HomeLAVORO & SALUTEEsposizione a pesticidi sul lavoro: anche i polmoni sono un bersaglio di...

Esposizione a pesticidi sul lavoro: anche i polmoni sono un bersaglio di tossicità diretta

Le esposizioni sul posto di lavoro sono importanti cause prevenibili di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), il termine generico per un gruppo di malattie respiratorie che causano blocco del flusso d’aria e problemi respiratori. Le stime più recenti indicano che circa il 14% di tutti questi casi è correlato al lavoro. Può essere difficile individuare quali lavori e livelli di esposizione potrebbero avere il maggiore impatto a causa della necessità che gli studi includano un numero sufficiente di partecipanti, con storie di occupazione piena e monitorati per un periodo di tempo sufficientemente lungo. Si è portati a pensare che l’esposizione ai pesticidi possa provocare più facilmente danno polmonare nei lavoratori dei paesi sottosviluppati, dove cultura, informazione e legislazione non sono molto diffuse sui rischi derivati dalla lavorazione agricola con prodotti chimici. Ma dalle nostre parti non è che la situazione sia stata migliore.

Racconti e aneddoti di lavoratori agricoli degli anni ’50 e ’60 dell’area mediterranea fanno trasparire situazioni di esposizione franca e in assenza di adeguata protezione. Fortunatamente negli anni ’70 sono stati introdotti provvedimenti legislativi che hanno regolamentato il rischio lavorativo in generale, incluso quello in campo agricolo, tramite l’adozione dei cosiddetti dispositivi di protezione individuale o DPI. Questo ha sicuramente influito positivamente sulla protezione da rischi cancerogeni, per i quali certi insetticidi, diserbanti ed altri fitosanitari hanno avuto conferme. Ma anche l’esposizione sul posto di lavoro per tutta la vita ai pesticidi è collegata a un rischio maggiore di BPCO.  Un nuovo ampio studio basato sulla popolazione, pubblicato sulla rivista Thorax, ha confermato questa ipotesi. I ricercatori hanno tratto i dati dalla UK BioBank, un ampio studio basato sulla popolazione su oltre mezzo milione di uomini e donne reclutati tra il 2006 e il 2010 in tutto il Regno Unito.

Hanno invitato un campione casuale di oltre mezzo milione di persone tra i 40 e i 69 anni tra i pazienti del SSN, che vivevano entro determinate distanze da 22 centri di valutazione sanitaria inglesi a prendere parte al loro studio. Dalla biobanca sono stati raccolti dati personali, inclusi età, storia di fumo in una vita, occupazione attuale e asma diagnosticata dal medico e sono state effettuate misurazioni della salute fisica. Queste misurazioni includevano la spirometria, un test di funzionalità polmonare che misura la quantità e/o la velocità dell’aria che può essere inspirata ed espirata in un respiro forzato. Tra i 502.649 partecipanti che hanno fornito tutti i loro dati personali, il 91% ha anche eseguito la spirometria. I risultati sono risultati indipendenti dai principali fattori di rischio per la BPCO, ovvero fumo e asma. Le storie di lavoro di una vita di questi partecipanti sono state raccolte e codificate utilizzando un supporto informatico convalidato chiamato OSCAR.

E una matrice di esposizione sul lavoro è stata utilizzata per codificare tre livelli di esposizione da 0 (nessuno) a 1 (basso) e da 2 (alto) a 10 categorie di agenti sul posto di lavoro. Questi includevano polveri biologiche, polveri minerali, gas e fumi, erbicidi, insetticidi, fungicidi, solventi aromatici, solventi clorurati, altri solventi e metalli, oltre a due composti dei suddetti, per includere tutti i pesticidi e vapori, gas, polveri e fumi. L’analisi finale si è basata su 94.514 persone per le quali erano disponibili dati completi, test di funzionalità polmonare di buona qualità e storie complete di lavoro e fumo. La maggior parte dei partecipanti non aveva mai fumato (59%) e solo pochi erano fumatori attuali (5,5%). A circa l’11% dei partecipanti era stata diagnosticata l’asma. La prevalenza della BPCO, identificata dalla spirometria, è stata dell’8%, corrispondente a 7603 casi. Non sorprende che la prevalenza della BPCO fosse più alta tra i fumatori attuali (17%) rispetto agli ex fumatori (9%) e ai non fumatori (7%).

Relativamente pochi partecipanti erano stati esposti ai soli pesticidi nel corso del loro lavoro: poco più del 4% tra quelli con BPCO e il 3,5% tra quelli senza. Ma quasi la metà di quelli con e senza BPCO era stata esposta a una miscela di diversi agenti. In particolare, la maggior parte delle persone è stata esposta solo a bassi livelli di agenti durante la loro carriera. Dopo aver tenuto conto dei fattori potenzialmente influenti, l’esposizione sul posto di lavoro ai pesticidi in qualsiasi momento era associata a un rischio maggiore di BPCO del 13%, mentre un’esposizione cumulativa elevata (una combinazione di intensità e durata dell’esposizione) era associata a un rischio maggiore del 32%. Ciò è stato ulteriormente confermato dopo aver tenuto conto dell’esposizione simultanea ad altri agenti e di ulteriori analisi limitate a coloro a cui non era mai stata diagnosticata l’asma ea coloro che non avevano mai fumato. E sono state osservate associazioni lineari positive per tutti gli indici di esposizione (intensità, cumulativa e durata).

Non è stato osservato un aumento significativo del rischio di BPCO per nessuno degli altri agenti nella matrice di esposizione al lavoro, inclusi polveri e metalli. Questo è uno studio osservazionale, e come tale non può stabilire la causa nè gli effetti di particolari pesticidi. E i ricercatori riconoscono di non avere i dettagli di coloro che non hanno risposto al loro invito, il che potrebbe aver influenzato i loro risultati. Tuttavia, hanno concluso che l’esposizione professionale ai pesticidi era associata al rischio di BPCO. Non si sa bene nel mondo lavorativo reale quanto questo possa impattare sull’incidenza di BPCO. Quello che è dimostrato è che l’esposizione cronica a certi pesticidi può causare infertilità, lesioni neurologiche, comparsa di Parkinson e tumori come linfomi, leucemie ed alcuni tumori maligni cerebrali. Solo per una tipologia di pesticidi esiste una provata tossicità polmonare, i derivati del paraquat, sebbene esistano prove che anche i comuni derivati del piretro (piretroidi) possono dare reazioni tossiche per inalazione diretta.

Considerato che ormai ci sono le prove scientifiche sulla tossicità e cancerogenicità di molti prodotti fitosanitari, è sempre raccomandabile seguire scrupolosamente le norme di protezione sul lavoro usando i DPI messi a disposizione del datore di lavoro. Non solo per evitare danni neurologici o alla fertilità o rischi futuri di tumore, ma anche per proteggere le vie respiratorie specie se si è fumatori.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

De Matteis S, Jarvis D et al. Thorax 2022 Jan 26.

Bast A. Curr Opin Pulm Med. 2021 Jul 1; 27(4):262.

de Boer A. Curr Opin Pulm Med. 2021; 27(4):263.

Ratanachina J et al. Occup Med. 2020; 70(1):14-23.

Pourhassan B et al. Public Health. 2019; 174:31-41.

Alif SM, Dharmage S et al. Thorax 2017; 72(11):990.

de Jong K et al. Occup Environ Med. 2014; 71(2):88.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI