HomeBENESSERE & SALUTEVaccinazione anti-COVID: i pazienti con tumori del sangue sviluppano forte immunità contro...

Vaccinazione anti-COVID: i pazienti con tumori del sangue sviluppano forte immunità contro le varianti

Le persone con neoplasie ematologiche sono a maggior rischio di COVID-19 causato da SARS-CoV2; tuttavia, gli studi che esplorano la risposta immunitaria al vaccino COVID-19 sono stati scarsi. Un recente studio su Nature Cancer ha documentato che gli individui con linfomi a cellule B (BLY) e mieloma multiplo (MM) hanno sviluppato potenti capacità di neutralizzazione delle infezioni contro diverse varianti di preoccupazione del coronavirus (VoCs). I pazienti con cancro hanno mostrato alti tassi di mortalità e morbilità a causa dell’infezione da SARS-CoV2. Tali individui hanno spesso un’immunodeficienza secondaria e contraggono malattie gravi. Gli studi hanno dimostrato l’efficacia dei vaccini disponibili nel ridurre la gravità della malattia in individui immunocompetenti, inducendo sia le risposte delle cellule T che quelle umorali. L’attuale studio ha utilizzato un approccio longitudinale per studiare le cellule T e le risposte immunitarie umorali generate da due e tre dosi di vaccino, utilizzando principalmente il vaccino mRNA Comirnaty. La coorte di individui presentava diversi linfomi a cellule B e MM.

I ricercatori sono stati in grado di ottenere un quadro completo delle risposte immunitarie indotte dal vaccino in questo gruppo rispetto a un gruppo di controllo sano. Sono state analizzate la valutazione parallela e risolta nel tempo dei titoli anticorpali contro la proteina spike virale, la capacità di neutralizzazione e l’avidità anticorpale verso sei virus autentici, competenti per la replicazione e le risposte delle cellule T dirette dal comune coronavirus HCoV OC43 e dal SARS-CoV2. Sei risultati chiave sono stati riportati nel presente studio. In primo luogo, rispetto agli individui sani, gli individui con neoplasia ematologica hanno dimostrato solo una capacità di neutralizzazione dell’infezione leggermente inferiore contro le varianti SARS-CoV2. Questo nonostante titoli anticorpali molto più bassi per la proteina spike nel gruppo trattato. In secondo luogo, la potenza neutralizzante dell’unità di anticorpi anti-spike è stata drasticamente migliorata negli individui con neoplasie ematologiche (20 volte in media), rispetto al gruppo di controllo. Questo miglioramento è stato osservato subito dopo la seconda vaccinazione.

In terzo luogo, rispetto agli individui sani, il gruppo trattato ha mostrato una maggiore avidità del legame sierico delle IgG alla proteina spike virale prima di ricevere la terza dose di vaccino. In quarto luogo, l’Omicron (BA.1) e, in misura minore, le varianti Beta e Delta hanno mostrato la maggiore fuga immunitaria. Questa scoperta era coerente con i recenti risultati su individui sani dopo la vaccinazione o l’infezione. In quinto luogo, la quota dominante dei partecipanti allo studio ha montato robuste risposte dei linfociti T indotte dal vaccino a diverse varianti recenti. Questo gruppo includeva quei partecipanti che avevano BLY e stavano ricevendo radioterapia. In sesto luogo, nella coorte dello studio non è stata segnalata alcuna morte correlata a COVID-19; e la presentazione clinica durante le infezioni di ritorno ha dimostrato che il vaccino offriva una protezione parziale negli individui immunocompromessi con tumori del sangue. I risultati hanno indicato che gli individui con BLY senza una risposta immunitaria umorale erano a maggior rischio di contrarre infezioni sintomatiche da ritorno.

È stato osservato che la terza vaccinazione era importante in entrambi i gruppi per elevare i titoli anticorpali. Tuttavia è stato proposto che la qualità, piuttosto che la quantità, di anticorpi mirati ai picchi fosse di maggiore importanza. La quantità assoluta potrebbe, quindi, sminuire la potenza della risposta umorale nei vaccinati con MM o BLY. La ricerca ha dimostrato che i vaccini a base di mRNA inducono risposte delle cellule T specifiche del picco nella maggior parte dei riceventi sani. Tuttavia, sono state riportate risposte più eterogenee in individui con cancro. I risultati sulle risposte delle cellule T indotte dal vaccino, suscitate dall’85% degli individui con tumori ematologici inclusi nello studio, erano coerenti con quelli documentati in un ampio studio britannico di coorti tumorali. In quest’ultimo studio, il tasso di risposta in una coorte di individui con tumori ematologici era dell’80%. Nonostante, perciò, le cosiddette “quarta” o “quinta” dose contro il coronavirus non siano state formalizzate o rese obbligatorie per la popolazione, potrebbero rappresentare un mezzo di difesa contro specifiche categorie di pazienti.

Dal punto di vista medico, sarebbe raccomandabile indirizzare una vaccinazione di richiamo (quarta o quinta) esclusivamente a favore di categorie speciali di pazienti, come i dializzati, i diabetici con gravi complicanze in atto, i trapiantati e, ovviamente, i pazienti oncologici. In questo caso, la stimolazione immunitaria data dal vaccino rappresenterebbe una modalità di combattere la loro neoplasia; dall’altro, conferirebbe protezione contro varianti che, nonostante non siano letali come la Beta o la Delta, possono diventare aggressive nei pazienti compromessi dal punto di vista immunitario.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Keppler-Hafkemeyer A et al. Nature Cancer 2022 Dec 21.

Seki M et al. Infect Drug Resist. 2022 Dec 5; 15:7117-7124.

Haggenburg S et al. JAMA Oncol. 2022; 8(10):1477-1483.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI