HomeRICERCA & SALUTEPatate, melenzane e solanacee come fonte di sostanze anticancro: alla ricerca di...

Patate, melenzane e solanacee come fonte di sostanze anticancro: alla ricerca di effetti sicuri e stabilità

Il cancro rimane una delle principali cause di morte nel mondo e la ricerca su trattamenti efficaci è in corso. I tassi di mortalità per cancro sono diminuiti negli ultimi decenni, ma i casi di cancro sono complessivamente aumentati. Come parte del processo diagnostico, il sequenziamento dei genomi del cancro ha aiutato gli scienziati a scoprire la patologia del cancro ea identificare potenziali modi per curarlo. Tuttavia, una miriade di mutazioni e meccanismi che causano il cancro superano il numero di trattamenti conosciuti. Per capitalizzare le informazioni che gli scienziati hanno su come funziona la biologia dei diversi tipi di cancro, sono necessari trattamenti più mirati per migliorare i risultati per le persone con diagnosi di tumore. Alcuni di questi nuovi trattamenti derivano da composti vegetali. Le piante producono una vasta e diversificata gamma di sostanze chimiche interessanti ma non tutte sono studiate. Molte piante, alberi, muffe e batteri producono sostanze difensive con azione antibiotica, antinfiammatoria, antiossidante, antidegenerativa ed altro ancora.

Molti antibiotici sono stati scoperti per la prima volta nelle muffe, per esempio. Antibiotici antitumorali come l’adriamicina, la dactinomicina, la bleomicina, la mitramicina e la mitomicina C sono sono stati isolati da funghi microscopici da almeno 70 anni e sono stati usati per trattare vari tipi di carcinomi e sarcomi. Poi è stata la volta degli alcaloidi, il primo dei quali a cui fu riconosciuta l’azione anticancro è stato la colchicina. Poi è toccato alla camptotecina, agli alcaloidi della Vinca rosea (vinblastina e vincristina) e agli alcaloidi del tasso californiano, il cui più conosciuto è appunto il Taxolo ed i suoi derivati, che sono tuttora impiegati nel trattamento del cancro. Questa tipologia di alcaloide è probabilmente il trattamento antitumorale di origine vegetale più conosciuto. Approvato per la prima volta per il trattamento del cancro alle ovaie e al seno dalla FDA negli anni ’90, il paclitaxel è ora utilizzato per il trattamento di numerosi tipi di cancro. Oggi il farmaco è incluso nei farmaci essenziali dell’OMS per supportare un sistema sanitario di base.

Ma la ricerca di nuove molecole antitumorali non si ferma. Una categoria di molecole sotto indagine per la potenziale azione anticancro è quella dei glucoalcaloidi, che hanno un forte effetto inibitorio sulla crescita delle cellule tumorali, che si pensa sia guidato da meccanismi che provocano la morte cellulare per apoptosi. Il meccanismo mediante il quale i glucoalcaloidi potrebbero essere utilizzati per colpire le cellule tumorali è oggetto di un nuovo studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Pharmacology. Per il presente studio, i ricercatori hanno esaminato gli studi che hanno esaminato le proprietà antitumorali di piante come pomodori, melenzane e patate, che si trovano nella famiglia della belladonna. Hanno studiato i seguenti glucoalcaloidi ei loro estratti: solanina, ciaconina, solasonina, solamargina e tomatina. La revisione evidenzia la gamma di studi in silico, in vitro e in vivo condotti sui composti. L’analisi dimostra che i glucoalcaloidi prendono di mira numerosi percorsi cellulari, che potrebbero essere specifici nelle cellule tumorali.

La alfa-tomatina, che è presente nei pomodori verdi, è risultata antitumorale in laboratorio contro il cancro del fegato, attraverso l’attivazione del calcio libero, dello stress ossidativo e l’espressione dell’oncosoppressore p53. Un altro tumore che sembra risentire degli effetti citotossici della tomatina è il melanoma, che assieme al cancro del pancreas e del cervello è fra i tumori più aggressivi che si conoscono. Invece la solasonina (nella buccia di patate e melenzane immature) è risultata attiva contro il carcinoma dello stomaco attraverso in meccanismo diverso della tomatina, ossia quello dello stress endoplasmatico che sconvolge la funzione biologica generale delle proteine. Nonostante le scoperte promettenti dei composti glucoalcaloidi, i meccanismi esatti con cui prendono di mira e trattano le cellule tumorali non sono completamente compresi. Secondo i ricercatori, tuttavia, i glucoalcaloidi hanno delle potenzialità nella lotta contro il cancro. In prima battura, potrebbero essere utilizzati in combinazione con altri trattamenti chemioterapici per ampliare la portata della loro efficacia. Nel caso non risultassero efficaci come tali, potrebbero essere prearati dei loro derivati più stabili e biodisponibili.

A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Le proprietà della bardana, una pianta officinale molto potente ma tenuta in disparte (03/01/2022)

Salute a tavola: cos’è la dieta senza lectine? (13/01/2021)

Leucemia: da un’erba di giardino, il principio attivo che fa “piazza pulita” (02/08/2019)

Allergia alle solanacee: il dito puntato su pomodori, patate e melenzane (16/11/2018)

Pubblicazioni scientifiche

Echeverría C et al. Front Pharmacol. 2022; 13:1003264.

Li TC et al. J Cell Mol Med 2022 Jun; 26(12):3387-3395.

Serrati S et al. Int J Mol Sci 2020 Jul 23; 21(15):5243.

Chaudhary P et al. J Food Sci Technol. 2018; 55(8):2833.

Karaboğa Arslan AK, Yerer MB. Nutrients. 2018;10(6):672.

Friedman M. J Agric Food Chem. 2015; 63(13):3323-37.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI