HomeATTUALITA' & SALUTEMangiare biologico abbassa davvero il rischio tumori? Viaggio tra credenze, cultura ed...

Mangiare biologico abbassa davvero il rischio tumori? Viaggio tra credenze, cultura ed evoluzione dei fatti

Il cibo biologico è iniziato come prodotto di nicchia solo pochi decenni fa, ma ora è presente nella maggior parte dei negozi di alimentari un po’ in tutto il mondo. E con l’aumento della consapevolezza dei consumatori grazie alla maggiore informazione messa a disposizione dai social media, unitamente ai controlli standardizzati dai provvedimenti legislativi comunitari, ha allargato le conoscenze sul tema. In breve, affinché i regolatori classifichino il cibo come biologico, gli agricoltori e i produttori devono produrlo senza l’utilizzo di fertilizzanti sintetici, organismi geneticamente modificati o pesticidi. Molti consumatori ritengono che sia più salutare mangiare alimenti biologici rispetto ai cibi non organici. Può sembrare ragionevole presumere che consumare meno pesticidi sia vantaggioso. Tuttavia, gli scienziati hanno finora trovato difficile scoprire i modi per dimostrare i benefici per la salute che possono associare al cibo biologico. I ricercatori sanno che certi pesticidi sono potenzialmente cancerogeni a livelli più alti di esposizione, ma devono ancora capire chiaramente l’impatto dell’esposizione a basso livello a lungo termine.

Tutti noi affrontiamo l’esposizione a un cocktail di sostanze chimiche per tutta la vita nel cibo, nell’acqua che beviamo e nell’aria che respiriamo. La complessità dell’esposizione rende il loro impatto sulla nostra salute ancora più difficile da sezionare per affibbiare causalità e responsabilità selettive. Poiché i cibi biologici contengono un numero significativamente inferiore di pesticidi rispetto ai cibi non organici, i sostenitori hanno a lungo suggerito che ciò potrebbe avere benefici per la salute associati. Gli scienziati hanno studiato l’esposizione ai pesticidi in relazione a diversi esiti di salute, come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, la sclerosi laterale amiotrofica, l’infertilità ed anche i tumori. Ad oggi, solo uno studio ha studiato il rischio di cancro e il consumo di alimenti biologici. Gli autori di questo documento del 2014 hanno concluso che c’è stata una diminuzione minima o nulla dell’incidenza del cancro associata al consumo di alimenti biologici, tranne forse per il linfoma non-Hodgkin. Il legame con il linfoma non Hodgkin ètritenuto importante perché la ricerca ha precedentemente collegato i pesticidi glifosato, malathion e diazinone, a questo tipo di cancro.

I mercati dei prodotti freschi biologici sono quelli in più rapida crescita in agricoltura. Nell’anno 2018, il fatturato degli alimenti biologici negli Stati Uniti è stato di 40,56 miliardi di euro, seguito da Germania (10,91 miliardi di euro) e Francia (9,14 miliardi di euro), Cina (8,09 miliardi di euro), Italia (3,48 miliardi di euro), Canada (3,12 miliardi di euro), Svizzera (2,66 miliardi di euro), Regno Unito (2,54 miliardi di euro), Svezia (2,30 miliardi di euro) e Spagna (1,90 miliardi di euro). Le tendenze di crescita e di acquisto possono variare da un paese all’altro a causa della domanda dei consumatori. Il consumo pro capite di alimenti biologici nel 2018 è stato il più alto sia in Danimarca che in Svizzera (312 euro), seguiti da Svezia (231 euro), Lussemburgo (221 euro), Austria (205 euro), Francia (136 euro), Germania (132 euro) e gli USA (124 euro). I consumatori hanno accettato di pagare di più per prodotti freschi privi di pesticidi, a causa della percezione dell’impatto negativo sulla salute dei pesticidi sintetici. Pagare di più per i prodotti biologici dipende principalmente da un reddito e un titolo di istruzione più elevati.

Il consumo sicuro dipende da fattori personali, economici e socioculturali. Questi sono l’età, il sesso, l’istruzione e lo stato civile (fattori personali); intenzioni di guadagno e di acquisto (fattori economici); dimensione, stato e composizione della famiglia (fattori socioculturali); prezzo, pubblicità e luogo (fattori di marketing). Inoltre, il consumo di alimenti biologici è influenzato dalle 4 P: prodotto, prezzo, luogo (posto) e promozione. Il consumo fresco e sostenibile, gli attributi estrinseci, la salute, l’appeal sensoriale, la preoccupazione per il peso e lo stato sociale sono usati per considerare i prodotti alimentari biologici. Inoltre, le motivazioni, le preferenze e gli atteggiamenti dei consumatori possono variare a seconda della categoria del prodotto. I consumatori sono disposti a pagare ulteriori 0,18 euro/kg di mele biologiche in Italia, mentre in Danimarca sono 0,72 euro/kg. La strategia di marketing, la concorrenza del prodotto, lo stato sociale, la soddisfazione del prodotto e il reddito possono influenzare gli acquisti dei prodotti. Ai consumatori piace acquistare verdure biologiche a un prezzo più alto per motivi di sicurezza.

Il prezzo del cibo biologico è del 10–40% più alto in Danimarca rispetto al prezzo del cibo convenzionale e del 50–100% più alto in Romania, a causa della domanda dei consumatori e degli elevati costi di produzione. La frutta biologica è più sicura perché non ci sono residui di pesticidi. Aspetto, freschezza, valore nutritivo e gusto determinano le preferenze alimentari dei consumatori. I consumatori preferiscono il cibo biologico per la sua salubrità e il minor impatto ambientale. Di conseguenza, c’è una tendenza crescente a consumare cibi biologici invece di cibi convenzionali. Valutare l’impatto di qualsiasi tipo di cibo sulla salute è pieno di difficoltà, ma misurare l’effetto del cibo biologico pone ancora più problemi. Quello principale è che le persone che scelgono di mangiare alimenti biologici, tendono a condividere tratti che vanno di pari passo con migliori risultati di salute. Questo è sicuramente legato allo stile di vita; non è necessario riferirsi ai salutisti accaniti o fanatici, ma chi ha un grado culturale medio e comprende i rischi posti da una alimentazione scorretta.

Ad esempio, le persone che mangiano più cibo biologico sono anche probabilmente più fisicamente attive, meno propense a fumare, hanno redditi più alti e hanno maggiori probabilità di seguire una dieta relativamente salutare di quelle che non lo fanno. Tutti questi fattori possono ridurre il rischio di cancro di una persona. Per intorbidare ulteriormente le acque, i prodotti biologici coprono una vasta gamma di gruppi alimentari: dal pesce al bacon ai cavolfiori. Di conseguenza, i ricercatori possono classificare qualcuno che mangiava carne bovina biologica ogni giorno mangiando un sacco di prodotti biologici. Tuttavia, le persone ora sanno che consumare alti livelli di carne rossa è un fattore di rischio per il cancro del colon, della mammella e di altri comuni tipi di tumore. Anche se questo è un esempio estremo, è facile vedere come dare un senso a questo tipo di dati possa essere un campo minato. L’uso zero di pesticidi è legato a livelli di antiossidanti (polifenoli) più elevati nei prodotti freschi biologici rispetto a quelli coltivati convenzionalmente. Inoltre, le verdure coltivate in modo convenzionale hanno un contenuto di nitrati maggiore rispetto a quelle biologiche.

È necessario anche un intervallo adeguato tra l’applicazione del letame e la raccolta dei prodotti freschi per ridurre al minimo il rischio di contaminazione microbica. Questo comporta una revisione dei metodi di lavorazione sul campo, cosa che necessita di sforzi formativi. Sebbene la ricerca attuale abbia tenuto conto del maggior numero possibile di fattori, occorreranno molti studi più ampi e più estesi prima che le persone possano affermare in modo definitivo che il cibo biologico riduce il rischio di sviluppare il cancro.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Rahman SME, Akter Mele S et al. Foods 2021; 10(1):105.

Méndez-Picazo MT et al. J Innovat Knowl. 2020; 76:77.

Sucio NA et al. Trends Food Sci Technol 2019; 84:49–51.

Baudry J et al. JAMA Intern Med. 2018; 178(12):1597-606.

Downing NS et al. JAMA. 2017 May; 317(18):1854-1863.

Song M et al. JAMA Intern Med. 2016; 176(10):1453-63.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI