HomeBIOMEDICINA & SALUTEAlla ricerca di farmaci senza effetti collaterali: il caso del G2013 per...

Alla ricerca di farmaci senza effetti collaterali: il caso del G2013 per trattare le infiammazioni e le sindromi autoimmuni

In molte ricerche pubblicate da partire dal 2014, vari gruppi di ricercatori hanno studiato l’espressione genica e l’attività di molti componenti delle cascate infiammatorie al fine di introdurre un nuovo FANS per il trattamento delle malattie infiammatorie reumatiche, note per avere un altissimo tasso di invalidità e compromissione della qualità della vita. I noti FANS sono usati per trattare il dolore e l’infiammazione patologici, attraverso l’inibizione dell’enzima ciclo-ossigenasi (COX) per bloccare la sintesi delle prostaglandine. Come sanno tutti, rimangono il trattamento di prima linea per osteoartrosi e patologie reumatiche autoimmuni per alleviare l’infiammazione e il dolore. Nonostante l’effetto benefico, il loro uso è accompagnato da un’ampia varietà di possibili effetti collaterali a livello gastrointestinale e renale. Una collaborazione dell’Università di Messina con l’Università di Teheran iniziata dieci anni fa ha lanciato una molecola del tutto nuova. L’acido alfa-L-guluronico, derivato dalla modifica di una molecola di glucosio, è stato studiato come un nuovo agente antinfiammatorio.

L’acido α-L-guluronico, brevettato con il nome G2013 (PCT/EP2017/067920), come un nuovo FANS con proprietà immunomodulatorie, ha mostrato i suoi effetti positivi in ​​svariati modelli di infiammazione patologica. In una ricerca del 2018, sono stati indagati i livelli di espressione di mRNA dei geni COX-1 e COX-2, che si suppone siano i bersagli molecolari primari del G2013 in vitro e in pazienti con spondilite anchilosante. Alla dose bassa o alta, il G2013 potrebbe ridurre significativamente l’espressione genica di COX-1 e COX-2. Di seguito è stata investigata l’espressione dei recettori immunitari TLR2, TLR e CD52 nel contesto della sclerosi multipla. Rispetto ai pazienti non trattati col farmaco, quelli tratti hanno una ridotta espressione di questi recettori e della citochina TNF-alfa nei globuli bianchi periferici. Nel caso della sclerosi multipla, invece, i ricercatori si sono concentrati sull’espressione di citochine come l’interferone-gamma, IL-17 ed IL-22, che intervengono nella malattia, e su certi fattori di trascrizione nucleari che ne controllano la produzione (AhR, T-bet, ROR-c).

In questi pazienti, il G2013 interferisce con l’attività di queste proteine, riducendo la produzione di IL-22, il che ha fatto pensare ai ricercatori di poterlo introdurre per la gestione della malattia, considerato che la molecola è quasi del tutto scevra da effetti secondari importanti. Nel 2020 è toccato a pazienti con artrite reumatoide che non rispondevano alle terapie farmacologiche e biologiche convenzionali. In via preliminare, in un trial clinico con 14 pazienti, è stata testata l’abilità del farmaco di interferire con il sistema di citochine (Il-4, IL-17) e fattori nucleari relativi (GATA-3, RORγt). Ciò è successo, assieme all’abbassamento dei valori di score DAS-28 della malattia, dopo 12 settimane di somministrazione. In qualunque contesto indagato, la somministrazione del G2013 non ha avuto effetti significativi sull’espressione di CD83 e CD86, nonché sui livelli di citochine IL-10 e IL-12. Questi sono importanti per l’immunità innata ed adattativa, operata con l’aiuto delle cosiddette cellule dendritiche, necessarie per tenere il sistema immunitario operativo contro le infezioni nonostante eventuali anomalie.

I farmaci immunosoppressori regolari che colpiscono le cellule dendritiche possono sopprimere la progressione delle malattie autoimmuni. Tuttavia, dovrebbero essere presi in considerazione i loro notevoli effetti collaterali nell’aumentare il rischio di tumori e malattie infettive. Il G2013 non sembra intaccare questi sistemi, considerando che è anche una molecola del tutto naturale derivata dall’idrolisi del gel di alghe marine. Nonostante ciò, il G2013 è catalogato come farmaco immunosoppressore ma con meccanismo analogo ai regolari FANS. Tuttavia, al di là del blocco delle ciclo-ossigenasi, la molecola interferisce anche con componenti a valle di alcuni sistemi recettoriali (IRAK-4, MyD88, TRAF-6) essenziali per l’induzione della risposta infiammatoria. Questa sua molteplicità d’azione, unita alla sua origine naturale e assenza di effetti collaterali tipici dei FANS e di altri immunosoppressori, ne fa un farmaco ideale per la cura di gravi condizioni mediche come l’artrite reumatoide, la spondilite anchilosante e la sclerosi multipla.

Il farmaco non è ancora commercializzato, anche perchè sono allo studio altri suoi meccanismi molecolari nel contesto delle cellule tumorali.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Urgenza spondiloartrite: alla ricerca di inibitori naturali e non della citochina nemica MIF (21/10/2021)

Lotta alla sclerosi multipla: le cure sperimentali al vaglio scientifico (17/02/2021)

Bioterapia della sclerosi multipla: un integratore ricorda ai precursori nervosi come maturare di nuovo (09/10/2020)

Soluzioni naturali per la sclerosi multipla: la piperina del pepe nero come prossimo inibitore candidato (11/05/2020)

Bioterapia della sclerosi multipla: la vitamina D va bene, servirebbero prove conclusive (26/03/2019)

Pubblicazioni scientifiche

Sadoughi A, Mansouri R et al. Drug Dev Res 2021; 82(2):296-301.

Hossein-Khannazer N et al. Drug Dev Res 2020; 81(4):511-516.

Azarian SK et al. Immunopharm Immunotox 2020; 42(1):22-27

Hossein-Khannazer NA et al. Drug Dev Res. 2020; 81(4):511-516.

Azarian SK et al. Immunopharm Immunotox 2019; 41(6):586-590.

Mortazavi-Jahromi SS et al. Immunol Res. 2019; 67(1):108-115.

Bakhtiari T et al. Iran J Allergy Asthma Immunol. 2019;18(6):639.

Arjomand Fard N et al. Iranian J Public Health 2017; 46(2):216-21.

Afraei S, Azizi G et al. Acta Neurol Belgica 2015; 115(3):259-266.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI