HomeLAVORO & SALUTEL'inquinamento petrolchimico a Gela: le casistiche locali aggiornate per mortalità effettive da...

L’inquinamento petrolchimico a Gela: le casistiche locali aggiornate per mortalità effettive da tumori

Nel 1998, a Gela (Sicilia), una vasta area limitrofa al paese è stata definita sito contaminato di priorità nazionale (legge 426/98), a causa dell’inquinamento da un complesso petrolchimico costruito nel 1960 e attivo dal 1962. Ospitava, come tutti sanno, una grande raffineria di petrolio, nonché impianti termoelettrici e petrolchimici per la produzione di prodotti chimici organici e inorganici. I rifiuti di lavorazione hanno inquinato le matrici ambientali vicine: aria, suolo e, a causa del lungo tempo di smaltimento, i rifiuti stoccati hanno inquinato anche le falde acquifere. Inoltre, uno specifico rifiuto chimico, il Petcoke, è stato riutilizzato come combustibile per la centrale termoelettrica invece di essere trattato come rifiuto pericoloso. Nel 2000, con il Decreto legislativo, l’area che copre l’intero complesso petrolchimico e un’estesa porzione di mare è stata ufficialmente individuata da bonificare e i dati raccolti dallo stesso anno dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) documentano forte contaminazione delle falde acquifere, del suolo e dell’aria.

Dopo un primo sequestro nel 2002, il complesso industriale è stato gradualmente ridimensionato fino alla chiusura nel 2014. Successivamente è stata avviata una riconversione di una piccola porzione del sito industriale alla produzione di energia rinnovabile. Intanto, nel 2009, l’analisi delle matrici ambientali ha evidenziato la presenza di arsenico, piombo, mercurio e cloruro di vinile mille volte superiori ai valori soglia consentiti dalla legge. A settembre 2019 è entrata in funzione una nuova unità di bioraffineria. Concentrandosi sul profilo sanitario delle persone a Gela, precedenti studi sui residenti e sui lavoratori dei siti petrolchimici, hanno evidenziato eccessi di mortalità per cancro ai polmoni per entrambi i sessi, ricoveri per malattie respiratorie acute e croniche e pneumoconiosi, e malformazioni congenite del sistema nervoso, cardiovascolare e genitourinario. Questo perchè terreno circostante e falde acquifere sono risultate positive per solventi clorurati, derivati degli idrocarburi e metalli pesanti.

L’assunzione a lungo termine di arsenico può causare diabete e gravi malattie neurologiche, mentre l’esposizione al piombo è associata ad effetti nervosi, renali e sul sistema circolatorio (es. ipertensione). Uno studio pubblicato nel 2021 ha riassunto le mortalità causali nella zona di Gela dovuta all’esposizione inquinante derivata dalla presenza dell’impianto petrolchimico annesso. L’analisi dell’andamento della mortalità per tutte le malattie mostra che i tassi per uomini e donne a Gela erano in diminuzione nel tempo, ma erano sempre superiori a quelli siciliani. I tassi di Gela sono scesi da 205 decessi ogni 10.000 abitanti a 135/10.000 negli uomini e, da 185/10.000 a 100/10.000 nelle donne. Le tariffe siciliane sono scese a 125/10.000 per gli uomini e 88/10.000 per le donne. I risultati dell’analisi dell’andamento della mortalità per tutti i tumori maligni a Gela mostrano un aumento dei tassi da meno di 25 decessi per 10.000 abitanti (1980) a 45 decessi per 10.000 (2000) negli uomini.

Dal 2000 i tassi hanno iniziato a decrescere per raggiungere nel 2014 circa 38/10.000. Crescita anche per le donne ma inferiore a quella degli uomini, con il valore più alto, 25/10.000 nel 2004. Concentrandosi sulla mortalità per cancro per gli uomini di tutte le età, il profilo nel periodo analizzato è peggiore di quello siciliano, con SMR superiori a uno dal 1984 al 2014 con il valore più alto, 1,22 nel periodo 1995-1999. Per le donne, invece, fino al 1994 i valori di SMR sono inferiori a uno ma dal 1995 hanno iniziato ad aumentare di oltre uno fino al periodo 2005-2009. Tra tutti i tumori maligni, l’analisi si è concentrata sul tumore del bronco e del polmone: per gli uomini, si osserva un aumento delle stime SMR dal 1990, 1,00 [0,84, 1,20], fino al 2004, 1,46 tra tutte le età. Concentrandosi sui risultati per classi di età specifiche, gli SMR negli uomini mostrano un rischio in eccesso tra i 30 ei 64 anni nell’ultimo periodo dello studio (2000-2014) con un SMR medio di 1,36. In termini assoluti, in questi 15 anni, sono 135 i casi osservati negli uomini contro i 95 attesi.

Gli eccessi nell’incidenza del cancro per le persone residenti vicino a un complesso petrolchimico sono stati identificati in diversi studi e meta-analisi precedenti. Questi studi hanno mostrato che l’incidenza del cancro del polmone, così come la mortalità per chi vive vicino a un sito petrolchimico è significativamente più alta rispetto a chi vive più lontano. E anche l’esposizione a contaminanti specifici, per lo più emessi da complessi petrolchimici, è associata all’aumento di incidenza per cancro allo stomaco e leucemia. In una finestra temporale dal 2007 al 2010, i dati sugli inquinanti hanno mostrato alti livelli di metalli pesanti presenti anche nel sito petrolchimico di Gela come arsenico, cadmio e cromo. I risultati dello studio sui tumori hanno mostrato un rischio di mortalità più elevato nelle popolazioni esposte rispetto a quelle non esposte, soprattutto per i tumori della pleura e del colon-retto. La nozione di latenza della malattia merita una considerazione.

Le malattie associate all’esposizione cronica alla contaminazione ambientale, come i tumori, potrebbero avere lunghi periodi di latenza. Il periodo di latenza minimo stimato per i tumori può arrivare ad un decennio, mentre la latenza media tra l’inizio dell’esposizione all’insorgenza/diagnosi del cancro è solitamente di decenni. Considerato che l’impianto di Gela ha cominciato a lavorare agli inizi degli anni ’60, una latenza di 30 anni con tutte le casistiche oncologiche spuntate sul luogo, rendono coerenti le ipotesi epidemiologiche di legame causale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

De Rocchi D et al. Ann Ist Super Sanità 2021; 57(2):174-182.

Zona A et al. Epidemiol Prev. 2019; 43(2-3 Suppl. 1):1- 208.

Santoro M et al. Int J Envir Res Pub Health 2017; 14(3):292.

Catelan D et al. Epidemiol Prev. 2014; 38(2 Suppl. 1):162-70.

Pasetto R, Zona A, Pirastu et al. Environ Health. 2012; 11:34.

Musmeci L et al. Epidemiol Prev. 2009; 33(3 Suppl. 1):18-23.

Bianchi F, Bianca S et al. Epidemiol Prev. 2006; 30(1):19‐26.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI