HomeMALATTIEMALATTIE INFETTIVELa minaccia dei comuni virus: dalla mononucleosi alla rosolia, verso l'autoimmunità futura

La minaccia dei comuni virus: dalla mononucleosi alla rosolia, verso l’autoimmunità futura

Numerosissime prove hanno suggerito che l’infezione da virus di Epstein-Barr (EBV) può guidare lo sviluppo del lupus (LES). EBV, l’herpesvirus della mononucleosi che infetta principalmente i linfociti B della memoria, ha sia una fase litica (attiva) che una latente durante l’infezione. Studi di sieroprevalenza hanno dimostrato che circa il 90% degli adulti ha evidenza di sieroconversione di EBV. Ci sono state segnalazioni crescenti che implicano l’infezione da EBV nella patogenesi di diverse altre malattie autoimmuni, tra cui la sclerosi multipla, l’artrite reumatoide, la sindrome di Sjogren, la dermatomiosite giovanile e la sclerodermia sistemica. Nel LES, il tasso di infezione è di circa il 99,5%, suggerendo un ruolo importante ma poco chiaro nella patogenesi.

I pazienti con LES hanno tassi più elevati di risposte immunitarie all’EBV, in particolare durante le ricadute. Ci sono studi che dimostrano livelli più elevati di anticorpi IgG contro gli antigeni litici EBV precoci e l’antigene del capside virale EBV nei pazienti con LES rispetto agli individui sani. È anche ampiamente riconosciuto che i pazienti con lupus sistemico hanno 10 volte più cellule B infettate da EBV circolanti nelle cellule mononucleate del sangue periferico rispetto ai controlli sani, insieme a cariche virali EBV anormalmente elevate. È importante sottolineare che diverse regioni della proteina virale EBNA1 (EBV Nuclear Antigen 1) hanno una notevole omologia con un’ampia gamma di autoantigeni del LES; e il suo epitopo può indurre autoanticorpi contro il fattore immunologico C1q, che sono un segno distintivo della progressione del lupus, in particolare nella nefrite.

Uno studio molto recente ha rilevato che circa il 20% dei loci di rischio per il LES interagisce potenzialmente con gli elementi del ciclo di vita di EBV nei linfociti B infetti. Inoltre, un totale di 10 geni da 79 loci di rischio SLE (CD40, IL12RB2, LYST, PTPRC, BLK, JAZF1, IRF5, IKZF2, FAM167A e SLC15A) sono stati presi di mira dall’antigene virale EBNA2, espresso in modo differenziale nei linfociti T rispetto ai linfociti B e associato a processi molecolari dell’infezione virale EBV. Il modello di rete genica basato sull’interazione tra EBNA2 e gli alleli di rischio associati a questi 10 geni di rischio SLE, è stato trovato indicativo di percorsi molecolari che collegano la persistenza di EBV alla patogenesi del lupus sistemico. Ma ci sono ulteriori novità.

Ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno scoperto che un’infezione virale può mettere in moto un processo cellulare distruttivo, che culmina nell’autoimmunità molto tempo dopo che l’infezione si è risolta. Lo studio descrive un modo precedentemente sconosciuto in cui un virus può innescare l’autoimmunità. Inoltre, suggerisce che i roseolovirus umani, parenti stretti del roseolovirus murino, giustificano un’indagine come possibili cause di autoimmunità nelle persone. I roseolovirus umani e murini sono membri della famiglia degli herpesvirus. Nelle persone i roseolovirus causano la rosolia, che comporta alcuni giorni di febbre ed eruzioni cutanee. La maggior parte delle persone è stata infettata da almeno un roseolovirus prima dell’inizio dell’asilo.

Come altri herpesvirus, i roseolovirus causano infezioni per tutta la vita, sebbene il virus vada in letargo e raramente causi sintomi dopo l’infezione iniziale. Gli scienziati sospettano da tempo che i roseolovirus possano essere collegati all’autoimmunità. Ma l’ubiquità dei virus rende difficile indagare su qualsiasi connessione di questo tipo. È difficile cercare le differenze tra persone infette e non infette quando quasi tutti vengono infettati all’inizio della vita.I ricercatori hanno studiato l’impatto dell’infezione virale sui linfociti T, che intervengono in molte condizioni autoimmuni. Nello studio, che è stato condotto sui topi, i ricercatori hanno mostrato che il roseolovirus murino infetta il timo, l’organo in cui vengono identificati ed eliminati i linfociti T autodistruttivi, e interrompe il processo di screening nell’organo.

Mesi dopo l’infezione, i topi sviluppano una malattia autoimmune dello stomaco guidata da linfociti T autodistruttivi. Dodici settimane dopo, tutti i topi avevano sviluppato gastrite o infiammazione autoimmune dello stomaco, sebbene non ci fossero segni del virus nello stomaco. Se il virus è stato prontamente eliminato con un trattamento farmacologico antivirale nei primi giorni, mentre si stava ancora replicando attivamente, i topi non hanno sviluppato gastrite tre mesi dopo. Se, tuttavia, i ricercatori hanno aspettato di somministrare un antivirale fino a quando i topi non avevano 8 settimane (dopo che l’infezione attiva si era risolta ma prima che i topi mostrassero segni di problemi allo stomaco) il farmaco non ha funzionato affatto; i topi hanno continuato a sviluppare gastrite poche settimane dopo.

I ricercatori hanno scoperto che i topi con gastrite avevano sviluppato anticorpi contro le proteine sulle cellule dello stomaco. Ma avevano anche sviluppato anticorpi contro un’ampia gamma di proteine normali associate ad altre condizioni autoimmuni. Inoltre, avevano molti linfociti T che prendevano di mira le proteine normali del corpo; e altri cambiamenti nella popolazione dei linfociti T che influenzavano il sistema immunitario verso l’autoimmunità. L’osservazione che i topi infetti hanno prodotto diversi autoanticorpi, oltre agli autoanticorpi anti-stomaco, ha suggerito che l’infezione da roseolovirus murino all’inizio della vita stava inducendo un difetto ad ampio raggio nella capacità del corpo di evitare di prendere di mira le proprie proteine. Questo è il motivo per cui gli scienziati hanno concentrato i loro studi sull’impatto dell’infezione sulla tolleranza centrale, piuttosto che sul mimetismo molecolare.

Queste scoperte sollevano delle questioni sulle possibili intenzioni di pensare a strategie preventive basate sulla vaccinazione infantile. Quelle contro rosolia, parotite, morbillo (MMR) sono già in vigore e rese obbligatorie a termini di legge; per gli altri herpesvirus c’è solo raccomandazione e linee guida intese alla prevenzione. Per la mononucleosi non esistono vaccini e c’è chi ha suggerito che se ne dovrebbero sviluppare alcuni, per evitare sia di diffondere la mononucleosi che l’infezione virale possa predisporre l’organismo a condizioni come la sclerosi multipla e/o altre autoimmunità. C’è solo da attendere, perché solo prove definitive e lo sviluppo di vaccini efficaci contro l’EBV potrebbero indirizzare le autorità sanitarie ad intraprendere una estesa campagna preventiva sia primaria che secondaria.

  • A cura del. Dr Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Virus della mononucleosi come causa della sclerosi multipla: la connessione sembra definitiva (02/02/2022)

Al di là della mononucleosi: il ruolo del virus EBV nei tumori umani (06/12/2021)

Daratumumab: il biologico che cerca di cancellare la memoria immunologica nel lupus (26/09/2020)

Lupus: trovata la proteina nucleare che guida la malattia nelle donne (02/05/2019)

Lupus e microbiota: trovata la “connessione privata” delle comunicazioni (13/10/2017)

Pubblicazioni scientifiche

Afrasiabi A et al. J Autoimmunity 2022; 127:102781.

Bigley TM et al. J Exp Med. 2022; 219(3):e20211403.

Peravali R et al. Amer J Med Sci. 2020; 360:402–405.

Cheng M, Anderson MS. Nat Immunol 2018; 19:659-64.

Demirci FY et al. Arthritis Rheum. 2016; 68:174–183.

Armstrong DL et al. Gene Immun. 2014; 15:347–354.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI