HomeATTUALITA' & SALUTEI sottotipi di COVID lungo: la nuova scoperta degli scienziati per comprendere...

I sottotipi di COVID lungo: la nuova scoperta degli scienziati per comprendere tutte le sue facce

L’infezione da COVID-19 si manifesta attraverso una serie diversificata di sintomi, che variano per tipo e intensità e di conseguenza determinano esiti molto diversi per i pazienti affetti. Un risultato che è diventato sempre più chiaro nell’ultimo anno è l’insorgenza di sintomi persistenti dopo l’infezione acuta iniziale, che è stata ampiamente definita “Covid lungo”. Nonostante questo sia ora un noto potenziale risultato di COVID-19, si sa ancora poco su questa condizione debilitante, lasciando i ricercatori con molte domande a cui rispondere. La maggioranza dei sintomi riportati da soggetti ormai guariti dalla malattia iniziali, consistono in occasionale difficoltà respiratoria, con presenza di attacchi acuti di dispnea, gonfiore addominale, stanchezza, difficoltà di concentrazione e accessi di stanchezza fisica apparentemente ingiustificata. La forma neurologica è ormai riconosciuta come “neuro-COVID” e si associa a rapido affaticamento mentale, scarsa capacità di concentrazione, sonnolenza giornaliera, possibile insonnia e facilità a stancarsi.

Un consorzio di istituti di ricerca del Lussemburgo che studiano la popolazione nazionale ha cercato di identificare i fattori che possono contribuire alle variazioni di gravità del COVID-19 e dei suoi sintomi associati. Nel loro studio più recente, i team sono stati in grado di dimostrare che le persone che hanno sperimentato casi da moderati a gravi di infezione acuta da COVID-19 avevano maggiori probabilità di sperimentare un aumento della frequenza e del carico di sintomi dopo 12 mesi, con un notevole impatto sulla qualità della vita. Inoltre, i ricercatori sono stati in grado di identificare per la prima volta varie sottocategorie di Long COVID, dimostrando che non si tratta di una singola malattia come si pensava in precedenza. Lo studio “CoVaLux” (COVID-19, Vaccination & long-term health consequences of COVID-19 in Luxembourg) è stato coordinato da Research Luxembourg e da un consorzio di istituti di ricerca lussemburghesi, tra cui il Luxembourg Institute of Health (LIH).

Nel complesso, questo progetto unico sta fornendo risultati importanti che stanno aiutando a migliorare la comprensione e gli impatti a lungo termine di COVID-19, portando anche a miglioramenti nell’assistenza ai pazienti. Il consorzio, guidato dal dottor Guy Fagherazzi, Direttore del Dipartimento di Salute di Precisione presso la LIH, ha studiato l’associazione tra la gravità dell’infezione iniziale da COVID-19 e la frequenza e il peso dei sintomi nei pazienti 12 mesi dopo. La speranza dei ricercatori era che questo potesse far luce sulla natura di Long COVID, riempiendo spazi vuoti cruciali che potrebbero in definitiva aiutare a prevedere i risultati e scoprire di più sulla malattia. Tra i 289 partecipanti adulti che hanno completato completamente il questionario di 12 mesi, quasi il 60% ha riportato almeno un sintomo con una media di 6 sintomi. Questi potrebbero variare dall’affaticamento e dalla mancanza di respiro più comunemente noti, a problemi meno noti come la perdita di memoria e problemi gastrointestinali.

Se si considera che finora sono stati diagnosticati oltre 580 milioni di casi di COVID-19 in tutto il mondo, ciò indica che un numero significativo di persone potrebbe soffrire di COVID-19 in qualche forma. Per quanto riguarda l’effetto della gravità iniziale della malattia, è stato riscontrato che i volontari che avevano avuto un’infezione iniziale moderata o grave da COVID-19 avevano più del doppio delle probabilità di manifestare sintomi di COVID-19 lungo dopo un anno rispetto a quelli che erano stati lievi o asintomatici al l’inizio. Inoltre, i malati da moderati a gravi presentavano in media 6 sintomi in più rispetto a quelli che erano stati inizialmente asintomatici. Questi risultati indicano che Long COVID e la sua gravità hanno forti legami con la gravità dell’infezione iniziale, dove un caso peggiore di COVID-19 potrebbe aumentare significativamente le possibilità di avere più sintomi e che durano più a lungo.

Un ulteriore risultato sorprendente dello studio è stata la capacità dei ricercatori di vedere i modelli nei sintomi dei partecipanti. Ciò ha suggerito che il Long COVID è probabilmente costituito da più sottocategorie piuttosto che da una singola entità patologica. Osservando come i sintomi tendessero a raggrupparsi negli individui, è stato possibile avere un’idea di come si presentano queste sottocategorie. Ad esempio, la perdita del gusto e dell’olfatto sembra caratterizzare un tipo di COVID lungo, mentre un altro potrebbe essere meglio descritto da sintomi gastrointestinali tra cui nausea, diarrea, bruciori allo stomaco e altri dolori addominali. Queste informazioni potrebbero essere estremamente utili mentre i ricercatori cercano di definire meglio la malattia e cercano terapie efficaci.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Il mal di stomaco: tutto quello che si deve sapere. Anche a tempo di pandemia (12/09/2022)

Il neuro-COVID: quel fastidioso quanto invalidante sentirsi il “mondo sulla testa” (08/05/2022)

Fiato corto e fatica: si indagano i residui del COVID lungo per futuri programmi di riabilitazione (24/03/2022)

Antistaminici per il COVID lungo: un’opzione sicura che ha già dato risultati preliminari (14/06/2021)

Il COVID che attacca l’intestino: e la risposta gli arriva dai probiotici naturali (02/06/2021)

Pubblicazioni scientifiche

Fischer A et al. Open Forum Infect Dis 2022; 9(8):ofac397

Stephenson T et al. Curr Opin Infect Dis. 2022 Sep 12. 

Castanares ZD et al. Ann Med. 2022; 54(1):1473-1487.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI