HomeLAVORO & SALUTELe sfide degli infermieri nelle case di cura durante il COVID: valutazioni...

Le sfide degli infermieri nelle case di cura durante il COVID: valutazioni sul benessere mentale compromesso

A maggio 2022 c’erano più di 620 milioni di persone nel mondo infettate dalla malattia di Covid-19, di cui 6,55 persone erano morte. La pandemia di COVID e le sue conseguenze hanno colpito tutti gli aspetti dei servizi sanitari a livello globale, compresa l’assistenza domiciliare. La pandemia pone ancora sfide all’assistenza infermieristica domiciliare a causa del rischio di trasmissione del virus. Tuttavia, secondo la letteratura, gli infermieri di assistenza domiciliare hanno ricevuto meno attenzione rispetto agli infermieri ospedalieri durante la pandemia, e sono stati condotti un numero limitato di studi sui problemi e le sfide affrontate da queste persone. Poiché alcuni studi hanno citato l’elevato carico di lavoro e la vulnerabilità del personale infermieristico in assistenza domiciliare, sembra che le nuove condizioni abbiano aumentato la vulnerabilità di queste persone. D’altra parte, secondo i rapporti, alcuni infermieri che lavorano negli ospedali hanno sperimentato problemi di sicurezza, ansia, stress, affaticamento e paura e ansia causati dai membri della famiglia che sono stati infettati dal coronavirus.

Secondo una ricerca dell’Università dell’East Anglia (UEA), coloro che sono in prima linea nella pandemia di COVID hanno bisogno di supporto per la salute mentale, che li aiuti a riprendersi o a gestire lo stress e i traumi che hanno dovuto affrontare. Un nuovo rapporto pubblicato ieri ha indagato sull’impatto della pandemia sugli infermieri che lavorano nelle case di cura. Mostra come gli infermieri delle case di cura fossero impreparati alla situazione in cui si trovavano e che ciò avesse un impatto sulla loro salute mentale e sul loro benessere. Il team di ricerca afferma che questi lavoratori in prima linea hanno bisogno di una strategia di salute mentale e benessere per promuovere il recupero dai sintomi del trauma e dal disagio morale che hanno dovuto affrontare durante la pandemia. Il team di ricerca ha condotto interviste approfondite con gli infermieri delle case di cura sulle loro esperienze della pandemia, nelle case per anziani in Inghilterra e Scozia. Si sono concentrati in particolare sulla resilienza e sul benessere mentale degli infermieri.

Lo studio evidenzia una serie di strategie per aiutare gli infermieri ad accettare e riprendersi dalle loro esperienze e suggerimenti su come prepararsi meglio per future pandemie. Questi includono:

  • Strategia su misura per la salute mentale e il benessere per gli infermieri delle case di cura nell’attuale periodo di recupero dalla pandemia e garantire che ciò sia continuo e adattabile a future pandemie e disastri.
  • Ampio riconoscimento professionale e governativo delle competenze specialistiche richieste agli infermieri delle case di cura.
  • Rivedere la guida per prepararsi meglio a eventuali future pandemie e disastri nelle case di cura
  • Coinvolgimento degli infermieri delle case di cura nello sviluppo di politiche di risposta ai disastri in queste strutture.
  • Coerenza e metodi basati sulla ricerca per una comunicazione efficace delle linee guida.

Diane Bunn, capo ricercatrice presso la UEA School of Health Sciences, ha spiegato come la sfida inaspettata abbia avuto il suo prezzo: “Il nostro lavoro mostra che gli infermieri delle case di cura erano completamente impreparati alla situazione straordinaria in cui si sono trovati durante la pandemia di COVID, e che questo ha avuto un impatto sulla loro salute mentale e sul loro benessere. Dovevano gestire una nuova malattia altamente infettiva, associata ad alta mortalità, in residenti che già vivevano con condizioni cliniche complesse. Lo hanno fatto insieme a carenze di personale, linee guida in costante cambiamento e contrastanti e con un supporto professionale esterno minimo. Il personale sanitario e sociale è ancora in fase di ripresa. Hanno bisogno di tempo per riprendersi da tutto ciò che è accaduto durante la pandemia e molti di loro avranno bisogno di consulenza e supporto per la salute mentale per un po’ di tempo. Supportare gli infermieri delle case di cura per riprendersi dalla pandemia è essenziale per mantenere una forza lavoro sana e stabile.

Tutte le infermiere con cui abbiamo parlato hanno descritto di essere attente ai bisogni degli altri, ma meno attente ai propri bisogni, che hanno avuto un costo personale. Ci sono molte lezioni da imparare per sostenere la loro ripresa e garantire che siano in atto politiche adeguate in preparazione a una possibile prossima pandemia. Probabilmente il supporto per gli infermieri delle case di cura andrà a vantaggio di altre categorie di lavoratori di queste strutture, sia direttamente attraverso un’implementazione più ampia, sia indirettamente attraverso un miglioramento del benessere dei caposala”. E una delle infermiere intervistate si è espressa in questo modo: “E’ spuntata come una colla che ci teneva tutti insieme ed era il desiderio di fare il meglio da parte dei nostri residenti. Dovevamo diventare le famiglie dei residenti. Dovevamo diventare le famiglie l’uno dell’altro perché non vedevamo le nostre famiglie. Eravamo tutti insieme, non c’erano più gerarchie. Sì, sono io quella al computer, che legge i dati, elaborando cosa dobbiamo fare dopo, ma in realtà nello stesso respiro, ero io quella con l’uniforme da badante, che si occupava della cura personale e aiutava le persone a bere quando non potevano”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD; specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Vaccinazioni COVID del personale sanitario: parlano inglesi ed americani sui pro e contro (23/08/2021)

Benessere sul lavoro sanitario: un intreccio di soddisfazioni fra le due parti. Anche in pandemia (03/08/2021)

COVID rebound: i sanitari lasceranno il loro lavoro dopo questa pandemia? (23/04/2021)

Burnout tra gli infermieri: i princìpi di cosa lo causa e cosa comporta, anche in nazioni diverse (19/09/2020)

Pubblicazioni scientifiche

Birt L, Lane K et al. J Nurs Scholarship 2022 Dec 4; 00:1-13.

Ghezeljeh TN, Shahrestanaki S et al. BMC Nurs. 2022; 21(1):314.

Ness MM, Saylor J et al. Nurs Health Sci. 2021; 23(2):389–397.

Bohlken J, Schömig F et al. Psychiatr Prax. 2020 ;47(4):190–97.

Atashi A et al. Int J Comm Based Nurs Midwif. 2020; 8(4):360.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI