HomeMEDICINA NATURALELe proprietà della bardana, una pianta officinale molto potente ma tenuta in...

Le proprietà della bardana, una pianta officinale molto potente ma tenuta in disparte

La bardana è una pianta officinale biennale, nativa dell’Europa dove la si ritrova soprattutto nella parte centro-meridionale. Cresce anche nell’America del Nord, nel Nord Africa e nell’Asia Minore. E’ possibile vederla ai margini delle strada, nei luoghi incolti e vicino alle siepi e si riconosce perché è alta almeno un metro, ha foglie spesso molto large, fiori viola che assomigliano al quelli del cardo che si trasformano in frutti uncinati pendenti. Il suo nome scientifico infatti indica questa descrizione: Arctium lappa, dove Arctium deriva dal greco arctòs=orso, mentre lappa è un termine coniato dal poeta Virgilio per indicare la mano pendente. Quindi, letteralmente “zampa pendente di orso”. La parte communente impiegata è la radice, che si raccoglie nell’autunno del primo anno o nella primavera successiva.

Proprietà erboristiche

Ha innumerevoli proprietà mediche. Nei secoli passati veniva usata come antidoto contro il morso dei serpenti velenosi; la radice mescolata al sale veniva data contro il morso dei cani rabbiosi. L’erborista Nicholas Culpepper riferì che le foglie davano sollievo ai problemi dei tendini, delle arterie ed i semi della pianta lasciati macerare nel vino erano di sollievo contro il dolore della sciatica. Le foglie altresì venivano impiegate contro i gonfiori, per abbassare al glicemia alta, come diuretiche e come cataplasma sulle ferite infette.

E tutto questo non a torto: la scienza moderna, infatti, ha dimostrato che la bardana possiede princìpi attivi con potere antibiotico (soprattutto verso i germi Gram-positivi), antifungino, antinfiammatorio, antivirale e persino antitumorale. Le proprietà erboristiche riconosciute ufficialmente sono le seguenti: depurativa generale e dell’albero epato-biliare, diuretica azoturica (cioè fa eliminare le scorie azotate e non solo liquidi), antibatterica, antimicotica, antivirale, vulneraria (fa riparare le ferite più in fretta), ipoglicemizzante ed anti-dermatosica. Certi suoi princìpi attivi sono anche degli antitumorali diretti.

Costituenti attivi

Sesquiterpeni: petasitolone, eremofilene, fukinone, deidrocostulattone, lappafeni.

Lignani: arctigenina,  maitaresinolo, filligenina, maitaresinoside, lappaoli.

Poliacetileni: acido aretico, arctinale, arctinolo, arctinone, lappolieni.

Fitosteroli: beta-sitosterolo, stigmasterolo, daucosterolo.

Acidi fenolici: acido caffeico, clorogenico, isoclorogenico.

Vari: inulina (fino al 45% del peso totale della radice), acido gamma-guanidin-butirrico.

Minerali: molto ricca di magnesio e potassio.

Azioni dei princìpi attivi

L’azione depurante generale è dovuta ai lattoni, agli acidi fenolici e all’alto contenuto di magnesio e potassio, che permettono l’espulsione delle scorie azotate epatiche, il drenaggio biliare e quello renale. I lignani, i poliacetileni e l’acido clorogenico sono dei potenti anti-infiammatori ed antibiotici verso i germi Gram+, specie verso la Brucella melitensis, (l’agente della febbre maltese) e la Klebsiella pneumoniae (molto comune nelle polmoniti ospedaliere). Sono altresì coleretici (fanno produrre bile dal fegato) e depurano il parenchima epatico dalle scorie azotate e grasse.

E’ stato dimostrato che i poliacetileni sono pure attivi contro la Candida e l’Aspergillus niger, un agente di alcune polmoniti atipiche opportuniste. Queste sostanze antibiotiche, in associazione con l’inulina, potrebbero secondo studi recentissimi sistemare lo stato di disbiosi intestinale, molto comune oggigiorno e responsabile della maggior parte delle malattie croniche odierne. L’inulina, dal canto suo, è una fibra solubile con azione pro-biotica, ovvero stimola la proliferazione di certi batteri benefici dell’intestino, soprattutto i lattobacilli ed i bifidobatteri.

L’acido gamma-guanidino-butirrico è un ipoglicemizzante al pari della metformina, il che giustifica l’azione sulla glicemia. La presenza dell’acido isoclorogenico e dei fitosteroli fa indicare questa pianta nel controllo del diabete tipo 2 mal-compensato. Lo stesso è valido per i reumatismi su base metabolica (ad esempio gotta). I poli-acetileni, i lignani ed alcuni suoi lattoni, infine,  sono potenti antitumorali contro alcuni tumori solidi e del sangue. Dati molto recenti (in Pubblicazioni scientifiche), li vedono attivi contro il tumore epatico, mammario, il linfoma di Hodgkin ed il mieloma multiplo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche (dedicate tutte agli effetti antitumorali)

Li X, Lin YY et al. Pharm Biol. 2021 Dec; 59(1):619-628. 

Sun BL et al. Chem Pharm Bull 2021 May; 69(5):472-80. 

N Adham A et al. Molecules. 2020 Oct 29; 25(21):5016. 

Jiang Y et al. Biomed Res Int. 2020 Sep; 2020:3542613.

Okubo S, Ohta T et al. J Nat Med. 2020; 74(3):525-32. 

Lee MG et al. Mol Med Rep. 2020; 21(3):1374-1382. 

Lee JH, Kim C et al. Phytomedicine 2019; 55:282-292. 

He Y et al. Biomed Pharmacother. 2018; 108:403-407.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI