addestrate a rispondere ad ogni tipo di minaccia e, col loro tempo, lavorano per riportare il sistema in perfetto bilanciamento. È provato che mentre lo stress acuto può stimolare positivamente l’immunità, quello reiterato e grave ha effetti disastrosi, indebolendo la reattività dei globuli bianchi e la loro capacitò di produrre anticorpi diretti contro gli attacchi esterni quotidiani. Stress cronico può essere anche la stress ansia, che trovi radici giustificate o meno. Il dialogo cerebrale tra emotività e sistema immunitario fa parte (assieme a quello endocrino) della psico-neuro-endocrino-immunologia o PNEI, che mette in relazione tutti i sistemi organici con quelli cerebrali, ammettendo che solo il corretto dialogo fra le parti contribuisca al nostro ideale stato di salute. È interessante il fatto che varie pratiche di meditazione sembrano indurre cambiamenti nella funzione endocrina e di conseguenza essere associate a miglioramenti della salute mentale.

Come questo succeda è ancora da delucidare, poiché le associazioni e i meccanismi probabilmente implicano complessi processi neurofisiologici e biochimici. Oltre al suddetto GABA, infatti, anche la dopamina (“ormone dell’iniziativa”), la serotonina (meglio nota come “ormone della felicità”), l’acetilcolina (l’ormone della memoria) ed altri neurotrasmettitori formano una intricatissima rete di dialogo neurochimico. Mentre, però, sono note molte informazioni su come questi mediatori dialogano fra loro, è ancora oscuro come tali “dialoghi” si traducano in effetti visibili per la nostra salute. Meraviglie da esplorare del secondo universo chiamato cervello.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Ansia: la chimica è chiara, ma certe vie sono ancora nascoste (14/02/2019)

Prevalenza dei disturbi d’ansia: nuova recensione della letteratura (07/09/2019)

Ansia e perdita di appetito: cosa si deve sapere e come cambiare per affrontarla (28/01/2020)

Pubblicazioni scientifiche

Sousa GM et al. BMC Psychology 2021 Feb 1; 9(1):21. 

Klimes-Dougan B et al. Stress. 2020; 23(1):105-115.

Bottaccioli AG et al. Explore (NY). 2020; 16(3):189-198.

Bottaccioli AG et al. Ann N Y Acad Sci. 2019; 1437(1):31.

Mosini AC et al. Rev Assoc Med Bras. 2019; 65(5):706-13. 

Pregnolato M et al. J Integr Neurosci. 2017; 16(s1):43-63.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI