HomeBIOMEDICINA & SALUTEL'uso della vitamina C per trattare le tendinopatie: quali evidenze di supporto...

L’uso della vitamina C per trattare le tendinopatie: quali evidenze di supporto ci sono?

Eziopatogenesi

La patogenesi della tendinopatia è multifattoriale e complessa. Il processo patologico sembra essere avviato da un sovraccarico tendineo ripetitivo, che porta al danno strutturale delle fibrille di collagene. Queste alterazioni iniziali sono generalmente asintomatiche. Il progressivo accumulo di danno alla matrice extracellulare e la secrezione di citochine, chemochine, mediatori dell’infiammazione e nocicettori attivati ​​portano infine alla manifestazione dei sintomi. Per gli interventi terapeutici è stato considerato un modello di patologia tendinea e di risposta al trattamento. Secondo questo modello, la patologia tendinea ne ha tre stadi: (a) tendinopatia reattiva, (b) distruzione del tendine e (c) tendinopatia degenerativa. Questo modello divide le tendinopatie in tre gruppi in base al principale fattore clinico: la rottura o rottura del collagene, il processo infiammatorio e la risposta cellulare del tendine.

La tendinopatia degenerativa è caratterizzata da una progressiva disorganizzazione della matrice extracellulare tendinea e del collagene. Le cellule sono danneggiate o muoiono e presentano alterazioni nei vasi sanguigni del tendine (neovascolarizzazione). Inoltre, le aree interessate non presentano una caratteristica struttura fibrillare allineata, non essendo in grado di sostenere alcuno stress tensionale. Altrimenti detto, si ritiene che queste aree non strutturate siano meccanicamente molto deboli. Il tessuto danneggiato produce diversi messaggeri del dolore e attiva i nervi periferici portando all’ipersensibilità.

Il ruolo dello stress ossidativo

I tendini degenerati sono una fonte di specie reattive dell’ossigeno (ROS), contribuendo in modo significativo alla progressione della tendinopatia. La malondialdeide (MDA) è un importante indicatore della perossidazione lipidica, che aumenta dopo l’iniezione di collagenasi nei tendini di ratto. Oltre all’MDA, altre molecole ossidative contribuiscono alla formazione di tendinopatie influenzando l’omeostasi tendinea e producendo processi infiammatori e di morte cellulare degenerativa. Pertanto, le lesioni possono portare a una sovrapproduzione di ROS e processi di stress ossidativo nell’area lesa. Probabilmente, la regolazione redox gioca un ruolo nella guarigione dei tendini che soffrono di lesioni degenerative. Per questo motivo, sembra che la difesa antiossidante sia strumentale alla guarigione stessa del tendine.

L’uso della vitamina C nella cura delle tendinopatie

L’uso dell’acido ascorbico nella gestione complementare delle tendinopatie è stato molto limitato nel passato. In generale, nella pratica clinica, la Vitamina C non è comunemente usata per trattare problemi muscolo-scheletrici. Con le maggiori scoperte sullo stress ossidativo degli ultimi 30 anni, invece, tutto è cambiato e adesso oggi si trovano integratori dedicati alla salute delle cartilagini e dei tendini dove, accanto ai classici glucosamina e condroiti-solfato, si trovano metilsulfonil-metano (MSM), vitamina C, piccole dosi di acido lipoico, un sale di zinco o di manganese ed eventualmente antinfiammatori naturali come l’artiglio del diavolo (Arpagophyton) o estratti di incenso (Boswellia). Come si può capire dalla lista, la maggior parte di esse sono sostanze antiossidanti dirette o che entrano come cofattori di enzimi antiossidanti. Tuttavia, mentre alcuni studi supportano il ruolo della VC nel recupero tendineo, altri studi non supportano tale visione.

Dalla revisione più completa della letteratura scientifica, sebbene si osservi un effetto favorevole della VC nella guarigione del tendine leso della cuffia dei rotatori, la differenza non diventa significativa rispetto ai soggetti di controllo. Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per risolvere questi risultati contraddittori, stabilendo la condizione tendinea in cui VC esercita un processo di riparazione ottimale. Un punto di potenziale interesse riguarda il potenziale di recupero del VC quando combinato con altri composti. In questo contesto, i ratti trattati con una combinazione di VC e coagulo di fibrina accelerano istologicamente la guarigione del tendine, fornendo un tendine ad alta resistenza, vicino a un tendine biomeccanicamente forte. Questi fatti sono stati confermati da altri studi, che dimostrano che sia la vitamina C che l’acido ialuronico hanno effetti terapeutici sulla guarigione del tendine, specialmente nella fase avanzata della riparazione del tendine.

Altri studi indicano che l’iniezione di acido ascorbico con ormone tiroideo attivo (T3) migliora la funzione biologica dei tenociti, favorendo la guarigione dei tendini. Nel trattamento delle tendinopatie, l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) è comune, indipendentemente dall’integrazione con altre molecole come quelle descritte in precedenza in questa recensione. È importante notare che i FANS possono influenzare la guarigione dei tessuti che prendono parte alla struttura del sistema muscolo-scheletrico, influenzando in modo specifico la proliferazione dei tenociti dopo la lesione. Tuttavia, la combinazione con integratori contenenti VC o altri composti, come l’acido ialuronico, mitiga gli effetti esercitati dai FANS. Un’integrazione di VC, da sola o in combinazione con altri composti, aumenta la produzione di collagene, con il conseguente miglioramento della guarigione nel paziente. È importante considerare che molti degli studi sono stati sviluppati per la somministrazione iniettabile di VC nell’area interessata.

Nonostante ciò, non c’è unanimità sulle dosi più efficaci da utilizzare. Al momento, 60 mg di acido ascorbico, da solo o in combinazione con altri composti, sembra essere la dose principalmente proposta per il trattamento delle tendinopatie. Essa corrisponde alla dose giornaliera previamente raccomandata come dose giornaliera necessaria al fabbisogno di vitamina C per il nostro corpo. Oggi il fabbisogno giornaliero è stato fissato a 90mg, ed è quello ritenuto fondamentale in assenza di patologie importanti. Ecco perché quando la vitamina C viene assunta da sola come antiossidante, sono state utilizzate dosi più elevate. Pertanto, sono necessari ulteriori studi per determinare la dose orale ottimale che potrebbe essere utile nella risoluzione di della tendinopatia, che si tratti di vitamina C sola o associata ad altre molecole. Nel frattempo, assumere integratori con dosi comprese fra 200-500mg di acido ascorbico al giorno non incontra alcuna obiezione.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Tendinopatie: a parte lo sport e gli sforzi, è d’obbligo dare uno sguardo allo stile di vita (09/09/2020)

Lesioni dei tendini: buone notizie per sportivi e non con le staminali da “orientare” (29/11/2019)

Tendinopatie: a parte lo sport e gli sforzi, è d’obbligo dare uno sguardo allo stile di vita

Pubblicazioni scientifiche

Martel M et al. Eur J Orthop Surg Traumatol. 2021; 32:63–70.

Oliva F, Maffulli N et al. J. Orthop Surg Res. 2019; 14:54.

Souza M, Moraes S et al. Braz J Med Biol Res. 2019; 52:8290.

Dincel YM, Adanir O et al. Acta Ortop. Bras. 2018; 26:82–85.

Morikawa D, Nojiri, H et al. JSES Open Access 2018; 2:91–96.

Shaw G et al. Amer J Clinical. Nutr. 2016; 105:136–143.

Fusini F et al. Muscle Ligaments Tendons J. 2016, 6:48–57.

Ömero˘glu, S et al. Arch Orthop Traum Surg. 2009; 129:281.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI