HomeBIOMEDICINA & SALUTEIl controllo del dolore con gli omega-3: da quello neuropatico a quello...

Il controllo del dolore con gli omega-3: da quello neuropatico a quello reumatico bloccando il canale VNUT

L’acido eicosapentaenoico (EPA) è un nutriente essenziale appartenente al gruppo omega-3 degli acidi grassi polinsaturi (PUFA). Poiché il corpo umano non è in grado di sintetizzare i PUFA, per le normali funzioni fisiologiche sono necessari integratori alimentari contenenti EPA. Trovato in abbondanza in fonti naturali come pesce, olio di canapa e olio di lino, l’EPA è noto per esibire attività antinfiammatorie, neuroprotettive e protettive cardiovascolari. Inoltre, studi recenti hanno dimostrato i suoi effetti terapeutici nel ridurre il rischio di mortalità dopo infarto del miocardio, nel migliorare la resistenza all’insulina, nel ridurre i livelli di lipidi nel sangue e nell’inibire l’aggregazione piastrinica. È stato anche dimostrato che gli acidi polinsaturi Omega-3 riducono le risposte infiammatorie dopo l’infezione da COVID-19. Nonostante l’ampio spettro dei suoi effetti terapeutici, i bersagli molecolari e il meccanismo alla base dell’azione dell’EPA sono solo parzialmente chiariti.

Un obiettivo primario è sicuramente la ciclo-ossigenasi 2 (COX2), che viene inibita competitivamente per esercitare un effetto antinfiammatorio parziale. Alcuni recettori nucleari cellulari come il preroxisomiale (PPAR) sono anche bersagli riconosciuti degli acidi grassi omega-3. Più recentemente, gli scienziati hanno scoperto che parte dell’azione antagonista sull’infiammazione è dovuta al legame di EPA o DHA a un recettore di superficie chiamato GPR120, che inibisce il fattore di trascrizione NF-kB coinvolto nella sintesi delle citochine. Un nuovo team di ricerca del professor Takaaki Miyaji dell’Università di Okayama, in Giappone, ha ora scoperto un nuovo obiettivo molecolare dell’EPA nel loro recente lavoro pubblicato sulla rivista PNAS USA. Durante le interruzioni neurologiche, metaboliche e immunologiche, la trasmissione chimica “purinergica” porta al legame di vettori energetici come l’ATP ai “recettori purinergici”, che induce ed esacerba la percezione del dolore neuropatico e infiammatorio.

Questo legame è mediato da un trasportatore nucleotidico vescicolare (VNUT), che diventa così la molecola chiave nell’inizio della segnalazione purinergica. I ricercatori hanno ipotizzato che l’EPA prenda di mira la VNUT, bloccando così la trasmissione chimica purinergica e riducendo la percezione del dolore. Indagando più a fondo, il team, quindi, ha cercato di comprendere il meccanismo d’azione dell’EPA nell’alleviare il dolore sia infiammatorio che neuropatico. Il team ha testato questa ipotesi sia in vitro, utilizzando VNUT di derivazione umana, sia in vivo, utilizzando un modello murino carente di VNUT. Hanno scoperto che l’EPA compete con gli ioni cloro che normalmente attivano VNUT e inibiscono il rilascio di ATP mediato da VNUT. Inoltre, hanno osservato questo effetto solo con l’EPA e i suoi metaboliti, come 12-HEPE o lipoxina A5, suggerendo che la struttura degli acidi grassi omega-3 con catene laterali è necessaria per l’inibizione della VNUT. Gli effetti del DHA e dei suoi metaboliti erano assenti.

Inoltre, la trasmissione chimica purinergica è anche associata a una varietà di condizioni tra cui l’osteoporosi e la depressione, per le quali l’EPA può essere esplorata come strategia terapeutica. Infatti, il clodronato, un bifosfonato antio-osteoporotico, è anche un inibitore della VNUT (IC50 = 15 nM) e il dolore neuropatico e infiammatorio attenuato da clodronato ed EPA con la stessa massima efficacia. D’altra parte, gli oppioidi e altri farmaci antidolorifici (come il tramadolo) possono avere effetti collaterali a lungo termine e provocare dipendenza, che è considerata dai medici un argomento preoccupante nella pratica clinica e chirurgica. In assenza di trattamenti farmacologici ottimali con minori effetti collaterali, il dolore cronico porta ad una diminuzione della qualità della vita, oltre ad aumentare l’onere economico del trattamento. Con questa scoperta, l'”EPA a base di nutrienti” e i suoi metaboliti possono essere indicati nella gestione del dolore cronico, tenendo lontani i potenziali effetti collaterali.

Inoltre, hanno indotto dolore neuropatico nei topi wild-type e carenti di VNUT utilizzando agenti chemioterapici utilizzati nel trattamento del cancro. Hanno scoperto che basse concentrazioni di EPA inibivano completamente e in modo reversibile il rilascio di ATP dai neuroni, senza inibire il rilascio di altri neurotrasmettitori. L’effetto analgesico dell’EPA era più forte di quello degli agenti analgesici, come pregabalin e duloxetina, che sono clinicamente utilizzati per il trattamento del dolore neuropatico. In particolare, l’EPA ha accentuato il dolore negli animali selvatici, ma non nei topi carenti di VNUT. Allo stesso modo, è stato dimostrato che la resistenza all’insulina indotta dal dolore neuropatico è ridotta dal trattamento con EPA nei topi wild-type, ma non nei topi carenti di VNUT. Inoltre, il dolore neuropatico e l’insulino-resistenza associata, gli effetti analgesici dell’EPA possono essere ulteriormente estesi al dolore cronico associato a molte altre condizioni come il diabete, le malattie reumatiche e l’infiammazione del nervo sciatico.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Discopatia (V): gli effetti dell’intervento con gli omega-3 per prevenire il fenomeno (05/09/2022)

Come tenere in salute le cartilagini, fra scelte a tavola e integratori alimentari (27/04/2022)

Trattare l’osteoartrite mangiando a tavola: la dieta Mediterranea è di beneficio? (26/02/2021)

Omega-3: fanno bene all’artrosi ma con lo stile di vita giusto (10/12/2020)

Pubblicazioni scientifiche

Kato Y et al. PNAS USA. 2022; 119(30):e2122158119.

Oppedisano F et al. Oxid Med Cell Longev; 2021:4878562.

NaPier Z et al. Med Sci Monit. 2019 Dec; 25:9531-9537.

Kato Y et al. PNAS USA. 2017; 114(31):E6297-E6305.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI