HomeRICERCA & SALUTEPolicistosi ovarica come causa di morbilità infantile: il primo studio dedicato in...

Policistosi ovarica come causa di morbilità infantile: il primo studio dedicato in assoluto

La ‘ovaio policistico (PCOS) è un disturbo comune delle ovaie che può colpire fino al 10% delle donne in età riproduttiva. Le caratteristiche principali sono periodi irregolari, livelli elevati dell’ormoni androgeni, che può causare un eccesso di peli sul viso o sul corpo e le ovaie possono ingrandirsi e contenere sacche piene di liquido (follicoli) che circondano le uova. La PCOS può rendere difficile la gravidanza alle donne e può causare aumento di peso, pelle grassa, irsutismo o acne. Le donne con PCOS sono a rischio di obesità, diabete di tipo 2 e malattie del cuore e dei vasi sanguigni. Diversi studi hanno mostrato legami con problemi in gravidanza e parto, come diabete gestazionale, pre-eclampsia e parto pretermine. Tuttavia, l’effetto a lungo termine della PCOS sulla prole è poco compreso e ha ricevuto poca attenzione. Ora, secondo il più grande studio dell’argomento, i bambini nati da madri con sindrome PCOS hanno un rischio maggiore di sviluppare infezioni, allergie e altre malattie infantili all’età di 13 anni.

La ricerca, che ora è pubblicata su Human Reproduction, una delle principali riviste mondiali di medicina riproduttiva, ha esaminato 1.038.375 bambini nati in Quebec, Canada, tra il 2006 e il 2020. Di questi, 7.160 bambini sono nati da madri con PCOS. I ricercatori hanno scoperto che i figli di madri con PCOS avevano il 32% in più di probabilità di essere ricoverati in ospedale con una varietà di problemi di salute rispetto ai figli di madri senza PCOS. Avevano il 31% in più di probabilità di essere ricoverati per malattie infettive e il 47% in più di probabilità di essere ricoverati per problemi di allergia, come l’asma. Il rischio di ricovero è aumentato per problemi relativi al metabolismo (+59%), all’intestino (+72%), al sistema nervoso centrale (+74%) e alle orecchie (+34%); è stato aumentato anche per problemi respiratori, come la polmonite (+32%) e problemi comportamentali (+68%). Non c’era alcun legame con il cancro e c’era poca differenza tra ragazzi e ragazze nell’associazione della PCOS con il ricovero in ospedale.

Poiché si tratta di uno studio osservazionale, non è in grado di dimostrare che la PCOS causa problemi di salute nei bambini, solo che è associata a loro, e non può mostrare quali meccanismi possono essere coinvolti. I ricercatori hanno adattato i loro risultati per tenere conto di fattori che potrebbero influenzare i risultati come altri problemi di salute delle madri, età, numero di gravidanze, consumo di alcol e tabacco e privazione socioeconomica. Hanno scoperto che le associazioni tra PCOS materna e salute della prole non erano spiegate da trattamenti per la fertilità, nascite multiple o nascite pretermine. I punti di forza dello studio includono le sue dimensioni e il fatto che ha valutato un’ampia gamma di infezioni, allergie e malattie maligne, nonché problemi di salute specifici come respiratori, cardiovascolari, metabolici, gastrointestinali, urinari, genitali, muscoloscheletrici, cerebrali, dell’orecchio, disturbi oculari e psichici e comportamentali. La PCOS non è stata associata a ospedalizzazione per malattie cardiovascolari, muscolo-scheletriche o tumorali.

Al contrario, per tutte le altre condizioni organiche citate vi è stato un aumento del rischio di ospedalizzazione tra 1,4 e 2 volte. La PCOS era associata a disordini metabolici nei ragazzi, ma non nelle ragazze. L’associazione tra PCOS e ricovero era leggermente più forte all’inizio dell’infanzia. Rispetto all’assenza di esposizione, la PCOS era associata a 1,36 volte il rischio di qualsiasi ricovero prima dei 2 anni. Le limitazioni includono il fatto che i ricercatori non sono stati in grado di identificare donne con PCOS lieve che non sono mai state diagnosticate o bambini con malattie meno gravi che non sono stati curati in ospedale. Mancavano anche dati su etnia, istruzione, indice di massa corporea pre-gravidanza, aumento di peso durante la gravidanza, attività fisica e informazioni sull’uso di farmaci come la metformina. I meccanismi alla base di come questa relazione sarebbe avvenuta non sono stati indagati. Tuttavia, le donne con PCOS possono avere alti livelli di androgeni e insulino-resistenza, che sono stati collegati a problemi con la placenta, come l’infiammazione e funzionalità compromessa della placenta.

Questi creano un ambiente non ottimale nell’utero per i bambini che potrebbe portare a una funzione immunitaria compromessa e a un’infiammazione sistemica di basso grado. Una recente revisione sistematica ha rilevato che le donne con PCOS avevano biomarcatori ossidativi plasmatici maggiori, inclusa l’omocisteina. È noto che l’omocisteina nel sangue alta è associata a una limitazione della crescita fetale e a un basso peso alla nascita. Inoltre, l’esposizione intrauterina alla PCOS può influenzare i modelli di metilazione del DNA nelle regioni promotrici dei geni metabolici. L’omocisteina può, infatti, intrappolare i gruppi metilici necessari per la metilazione del gene e questo aumenterebbe il problema, collaborando con l’insulina e gli androgeni più elevati nel sangue. Anche i farmaci assunti o le esposizioni ambientali durante la gravidanza potrebbero avere il loro impatto, anche se non sono stati studiati in questa ricerca. Per non parlare del fatto che anche i fattori genetici potrebbero svolgere un ruolo, con l’ambiente nell’utero che causa modifiche nel modo in cui alcuni geni funzionano nella prole.

La leader, la Dr.ssa Nathalie Auger, professoressa associata di epidemiologia presso la School of Public Health dell’Università di Montreal, si è infatti concentrata sui risultati della prole e ha affermato: “Questi risultati colmano una grande lacuna in ciò che sappiamo sulla salute a lungo termine dei bambini le cui madri hanno la PCOS. I medici di base e le ostetriche dovrebbero prendere in considerazione l’identificazione delle donne con PCOS prima del concepimento e offrire interventi precoci come la gestione del peso e strategie per aiutare a prevenire problemi, come il diabete e le malattie del cuore e dei vasi sanguigni. Medici di famiglia e pediatri dovrebbero considerare di monitorare maggiormente i bambini subito dopo la nascita per ridurre al minimo la morbilità e una maggiore consapevolezza dei genitori può aiutare a migliorare i risultati dei loro figli”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Ovaio policistico: quali sono le molecole efficaci naturali dimostrate dalla scienza? (26/10/2021)

Genetica dell’ovaio policistico: sempre più dati a confermare che l’ambiente e la dieta non sono tutto (28/06/2020)

Policistosi ovarica: le diete e le indicazioni positive per gestirla (11/09/2018)

Ovaio policistico: le correlazioni fra diabete e pillole anticoncezionali (30/10/2017)

Pubblicazioni scientifiche

Wei SQ et al. Human Reproduction 2022 Jul 14: deac154.

Allen LA et al. Clin Endocrinol (Oxf). 2022; 97(2):187-198.

Chen X et al. Hum Reprod. 2022 May 30; 37(6):1311-323.

Rastad H, Seifi Alan M. Clin Exp Pediatr. 2022; 65(3):152.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI