HomeBENESSERE & SALUTEIdro-dissezione ecoguidata: la tecnica superveloce e mini-invasiva del futuro per risolvere il...

Idro-dissezione ecoguidata: la tecnica superveloce e mini-invasiva del futuro per risolvere il tunnel carpale

La sindrome del tunnel carpale è una forma di neuropatia da intrappolamento dei nervi, che si verifica quando uno dei nervi periferici del corpo viene premuto o schiacciato. Si verifica quando i nervi mediani e i tendini all’interno del tunnel carpale, un passaggio stretto e rigido che va dall’avambraccio al palmo della mano, vengono premuti o schiacciati al polso. Ciò si traduce in formicolio, intorpidimento e/o debolezza delle dita e delle mani. La sindrome del tunnel carpale è la forma più comune e ampiamente conosciuta di neuropatia da intrappolamento, che colpisce in media dal 2 al 5% della popolazione in tutto il mondo. La chirurgia è spesso necessaria per trattare la sindrome del tunnel carpale quando i metodi non chirurgici, come la fisioterapia o le iniezioni di corticosteroidi, sono insufficienti. Spesso vengono usati integratori neuroprotettivi a base di acido lipoico, acetil-carnitina e vitamine del gruppo B (es B1 e B2) per ridurre la componente dolorosa e lenire la sofferenza nervosa.

Un trattamento minimamente invasivo per la sindrome del tunnel carpale fornisce un sollievo completo ea lungo termine ai pazienti senza l’uso di corticosteroidi, secondo la ricerca presentata oggi alla riunione annuale della Radiological Society of North America (RSNA). Il metodo chirurgico più comune e ampiamente utilizzato prevede il taglio del legamento carpale per ridurre la pressione sul nervo mediano. Ma questo nuovo studio mostra che una tecnica chiamata idro-dissezione tratta efficacemente gli intrappolamenti nervosi senza la necessità di interventi chirurgici o corticosteroidi. Implica l’iniezione di un liquido, solitamente salino quinid inerte dal punto di vista dell’impatto sui tessuti, in un nervo per separarlo dal tessuto circostante. La guida ecografica viene utilizzata per identificare con precisione i nervi ed evitare lesioni accidentali non volute. Per questo studio di controllo randomizzato, il dottor Bose e colleghi hanno arruolato un totale di 63 pazienti affetti da sindrome del tunnel carpale.

I ricercatori hanno utilizzato il Boston Carpal Tunnel Questionnaire (BCTQ), il Visual Analog of Pain (VAS) e gli ultrasuoni dell’area della sezione trasversale del nervo mediano per valutare il dolore e i sintomi del paziente prima e dopo la procedura. I 63 pazienti sono stati divisi in tre gruppi. Il gruppo uno ha ricevuto l’idro-dissezione ecoguidata con solo un’iniezione di soluzione salina. Il secondo gruppo ha ricevuto l’idro-dissezione ecoguidata con una miscela salina+steroidi. Il terzo gruppo ha ricevuto solo un’iniezione di corticosteroidi ecoguidata senza idro-dissezione. Il follow-up è stato effettuato a quattro settimane, 12 settimane e sei mesi. Al segno di quattro settimane, tutti e tre i gruppi di pazienti hanno mostrato una riduzione del dolore. Entro 3 o 6 mesi, entrambi i gruppi che hanno ricevuto l’idrodissezione ecoguidata hanno mostrato un ulteriore miglioramento, mentre il gruppo che ha ricevuto solo un’iniezione di corticosteroidi ha riportato una recidiva dei sintomi e un aumento dei punteggi BCTQ e VAS.

Inoltre, gli ultrasuoni hanno mostrato una significativa riduzione dell’area della sezione trasversale del nervo mediano in entrambi i gruppi di idrodissezione. Il gruppo uno ha mostrato una riduzione del 43% e il gruppo due ha mostrato una riduzione del 46%. Il terzo gruppo ha mostrato solo una riduzione dell’11%. Doctor Anindita Bose, caporicerca senior al The University College of Medical Sciences a Nuova Delhi, ha dichiarato: “In precedenza, gli studi condotti sull’idro-dissezione ecoguidata per la sindrome del tunnel carpale utilizzavano i cortisonici da soli o come parte dell’iniezione, rendendo difficile valutare se l’idro-dissezione da sola fosse benefica o se fosse dovuta all’effetto degli steroidi. La procedura è breve e richiede solo 10-15 minuti. È anche molto conveniente, poiché non richiede alcuna attrezzatura complicata. È stata una piacevole sorpresa quando questa semplice procedura ha fornito ai pazienti un sollievo a lungo termine. I pazienti erano molto soddisfatti, poiché il costo era basso, non era necessaria alcuna anestesia o ricovero e potevano tornare nel giro di un’ora a riprendere le loro attività giornaliere”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Chang KV, Wu WT et al. Med Ultrason. 2021; 23(2):239-240.

Chappell CD et al. J Ultrasound Med. 2020; 39(4):693-702.

Leeyaphan J et al. J Hand Surg Asian Pac Vol. 2019; 24(2):224.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI