HomeBIOMEDICINA & SALUTELa vitamina B6 ad alto dosaggio per la bioterapia di ansia e...

La vitamina B6 ad alto dosaggio per la bioterapia di ansia e depressione: cosa ha trovato al scienza?

Le vitamine del gruppo B svolgono ruoli vitali nei processi metabolici cellulari, essenziali per la funzione cerebrale e del sistema nervoso, compresi quelli che aiutano a mantenere un equilibrio tra eccitazione neurale e inibizione. Grazie al loro entrare in strutture di cofattori, le vitamine B1, B2, B3, B6 e B12 sono particolarmente importanti per la salute del sistema nervoso centrale. Un equilibrio verso l’eccitazione è stato implicato in molteplici disturbi neuropsichiatrici, tra cui depressione e ansia. In quanto tale, è stato suggerito che l’integrazione con alte dosi di vitamina B potrebbe controllare efficacemente certe loro anomalie comportamentali. Studi precedenti hanno implicato la vitamina B6 come cofattore (PLP) per l’enzima glutammato decarbossilasi (GAD), per la sintesi del neurotrasmettitore acido gamma-aminobutirrico (GABA), ad azione inibitoria sull’attività elettrica neuronale.

Ma la vitamina B6 è cofattore di altri enzimi analoghi che agiscono anche su aminoacidi precursori di altri mediatori, come la serotonina e la dopamina. Studi passati hanno fatto vedere che essa può effettivamente degli effetti biochimici sulla chimica cerebrale e condizionare comportamenti psichiatrici. Uno studio del 2000 ha dimostrato che 50mg di vitamina B6 + 200mg magnesio riduce i sintomi ansiosi della sindrome pre-mestruale. E’ singolare come presi singolarmente magnesio e vitamina B non influenzano l’ansia pre-mestruale, almeno questo è quello che la scienza afferma in base a tutti i dati clinici e pre-clinici disponibili in letteratura. Invece, da sola è efficace nell’alleviare l’ansia nelle donne anziane. E’ probabile che questo dipenda dal fatto che il magnesio è un cofattore enzimatico di molte proteine cellulari, nonché un moderatore delle correnti ioniche del sodio e del calcio nei tessuti non-nervosi che nervosi.

Ora, in un recente studio i ricercatori hanno riferito che l’integrazione di vitamina B6 riduce l’ansia. Nel presente studio, i ricercatori hanno studiato gli effetti dell’integrazione ad alte dosi di vitamina B6 o B12 su ansia e depressione. I risultati qui presentati sono risultati collettivi di studi in doppio cieco controllati con placebo condotti nell’arco di cinque anni su studenti. I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere compresse di placebo con vitamina B6/B12 o lattosio. Gli individui sono stati esclusi se diabetici, intolleranti al lattosio, epilettici o che utilizzavano farmaci che interferivano con l’assorbimento delle vitamine B. Le tabelle della vitamina B6 contenevano 100 mg di B6 come piridossina cloridrato e le compresse di B12 contenevano 1mg di B12 come metil-cobalamina; le dosi hanno superato di gran lunga la dose giornaliera raccomandata.

Ai partecipanti è stato chiesto di assumere una compressa al giorno con il cibo per 30-35 giorni. Lo studio comprendeva 478 partecipanti, principalmente donne di età compresa tra 18 e 58 anni. L’analisi dei dati SCAARED delle coorti che avevano ricevuto vitamina B6 e placebo ha rivelato una significativa diminuzione dell’ansia post-test, principalmente guidata dalla ridotta ansia tra i soggetti del gruppo B6. La minore riduzione dell’ansia nel gruppo placebo era insignificante. L’ANOVA dei gruppi per la vitamina B12 e placebo ha rivelato un calo significativo dell’ansia post-test, principalmente guidato da una diminuzione dell’ansia tra i partecipanti al gruppo B12. Il gruppo B6 aveva anche punteggi post-test significativamente più bassi nelle sottoscale del disturbo d’ansia generalizzato (GAD) e dell’ansia sociale (SAN) di SCAARED.

La coorte B12 ha avuto una significativa riduzione post-test sulla sottoscala dell’ansia da separazione (SEP). Al contrario, non sono stati osservati cambiamenti significativi nel gruppo placebo. L’analisi statistica che confronta i dati del gruppo vitamina B6 e placebo del questionario per umore/sentimenti (MFQ) non ha mostrato una direzione uniforme del cambiamento nella depressione post-test. Invece, i punteggi della depressione avevano maggiori probabilità di diminuire dopo il test nel gruppo B6 ma aumentare nel gruppo placebo; inoltre, questo si avvicinava alla significatività statistica. Tuttavia, i test t che confrontano i punteggi di base e post-test non hanno rivelato cambiamenti così significativi. I della coorte B12 e del placebo non hanno mostrato cambiamenti significativi; e il t-test dei punteggi basali e post-test del gruppo B12 era insignificante.

Nella coorte B6 è stato osservato un effetto di soppressione surround più forte, che riflette una significativa interazione tra trattamento e l’assenza/presenza dell’ambiente soppressivo. L’integrazione di vitamina B6 ha ridotto l’ansia auto-riferita e ha indotto una tendenza verso una riduzione della depressione, ma non ha influenzato in modo affidabile le altre misure di esito. L’integrazione di vitamina B12 ha prodotto tendenze verso i cambiamenti nell’ansia e nell’elaborazione visiva. Perciò l’integrazione di vitamina B6 ha influenzato l’equilibrio tra inibizione neurale ed eccitazione. L’integrazione di B6 ha amplificato le soglie di contrasto visivo solo in presenza di surround soppressivo. In particolare, ciò indicava un’aumentata inibizione neurale da parte di livelli più elevati di GABA, dato che l’effetto della soppressione surround sulle soglie di contrasto è causato in parte da interneuroni GABAergici inibitori.

L’integrazione di B6 ha anche ridotto i sintomi di ansia auto-riferiti. I livelli elevati di GABA potrebbero spiegare la diminuzione osservata dell’ansia. Al contrario, l’integrazione di B6 non ha avuto alcun effetto apparente su altre misure di esito (depressione, rivalità binoculare e test tattili). In conclusione, lo studio ha dimostrato che l’integrazione ad alte dosi di vitamina B6 potrebbe influenzare l’ansia e ha osservato che la vitamina aumenta anche la soppressione circostante del rilevamento del contrasto visivo. Inoltre, misurare gli effetti di altri micronutrienti su queste misure di esito potrebbe aiutare a identificare i micronutrienti che potrebbero essere combinati e testati come trattamento per l’ansia e la depressione. Invero, studi degli ultimi 5 anni hanno raccolto evidenze che l’integrazione con vitamina B6 sembra poter aiutare nello smorzare la gravità dei sintomi depressivi in una consistente percentuale di pazienti.

Questo effetto è praticamente quasi esclusivo per le donne, mentre non sembra comparire negli uomini. Ciò è consistente col prevalere del disturbo d’ansia e di quello depressivo nel sesso femminile, rispetto a quello maschile. È anche opinione scientifica comune che questo fenomeno sottintenda il ruolo degli ormoni femminili nel controllo dell’irritabilità, dell’ansia e della depressione, specialmente quando si approccia per le donne l’età della menopausa. Gli estrogeni è noto interagire con neurotrasmettitori come la dopamina ed il GABA; e come detto prima, la vitamina B6 è cofattore enzimatico per gli enzimi generatori di più di uno di essi. Non si può escludere, infine, che le alte dosi di vitamina B6 usate nei trials clinici passati incluso quello descritto qui, possano avere altri bersagli molecolari che la scienza non conosce ancora.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Come possono sfociare nella depressione le carenze alimentari? (28/01/2021)

Gli estrogeni oltre la riproduzione: il controllo cerebrale nella donna (11/03/2020)

Prevalenza dei disturbi d’ansia: nuova recensione della letteratura (07/08/2019)

Depressione ed osteoporosi in menopausa: connessioni in crescita (24/11/2017)

La dopamina e i cento volti della depressione (23/10/2017)

Pubblicazioni scientifiche

Field DT et al. Human Psychopharmacol Clin Exp. 2022 Jul 19:e2852.

Odai T, Terauchi M, Suzuki R et al. Nutrients. 2020 Nov; 12(11):3437.

Kafeshani M et al. Int J Vitam Nutr Res. 2020 Oct; 90(5-6):484-492.

Firth J, Teasdale SB et al. World Psychiatry. 2019 Oct; 18(3):308-324.

McCabe D et al. JBI Datab System Rev Implem Rep. 2017;15(2):402.

Lerner V, Miodownik C et al. J Clin Psychiatry. 2002 Jan; 63(1):54-58.

De Souza MC et al. J Womens Health Gend Based Med. 2000; 9(2):131.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI