HomeMALATTIEMALATTIE RAREMalattia di Menkes: il primo farmaco ufficiale che accende la speranza si...

Malattia di Menkes: il primo farmaco ufficiale che accende la speranza si chiama elesclomolo

La malattia di Menkes è una malattia ereditaria fatale causata da un ridotto assorbimento e distribuzione del rame nel corpo. La malattia colpisce principalmente il sistema nervoso e si manifesta tipicamente durante i primi mesi di vita, con una rapida progressione nel tempo. I sintomi includono capelli radi e fragili, crescita lenta o mancata e convulsioni. Altre caratteristiche possono includere un basso tono muscolare, lineamenti del viso cadenti e disabilità intellettiva e dello sviluppo. I bambini di appena 3 mesi iniziano ad avere convulsioni, i loro capelli diventano molto fragili, aggrovigliati e crespi; infatti questo disturbo è anche conosciuto come la “sindrome dei capelli crespi”. Attualmente non ci sono cure approvate per la malattia di Menkes e i bambini muoiono in genere all’età di 3-4 anni. In precedenza, un gruppo di ricerca tra il 2015 ed il 2017 aveva proposto il complesso istidina-rame, che però non è risultato efficace, sebbene l’istidina sia un amminoacido e quindi ritenuto più biocompatibile.

Ma ora il team di ricerca della Texas A&M University, guidato da Vishal Gohil, PhD, è responsabile della scoperta di un farmaco che potrebbe cambiare alcune cose. Nel 2018 il gruppo ha identificato un composto farmaceutico sperimentale, Elesclomol, che potrebbe essere utilizzato per migliorare i livelli di rame in organi critici come il cervello, e potrebbe offrire un potenziale trattamento per malattie legate alla carenza di rame, come la malattia di Menkes. Ma come funziona questo farmaco? Sebbene il corpo umano richieda pochi milligrammi di rame, l’elemento è necessario per l’attività di enzimi cruciali nel corpo, come la citocromo ossidasi. Questo enzima è presente nella centrale elettrica cellulare: i mitocondri. La citocromo ossidasi trasferisce gli elettroni dagli intermedi energetici all’ossigeno che respiriamo e in questo processo produce l’energia. Tipicamente, il corpo ottiene il rame di cui ha bisogno dagli alimenti e alcuni alimenti hanno più rame di altri. Esso è particolarmente abbondante nel cacao, nei frutti di mare e nella frutta a guscio.

Nel nostro intestino ci sono specifici trasportatori che fanno passare il rame nelle cellule e, infine, nel sangue. Il trasportatore di rame CTR1 consente alle cellule intestinali di assorbire il rame dal cibo. Un altro trasportatore nelle cellule intestinali, chiamato ATP7A, è necessario per esportare il rame alimentare nel sangue.  Nella malattia di Menkes, l’ATP7A del paziente è assente o non funziona bene, impedendo l’esportazione del rame. Oltre alla sua attività nelle cellule intestinali, l’ATP7A serve anche per il trasporto del rame nel cervello. Quello che gli scienziati hanno scoperto è che l’elesclomol bypassa il trasportatore assente, rendendo il rame disponibile ai tessuti nei topi che hanno la malattia di Menkes. Nel 2018, il team ha scoperto che il rame avrebbe potuto essere distribuito attraverso membrane biologiche se legato a sostanze solubili nei grassi. Questa consegna di metalli a modalità da “cavallo di Troia” da parte di altre molecole come l’hinokitiol (un trasportatore del ferro), ha mostrato risultati promettenti nel ripristinare i livelli di ferro in modelli animali preclinici.

Pertanto, un rilascio di rame più selettivo tramite il complesso elesclomol-rame permeabile alla membrana idrofobica, rappresenta un approccio promettente, soprattutto considerando che l’elesclomolo è già stato sottoposto a studi clinici e sono disponibili informazioni sulla sua farmacocinetica, tossicità e metabolismo. Gli scienziati hanno ricevuto richieste da famiglie disperate perché non esiste una cura, non solo negli Stati Uniti, ma da tutto il mondo, inclusi India, Israele, Spagna, Svezia e Regno Unito. Engrail Therapeutics, una società di neuroscienze focalizzata sull’acquisizione, sviluppo e commercializzazione di terapie incentrate sul paziente, venne a conoscenza della scoperta di Gohil. La società ha avviato rapidamente trattative con l’ufficio della Texas A&M AgriLife per la proprietà intellettuale, i diritti di licenza e la commercializzazione dell’elesclomol per i disturbi del metabolismo mitocondriale del rame.

In base al loro contratto di licenza, Engrail ora guida lo sviluppo del complesso molecolare Elesclomol-rame per il trattamento della malattia di Menkes, mentre AgriLife Research continua a condurre la ricerca preclinica attraverso una borsa di ricerca sponsorizzata.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ashrafi MR et al. Arch Iran Med. 2021 Dec 1; 24(12):919-920.

Thirunavukkarasu B et al. Clin Neuropathol. 2021; 40(5):256.

Yamagishi Y, Kudo T et al. Pharm Res. 2021; 38(8):1335-44.

Gohil VM. Expert Opin Investig Drugs. 2021 Jan; 30(1):1-4.

Guthrie LM et al. Science. 2020 May 8; 368(6491):620-625.

Soma S et al. PNAS USA. 2018 Aug 7; 115(32):8161-8166.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI