HomeBENESSERE & SALUTEHobby per il benessere personale: tutte le variazioni sul tema per rimanere...

Hobby per il benessere personale: tutte le variazioni sul tema per rimanere in salute con spasso

Per la maggior parte di noi, i nostri hobby sono una componente essenziale delle nostre vite personali, ma lo sapevate che possono essere buoni anche per la nostra salute mentale e fisica? Gli hobby forniscono un uso soddisfacente e produttivo del nostro tempo libero e le nostre identità principali sono spesso legate agli interessi che scegliamo di perseguire quando non lavoriamo, dormiamo o trascorriamo il tempo con i nostri cari o gli amici. Certo, la maggior parte di noi accetta un hobby perché piace. Ma, mentre stai per scoprirlo, potrebbe esserci molto di più nel tuo passatempo rispetto al fattore divertimento. La letteratura scientifica alla fine di questa rassegna è solo una parte delle ricerche che correlano varie attività hobbistiche e salute personale. Ecco cinque hobby che potrebbero dare una spinta alla salute in modo personalizzato.

Giardinaggio: buono per il cervello

All’inizio il giardinaggio potrebbe non sembrare un esercizio, ma gli studi hanno riportato che una serie di benefici inaspettati per la salute sono associati al mantenimento del giardino. In primo luogo, le semplici azioni di estirpare le erbacce, piantare e raggiungere gli strumenti contribuiscono tutti a una forma sottile di esercizio aerobico, che sappiamo aiuta a lavorare i muscoli e aumenta la forza, la resistenza e la flessibilità. Inoltre, stare all’aria aperta è positivo, e può aiutare chi ha problemi depressivi a stornare i pensieri ricorrenti e negativi dalla propria mente. E c’è un’associazione tra diminuzione del rischio di demenza e giardinaggio, con uno studio che riporta un rischio inferiore del 36% di demenza tra le persone che fanno il giardinaggio giornalmente. Sia il giardinaggio che il fai da te sono stati anche associati a una riduzione del rischio di infarto e ictus fino al 30% in uno studio del 2013, condotto dal Karolinska Institutet di Stoccolma, in Svezia. Infine, uno studio del 2014 pubblicato su PLOS One ha rilevato che il giardinaggio e il ciclismo regolare riducono la probabilità di carenza di vitamina D negli anziani.

Animali: gli amici del cuore

Gli animali di tutti i tipi possono diventare dei meravigliosi compagni e possono aiutarci ad essere più sani in molti modi. Secondo il CDC, possedere un animale domestico può non solo offrire opportunità di esercizio fisico, attività all’aria aperta e socializzazione, ma può anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna, i livelli di colesterolo e i livelli di trigliceridi e le sensazioni di solitudine. Se vi state chiedendo come questo si traduca in maggiori benefici per la salute, basta ricordare che tutti questi fattori sono positivamente associati a rischio di infarto cardiaco. Tuttavia, uno studio del 2013 ha messo in dubbio che l’associazione tra la proprietà degli animali da compagnia stessa sia direttamente collegata al rischio ridotto di malattie cardiache, tra i proprietari di animali domestici, che era stato riportato in studi precedenti.

L’esperto internazionale e professore Glenn N. Levine, ha espressamente dichiarato: “La proprietà degli animali domestici, in particolare la proprietà dei cani, è probabilmente associata a un ridotto rischio di malattie cardiache. Può essere semplicemente che le persone più sane sono quelle che hanno animali domestici, non che avere un animale domestico in realtà porta o provoca riduzioni del rischio cardiovascolare”. Eppure molti individui gradiscono la compagnia di un animale in casa; il primo posto va al cane, che permette attività di socializzazione, poi viene un canarino in gabbia per i più timidi; il terzo posto va al gatto, per i taciturni e romantici; infine i pesci, per coloro che amano la tranquillità e la stabilità.

Scrittura: una toccasana per la mente e le ferite

Sicuramente seduto a una scrivania con un laptop o carta e penna non può essere buono per la tua salute? Preparati a rimanere scioccato. La scrittura è stata collegata ad una serie di benefici per la salute mentale e fisica, tra cui miglioramenti nella memoria, livelli di stress e sonno, tra le altre cose. Diversi studi, ad esempio, hanno scoperto che scrivere delle loro esperienze aiuta i malati di cancro ad affrontare meglio la loro situazione, aiutandoli a sopportare lo stress e potenzialmente contribuire a migliorare i risultati fisici. Uno studio interessante condotto da ricercatori dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda ha anche esaminato se la scrittura può influire sulla velocità di guarigione delle ferite. I ricercatori hanno assegnato a un gruppo di partecipanti di scrivere per 20 minuti al giorno la loro esperienza di vita più traumatica e hanno assegnato a un altro gruppo il compito di scrivere per la stessa durata ogni giorno sui loro piani per il giorno successivo.

Due settimane dopo il primo giorno di scrittura, sono state prelevate piccole biopsie cutanee dai partecipanti. I ricercatori hanno poi fotografato le ferite risultanti ogni 3-5 giorni fino alla loro guarigione. Hanno scoperto che 11 giorni dopo la biopsia, il 76% delle ferite nel gruppo di partecipanti che scrivono di un trauma era guarito, mentre nel gruppo di partecipanti che scriveva sui loro piani quotidiani, solo il 42% delle ferite era guarito. Nel complesso, la scrittura è un ottimo strumento per l’auto-espressione, e mentre il diario sul trauma può essere catartico, ci sono anche possibili benefici per iscritti a dei social networks. Il blog, ad esempio, può aiutare le persone a stringere nuove relazioni e costruire comunità con cui condividere le proprie opinioni, passioni e aspetti di vita.

La musica è medicina

Il gioco e l’ascolto della musica possono anche avvantaggiare la salute mentale e fisica. Nel 2013 è stata pubblicato la prima recensione su vasta scala di documenti di ricerca che studiano l’influenza della musica sulla chimica cerebrale. La revisione suggeriva che la musica può potenziare il sistema immunitario, abbassare i livelli di stress e ansia e alleviare la depressione. Tra i pazienti in attesa di un intervento chirurgico, l’ascolto della musica è risultato più efficace nel ridurre l’ansia rispetto ai farmaci da prescrizione, e l’ascolto e la riproduzione della musica era legato a livelli più bassi di cortisolo, ossia “l’ormone dello stress”.

Per avere un’idea di quanta musica ecciti il nostro cervello, una ricerca del 2011 ha paragonato la risposta del cervello alla musica con le sue reazioni al cibo e al sesso, mentre le piacevoli sensazioni derivate da tutte e tre sono guidate dal rilascio del neurotrasmettitore dopamina. Ed una revisione della Cochrane Database del 2017, su tutti gli studi con criteri di ricerca elegibili e controllati (totale= 421 partecipanti) ha confermato l’efficacia della musicoterapia nel migliorare le sindromi depressive, allentando in fenomeni di ansia e migliorando l’adesione alle attività quotidiane.

Ballare: divertirsi e prevenire

La danza ha tutta una serie di benefici per la salute ed è un modo facile e accessibile per esercitare la maggior parte delle persone. Pensateci: non c’è bisogno di molte attrezzature per ballare: servono i piedi, alcuni brani, e preferibilmente un amico o due. Ballare è delicato sul corpo, ci si può spingere come si vuole o sistemarsi in un contesto comodo che fa al caso proprio. E chiunque può ballare! Anche se ci sono i timidi che non vogliono affrontare una pista da ballo, praticamente tutti si divertono a muoversi a tempo di musica. Non esiste praticamente un modo giusto o sbagliato di ballare, anche se è solo nella comodità della propria casa. Fate solo ciò che vi fa sentire bene! Ballare è un’attività sociale e sappiamo che mantenere un’attività sociale attiva è importante per il benessere generale. La cosa più importante è che ballare è divertente.

Ma come ci tiene in salute la danza? In primo luogo, è un allenamento cardio eccellente e sappiamo che gli allenamenti cardio aiutano a migliorare la salute cardiovascolare, aumentare la resistenza e tonificare ossa e muscoli. Una Cochrane Review del 2011 che ha esaminato studi per un totale di 9.917 partecipanti, hanno scoperto che ballare almeno tre volte alla settimana sembrava migliorare l’equilibrio negli anziani. Questo è importante perché i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riferiscono che ogni anno 2,8 milioni di anziani sono trattati nei reparti di emergenza per traumi da caduta. Anche le percentuali di morti involontarie tra gli adulti stanno diventando più frequenti.

Il CDC afferma che tra il 2005 e il 2014 i tassi di mortalità per caduta non intenzionale sono aumentati da 43 su 100.000 persone a 58 su 100.000. Quindi, se un’attività semplice come la danza può aiutare ad evitare alcune di queste cadute non intenzionali, allora perché non lanciarsi? Molti ritagliano due serate a settimana per andare a corsi di tango, flameco, latino-americano, per citare quelli più frequentati. Ballare è anche un bene per la salute del cervello. Un paio di studi, uno dei quali appare sulla prestigiosa rivista New England Journal of Medicine, ha riportato un’associazione tra regolari corsi di danza e una riduzione del 76% del rischio di demenza, un problema di sanità pubblica sempre più scottante.

Allora è proprio vero il proverbio “ad ognuno il suo”. Meglio seguire la scia divertendosi.

a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Giardinaggio

Harris H. Health Soc Care Comm 2017; 25(4):1328-36.

Soga M et al. Prev Med Rep. 2016 Nov 14; 5:92-99.

Wood CJ et al. J Public Health 2016; 38(3):e336-e344.

Lêng CH, Wang JD. Clin Interv Aging. 2016; 11:947-59.

Torres ER et al. Arch Psychiatr Nurs. 2016; 30(2):155-61.

Detweiler M et al. Altern Ther Health Med. 2015; 21(4):36.

Pet therapy

Brisson S, Dekker AH. J Spec Oper Med 2017; 17(4):49-51.

Muldoon AL t al. JMIR Ment Health. 2017 Nov 8; 4(4):e53. 

Lundqvist M et al. BMC Compl Altern Med. 2017; 17(1):358.

Sollami A et al. Acta Biomed. 2017 Mar 14;88(1 -S):25-31.

Griesser GC. JEMS. 2016 Dec; 41(12):49-53.

Scrittura

Koschwanez H et al. Health Psychol. 2017; 36(7):630-640.

Robinson H et al. Brain Behav Immun. 2017; 61:217-227.

Corsi di danza

Vassallo AJ et al. Preventive Med. 2018; 106:200-208. 

Fong Yan A et al. Sports Med. 2017 Dec 21. Review.

Rocha PA et al. Complement Ther Med. 2017; 34:1-9.

Amorim T et al. PLoS One. 2017 Jul 5; 12(7):e0180639. 

Musica

Onieva-Zafra MD et al. Holist Nurs Pract. 2018; 32(1):43-50.

Aalbers S et al. Cochr Datab Syst Rev. 2017; 11:CD004517.

Garcia-Casares N et al. Rev Neurol. 2017; 65(12):529-538.

Garza-Villarreal EA et al. Pain Physician 2017; 20(7):597-610.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI