HomeBENESSERE & SALUTEL'allargamento dei ventricoli cerebrali nell'emicrania: uno studio canadese indaga sul significato ancora...

L’allargamento dei ventricoli cerebrali nell’emicrania: uno studio canadese indaga sul significato ancora oscuro

L’emicrania è una condizione comune, spesso debilitante, che comporta un forte mal di testa ricorrente. L’emicrania può anche causare nausea, debolezza e sensibilità alla luce. Secondo l’American Migraine Foundation, oltre 35 milioni di americani sono affetti da emicrania e fino a 148 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di emicrania cronica. Per la prima volta, un nuovo studio ha identificato spazi perivascolari allargati nel cervello di chi soffre di emicrania. I risultati dello studio saranno presentati questa settimana al meeting annuale della Radiological Society of North America. Gli spazi perivascolari sono spazi pieni di liquido che circondano i vasi sanguigni nel cervello. Si trovano più comunemente nei gangli della base e nella sostanza bianca del cervello e lungo il tratto ottico. Gli spazi perivascolari sono influenzati da diversi fattori, comprese le anomalie della barriera emato-encefalica e l’infiammazione. L’allargamento degli spazi perivascolari può essere un segnale di sottostante malattia dei piccoli vasi. Un team di ricerca ha deciso di determinare l’associazione tra emicrania e spazi perivascolari allargati.

I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica 7T ad altissimo campo per confrontare i cambiamenti microvascolari strutturali in diversi tipi di emicrania. I partecipanti allo studio includevano 10 con emicrania cronica, 10 con emicrania episodica senza aura e cinque controlli sani di pari età. Tutti i pazienti avevano tra i 25 ei 60 anni. Sono stati esclusi dallo studio i pazienti con decadimento cognitivo palese, tumore al cervello, precedente intervento chirurgico intracranico e claustrofobia. I ricercatori hanno calcolato gli spazi perivascolari allargati nel centrum semiovale (l’area centrale della materia bianca) e nelle aree dei gangli della base del cervello. Le iperintensità della sostanza bianca, lesioni che “si illuminano” alla risonanza magnetica, sono state misurate utilizzando la scala Fazekas. I microsanguinamenti cerebrali sono stati valutati con una scala di valutazione anatomica. I ricercatori hanno anche raccolto dati clinici come durata e gravità della malattia, sintomi al momento della scansione, presenza di aura e lato del mal di testa. L’analisi statistica ha rivelato che il numero di spazi perivascolari allargati nel centrum semiovale era significativamente più alto nei pazienti con emicrania rispetto ai controlli sani.

Inoltre, la quantità di spazio perivascolare allargata nel centro semiovale era correlata alla gravità dell’iperintensità della sostanza bianca profonda nei pazienti con emicrania. Gli scienziati hanno studiato l’emicrania cronica e l’emicrania episodica senza aura e hanno scoperto che, per entrambi i tipi di emicrania, gli spazi perivascolari erano più grandi nel centro semiovale. Sebbene il team non abbia riscontrato cambiamenti significativi nella gravità delle lesioni della sostanza bianca nei pazienti con e senza emicrania, queste lesioni della sostanza bianca erano significativamente legate alla presenza di spazi perivascolari allargati. Ciò suggerisce che i cambiamenti negli spazi perivascolari potrebbero portare allo sviluppo futuro di più lesioni della sostanza bianca. I ricercatori ipotizzano che differenze significative negli spazi perivascolari nei pazienti con emicrania rispetto ai controlli sani potrebbero suggerire un’interruzione glinfatica all’interno del cervello. Il sistema glinfatico è un sistema di smaltimento dei rifiuti che utilizza i canali perivascolari per aiutare a eliminare le proteine ​​solubili e i metaboliti dal cervello.

Tuttavia, non è noto se tali cambiamenti influenzino lo sviluppo dell’emicrania o derivino dall’emicrania. Wilson Xu, coautore dello studio, MD presso la Keck School of Medicine della University of Southern California a Los Angeles, ha spiegato: “Gli spazi perivascolari fanno parte di un sistema di eliminazione dei fluidi nel cervello. Studiare come contribuiscono all’emicrania potrebbe aiutarci meglio comprendere le complessità di come si verificano le emicranie. Nelle persone con emicrania cronica ed emicrania episodica senza aura, ci sono cambiamenti significativi negli spazi perivascolari di una regione del cervello chiamata centro semiovale. Questi cambiamenti non sono mai stati segnalati prima. A nostra conoscenza, questo è primo studio che utilizza la risonanza magnetica ad altissima risoluzione per studiare i cambiamenti microvascolari nel cervello dovuti all’emicrania, in particolare negli spazi perivascolari. Poiché la risonanza magnetica 7T è in grado di creare immagini del cervello con una risoluzione molto più elevata e una qualità migliore rispetto ad altri tipi di risonanza magnetica, può essere utilizzato per dimostrare cambiamenti molto più piccoli che si verificano nel tessuto cerebrale dopo un’emicrania”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Genetica del mal di testa: l’emicrania ha più di 100 regioni del DNA responsabili (08/02/2022)

CGRP, PACAP e cugini: i mediatori polipeptidici di emicrania e diabete si scambiano opportunità (03/09/2021)

Emicrania: il colpevole sottostante è lo stress ossidativo (30/04/2020)

Emicrania: colpa degli estrogeni si, ma anche nell’uomo (07/06/2018)

Emicrania: il nuovo fattore di rischio per infarto ed ictus (24/10/2017)

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI