HomeBENESSERE & SALUTEFarmaci per trattare l'alcolismo: dalla cardiologia spunta una vecchia gloria con tanto...

Farmaci per trattare l’alcolismo: dalla cardiologia spunta una vecchia gloria con tanto di evidenza scientifica

L’alcolismo è un severo problema di salute e sanità pubblica che conduce non solo a centinaia d migliaia di decessi l’anno per gli effetti diretti, ma soprattutto per quelli indiretti legati agli effetti sul sistema nervoso e cardiocircolatorio. Per il suo trattamento, sono stati introdotti in passato svariate opzioni farmacologiche. Fra queste ci sono naltrexone, nalmefene, baclofen, acamprosato e topiramato. Attualmente non ci sono prove certe che il trattamento farmacologico possa controllare il consumo di alcol con in pazienti con dipendenza da alcol o disturbo da consumo di alcol. Alcuni trattamenti mostrano un’efficacia da bassa a media nel ridurre il consumo di alcol in una serie di studi con un alto rischio di bias. Nessuno dimostra alcun beneficio sugli esiti di salute. I confronti indiretti hanno suggerito che il topiramato era superiore agli altri, ma il suo profilo di sicurezza è noto  essere scarso. Questo indica che sono necessari altri sforzi sull’identificazione di opzioni efficaci per trattare la dipendenza dagli alcolici.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che i recettori dei mineralcorticoidi, che si trovano in tutto il cervello e in altri organi e aiutano a regolare l’equilibrio di liquidi ed elettroliti nel corpo, potrebbero svolgere un ruolo nell’uso e nel desiderio di alcol. La ricerca preclinica suggerisce che una maggiore segnalazione del recettore dei mineralcorticoidi contribuisce ad aumentare il consumo di alcol. L’attuale studio ha cercato di espandere questa linea di ricerca testando lo spironolattone, un farmaco con molteplici azioni, incluso il blocco dei recettori dei mineralcorticoidi. Lo spironolattone è usato nella pratica clinica come diuretico e per trattare condizioni come problemi cardiaci e ipertensione. In esperimenti condotti su modelli di topi e ratti di consumo eccessivo di alcol, i ricercatori del NIAAA e NIDA guidati dal co-autore senior Leandro Vendruscolo, PhD del NIDA, hanno scoperto che l’aumento delle dosi di spironolattone ha ridotto il consumo di alcol nei maschi e femmine, senza causare problemi di movimento o di coordinazione, e senza compromettere l’assunzione di cibo o acqua.

Lo spironolattone ha ridotto in modo dose-dipendente l’assunzione di soluzioni alcoliche zuccherate o non zuccherate nei topi maschi e femmine. Non sono stati osservati effetti dello spironolattone sul consumo di una soluzione dolce senza alcol, assunzione di cibo o acqua, coordinazione motoria, atassia indotta da alcol o livelli di alcol nel sangue. Lo spironolattone ha ridotto in modo dose-dipendente l’auto-somministrazione di alcol operante in ratti maschi e femmine dipendenti e non dipendenti. Negli esseri umani, è stata osservata una maggiore riduzione del consumo di alcol tra coloro che hanno ricevuto spironolattone, rispetto agli individui abbinati che non l’hanno ricevuto. In uno studio parallelo di collaborazione condotto dalla Dr.ssa Amy C. Justice, PhD della Yale School of Medicine, hanno esaminato le cartelle cliniche di un ampio campione di persone del sistema sanitario degli Stati Uniti Veterans Affairs, per valutare i potenziali cambiamenti nel consumo di alcol dopo che lo spironolattone è stato prescritto per le sue attuali indicazioni cliniche (ad es. ipertensione o cardiopatia).

E’ stata trovata un’associazione significativa tra il trattamento con spironolattone e la riduzione del consumo di alcol auto-riferito. Da notare, gli effetti maggiori sono stati osservati tra coloro che hanno riferito di un consumo episodico pericoloso/pesante di alcol, prima di iniziare il trattamento col farmaco. La Dr.ssa Nora Volkow, direttrice del NIDA, ha espresso la sua soddisfazione: “Questi sono risultati molto incoraggianti. Nel loro insieme, il presente studio sostiene la conduzione di studi randomizzati e controllati sullo spironolattone nelle persone con disturbo da consumo di alcol per valutare ulteriormente la sua sicurezza e potenziale efficacia in questa popolazione, nonché un lavoro aggiuntivo per capire come lo spironolattone possa ridurre il consumo di alcol. Proprio come per qualsiasi altra condizione medica, le persone con disturbi da uso di sostanze meritano di avere a disposizione una gamma di opzioni terapeutiche. E questo studio è un passo entusiasmante per espandere i farmaci per le persone con disturbo da consumo di alcol. Inoltre, dobbiamo affrontare lo stigma e altre barriere che impediscono a molte persone con disturbo da consumo di alcol di accedere ai trattamenti che abbiamo già a disposizione”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Farokhnia M, Rentsch CT et al. Mol Psychiatry 2022 Sep 20.

Heilig M et al. Neuropsychopharmacology 2021; 46:1715–1723.

Wingenfeld K, Otte C. Psychoneuroendocrinol 2019; 105:25–35.

Makhijani VH et al. Pharmacol Biochem Behav. 2018; 175:10–18.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI