HomeBIOMEDICINA & SALUTEOmocisteina alta: oltre all'acido folico, ci sono altri nutrienti dedicati?

Omocisteina alta: oltre all’acido folico, ci sono altri nutrienti dedicati?

Introduzione: il network dell’omocisteina

L’omocisteina è un amminoacido non presente nelle proteine e si trova normalmente nel plasma a una concentrazione di circa 8-12 micromolare. La sua natura è complessa: solo l’1-2% si trova come omocisteina libera. Circa il 20% si presenta come forme ossidate libere, principalmente il disolfuro misto cisteinil-omocisteina, ma anche come omocistina. Il resto, circa l’80%, è legato alle proteine; la maggior parte di questa è legata all’albumina da un legame disolfuro. L’omocisteina è stata implicata come fattore di rischio per una serie di importanti malattie. L’aumento di omocisteina (iperomocisteinemia) è stato riconosciuto come un fattore di rischio indipendente per lo sviluppo di malattie vascolari. I risultati precedenti hanno mostrato anche una relazione tra omocisteina elevata e rischio di morbo di Alzheimer. Relativamente piccoli cambiamenti plasmatici possono disporre di esiti patologici: è stato calcolato che un’elevazione di appena 5 microM può aumentare il rischio di malattia coronarica fino al 60% negli uomini e all’80% nelle donne.

Il metabolismo dell’omocisteina è fortemente dipendente dai cofattori derivati ​​da alcune vitamine del gruppo B. La metionina sintasi (MetS) contiene vitamina B12 come gruppo prostetico e deriva il suo gruppo metilico dall’acido folico. Entrambi gli enzimi di trans-sulfurazione (CBS e CGL) contengono vitamina B6 come gruppo prostetico. Le carenze di una qualsiasi di queste vitamine (vitamina B12, acido folico e vitamina B6) sono associate all’iperomocisteinemia. La maggior parte dei primi lavori sulle cause si è concentrata sulla ridotta rimozione dell’omocisteina, causata da fattori nutrizionali o genetici o da malattie renali. La carenza di acido folico è probabilmente la causa più comune del problema. È noto da tempo che le mutazioni genetiche causano l’iperomocisteinemia. In particolare, le carenze di CBS o carenze/mutazioni della metilen-tetraidrofolato reduttasi (MTHFR) possono provocare omocisteinuria e iperomocisteinemia molto grave. Questi sono errori congeniti del metabolismo molto rari.

La gestione dell’omocisteina nel metabolismo

Recentemente, l’attenzione si è concentrata sul ruolo di alcuni polimorfismi genetici che hanno una distribuzione ampia nella popolazione generale. In particolare, un polimorfismo molto comune di MTHFR (C677T) è omozigote in circa il 10-16% di molte popolazioni. La sostituzione della valina in posizione 222 con l’alanina (V222A) produce un enzima che ha una maggiore capacità di dissociarsi e perdere il suo cofattore FAD. Questa perdita di attività è particolarmente pronunciata a basse concentrazioni di metilen-tetraidrofolato (5-MeTHF). Esiste, quindi, un’interessante relazione tra questo polimorfismo MTHFR e lo stato dell’acido folico. Gli individui con il polimorfismo C677T hanno l’omocisteina plasmatica più alta quando i livelli di folati sono bassi.

Tra l’altro l’ingestione di metionina pura negli animali e nell’uomo fa innalzare i livelli di omocisteina nel sangue. Questa situazione è caratterizzata da un alto tasso di catabolismo della metionina, che richiede un aumento del flusso attraverso l’enzima di rabocco, la glicina N-metiltransferasi, a velocità maggiori di quelle che l’omocisteina può essere rimossa mediante vie di recupero. Quasi 20 anni fa è stato avanzato il concetto che la metilazione ad alto flusso di numerosi substrati, sia fisiologici che farmacologici, svolge un ruolo cruciale nella determinazione del livello di omocisteina plasmatica. In parole povere, spesso potrebbe essere colpa di quello che si mangia o di farmaci che si assumono se ci si ritrova con l’omocisteina alta.

Come si possono ridurre i livelli di omocisteina nel sangue?

Generalmente dopo consulto medico, si è soliti ricevere una terapia a base di alte dosi di acido folico. Mentre questo può inizialmente aumentare la disponibilità dei folati corporei e tamponare il problema, nel lungo raggio ci si accorge che sospendendo la vitamina dopo alcuni giorni l’omocisteina sanguigna comincia a risalire. Considerato quanto esposto sopra, la strategia migliore di correzione dovrebbe essere quella di fornire allo stesso tempo un composto donatore di metili, dato che la tossicità dell’omocisteina si perde se essa viene rimetilata a metionina. È dimostrato nei ratti che somministrare creatina e fosfatidilcolina (lecitina di soia) può ridurre del 30% l’omocisteina nel sangue. Chimicamente la creatina è il metil-guanidinacetato; la sua sintesi nel fegato e nel rene consuma molti gruppi metilici della SAM e può innalzare i livelli di omocisteina, specie se non se ne introduce abbastanza con la dieta (carne e derivati).

La lecitina nel fegato viene sintetizzata dalla fosfatidil-etanolamina e questo richiede ben tre gruppi metilici; quindi la sua sintesi è addirittura più “dispendiosa” rispetto a quella della creatina. Ma ci potrebbero essere altre carenze nutrizionali nascoste come causa del problema. La carenza di vitamina B12 è tra queste, ma generalmente le sue scorte corporee non arrivano a compromettersi tanto da determinare il problema. Inoltre, la carenza di vitamina B12 determina più problemi alle cellule nervose, ed è riportato che tentativi terapeutici di correzione dell’iper-omocisteinemia con questa vitamina spesso non hanno dato risultati. E’ più facile, invece, che si sviluppi una carenza di vitamina B6, che è il cofattore degli enzimi della via di trans-sulfurazione (CBS e CGL) per il recupero della metionina. Questo è più facile che avvenga con una dieta ricca di alimenti elaborati e molto povera di verdura o frutta fresca, che sono buone fonti di questa vitamina.

Ma assumere integratori a base di folati serve a ridurre il rischio cardiovascolare in chi ha l’omocisteina alta? Questo dipende da cosa causa il problema. Se il soggetto è affetto da omocistinuria genetica, studi di controllo randomizzati sono stati controversi nel mostrare la riduzione del rischio cardiovascolare con l’integrazione di acido folico. Nei pazienti con omocistinuria con grave iper-omocisteinemia, i trattamenti per abbassare l’omocisteina con vitamina B6, acido folico e idrossi-cobalamina ridicono il rischio cardiovascolare. Gli studi di controllo randomizzati non sono stati in grado di mostrare una riduzione del rischio cardiovascolare per coloro che abbassano i livelli di omocisteina, utilizzando terapie con folati. Ma fare integrazione con il complesso B senza fissarsi su acido folico o vitamina B12 sembra essere di maggiore beneficio. Se si intende battere sull’assunzione di acido folico, infatti, è consigliabile assumere forme attivate e non acido folico semplice.

Il trattamento delle donne che non riescono a concepire perchè hanno l’omocisteina alta richiede forme attivate di folato (5-metil-folico, metilen-THF), assieme a betaina, zinco, magnesio e vitamina B6. Ovviamente, dato che il problema è la disponibilità di gruppi metilici, si raccomanda di assumere alimenti che contengano principi nutritivi come la colina, la betaina e la sarcosina, che sono donatori di gruppi metile. Alimenti ricchi di colina sono le uova, il salmone, il latte intero e la soia, mentre la betaina è abbondante nelle barbabietole, negli spinaci, nei broccoli e cereali come avena, segale e quinoa. La sarcosina, infine, è abbondante nei legumi, nella carne di tacchino e nel rosso d’uovo. Integratori a base di questi composti sono ampiamente disponibili in commercio; e si può parlare col proprio medico o specialista sulle variazioni dietetiche da seguire e su una eventuale integrazione alimentare che vada oltre i soliti folati.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kaye AD et al. Advances Ther. 2020; 37(10):4149-4164.

Qureshi SS et al. Med Hypotheses 2019; 129:109245.

Esse R, Barroso M et al. Int J Mol Sci. 2019; 20(4):867.

Kim J, Kim H et al. Arch Pharm Res. 2018; 41(4):372-83.

Park WC, Chang JH. Vasc Specialist Int. 2014; 30(4):113.

Lamarre S et al. Am J Phys Endocr Metab. 2012; 302(1):E61.

Noga AA, Stead LM et al. J Biol Chem 2003; 278: 5952–55.

Selhub J, Jacques PF et al. Pub Health Rev 2000; 28: 117.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI