HomeATTUALITA' & SALUTEIn costruzione un vaccino influenzale universale: perchè non ci si è riusciti...

In costruzione un vaccino influenzale universale: perchè non ci si è riusciti fino ad oggi?

Tutti sanno che l’influenza è una malattia respiratoria acuta causata dai virus dell’influenza A, B, C e D. Tra questi, l’influenza A, B e C colpiscono l’uomo. In passato, le pandemie influenzali erano causate dai virus dell’influenza A. Questo potrebbe essere ulteriormente suddiviso in diversi sottotipi in base alle differenze HA e NA. Quattro pandemie influenzali si sono verificate negli ultimi 10 decenni: la pandemia influenzale spagnola H1N1 (1918–1920), la pandemia influenzale asiatica H2N2 (1957–1958), la pandemia influenzale H3N2 di Hong Kong (1968–1969) e il suino H1N1/09 pandemia influenzale (2009–2010). I ceppi responsabili delle quattro pandemie, H1N1 (influenza suina e influenza spagnola), H2N2 (influenza asiatica) e H3N2 (influenza di Hong Kong), hanno guadagnato maggiore attenzione. Negli ultimi due decenni sono comparsi diversi potenziali ceppi pandemici con vari eventi di influenza zoonotica. L’influenza, in particolare quella stagionale, è una minaccia universale per la salute umana.

Sino Biological ha elaborato un pannello di proteine ​​antigeniche e anticorpi per ceppi pandemici di influenza. È stato progettato per essere utilizzato per numerosi saggi biochimici, come il rilevamento dell’antigene, il titolo anticorpale e i saggi di tipizzazione antigenica. La diagnosi precoce e la vaccinazione sono metodi importanti per evitare e controllare l’influenza. La diagnosi e il trattamento precoci possono ridurre la durata della malattia, alleviare i sintomi e regolare la diffusione del virus. L’OMS suggerisce la vaccinazione annuale per prevenire l’influenza stagionale, specie fra i pazienti più vulnerabili. Ogni anno, numerosi ceppi influenzali diversi vengono scelti come ceppi vaccinali, a seconda dei dati di sorveglianza degli isolati recenti e delle loro prestazioni all’inizio della stagione. Negli ultimi anni, la maggior parte dei vaccini è trivalente o quadrivalente, come un H1N1, un H3N2 e influenza B di tipo Yamagata e/o Victoria.

Ora, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Istituto di scienze biomediche della Georgia State University, un nuovo vaccino antinfluenzale universale costruito con parti chiave del virus dell’influenza offre un’ampia protezione incrociata contro diversi ceppi e sottotipi di virus dell’influenza A nelle popolazioni giovani e anziane , I ricercatori hanno sviluppato il vaccino antinfluenzale universale collegando geneticamente due porzioni del virus altamente conservate (relativamente invariate nel tempo): il dominio extracellulare della matrice 2 (M2e) e la proteina del gambo che si trova nei virus dell’influenza A H3N2. I risultati, pubblicati sulla rivista npj Vaccines, mostrano che la vaccinazione con proteine del gambo M2e ha indotto un’ampia protezione contro diversi ceppi e sottotipi di virus dell’influenza mediante l’immunità mediata dal vaccino universale nei topi adulti e anziani.

Gli scienziati hanno dovuto affrontare ostacoli nello sviluppo di vaccini efficaci per i virus dell’influenza perché la parte della testa del virus dell’influenza è in continua evoluzione. Quando si confrontano i virus dell’influenza A H1N1 e H3N2, esistono sfide particolari nei sottotipi H3N2 a causa delle mutazioni del gambo nei ceppi circolanti e della struttura instabile delle proteine ​​​​del gambo per i virus H3N2. Questi inconvenienti sono stati difficili da superare nello sviluppo di vaccini efficaci a base di stelo H3. L’efficacia del vaccino contro l’H3N2 è stata bassa durante l’ultimo decennio, solo circa il 33%, ed è scesa al 6% durante la stagione influenzale 2014-2015. Nuove mutazioni delle varianti H3N2 sono emerse con maggiore virulenza. Inoltre, l’epidemia di H7N9, un altro sottotipo di influenza A, ha causato preoccupazione per potenziali pandemie. Pertanto, lo sviluppo di un vaccino efficace per la protezione da questi virus è una priorità assoluta.

La proteina gambo M2e, per la prima volta, potrebbe essere facilmente prodotta in colture cellulari batteriche con rese elevate e si è scoperto che conferisce protezione contro virus eterologhi ed etero-subtipici di sottotipi di gruppi incrociati (H1N1, H5N1, H9N2, H3N2 e H7N9), a livelli simili livelli nei topi adulti e anziani. Questi risultati forniscono la prova che le proteine di fusione genetica del gambo M2e possono essere prodotte su larga scala, a basso costo e sviluppate come un candidato vaccino universale contro il virus dell’influenza A, sia per le popolazioni giovani che anziane. Lo studio ha scoperto che questo nuovo vaccino del gambo M2e ha indotto anticorpi anti-M2e e immunoglobuline G (IgG) specifiche per il gambo stesso, che hanno riconosciuto antigeni virali dell’influenza antigenicamente diversi sulle particelle di virus e sulla superficie cellulare infetta. Inoltre, il vaccino ha stimolato l’immunità protettiva dei linfociti T cellulari e un’efficace clearance virale dell’influenza polmonare nei topi.

Finalmente, dunque, non ci sarà bisogno ogni anno di attendere il lavoro delle autorità competenti di selezionare quali ceppi virali usare in base alla diffusione iniziale. C’è ancora, poi, la questione del COVID: l’infezione ha mollato moltissimo la morsa, ma non c’è nessuna dichiarazione dell’OMS che pubblicamente riporta “la pandemia è finita”. Con la stagione estiva e la quasi abolizione dei mezzi di protezione personale, gli esperti temono che col rientro dalle ferie ci possa essere una risalita dei contagi. Nessun dato certo, ovviamente, ed è altamente improbabile che ci potrà essere una “quarta dose” applicabile universalmente. Ma con l’arrivo della prossima stagione fredda l’influenza si farà sicuramente avanti. E dato che ci sono da tempo le prove che vaccinarsi preventivamente per l’influenza protegge in parte dall’infezione del coronavirus, o ne riduce la severità del quadro, non sorprende che la prossima campagna vaccinale per l’influenza possa essere “ragionevolmente” quanto “dolcemente“ martellante.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Vaccinazione contro influenza ed herpes: perchè proteggono dall’attacco del COVID? (13/10/2021)

Pan-corona: la strategia degli scienziati di elaborare un vaccino contro tutti i coronavirus (23/08/2021)

Le vie rivoluzionarie contro i virus: per produrre vaccini ad 1 euro ed in modo “green” (20/04/2021)

Vaccino anti-influenzale: le organizzazioni mondiali premono per la prevenzione (29/11/2019)

Voglia di non vaccinare: Facebook si fa avanti contro la disinformazione (10/09/2019)

Pubblicazioni scientifiche

Subbiah J et al. npj Vaccines 2022 Jun 29; 7(1):68.

Su W et al. Am J Prev Med. 2022 Jul; 63(1):121-30. 

Tayar E et al. medRxiv 2022 May 9: 22274802.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI