HomeLAVORO & SALUTEOperatori sanitari alle prese col post-COVID: ci sarà bisogno di riabilitazione perchè...

Operatori sanitari alle prese col post-COVID: ci sarà bisogno di riabilitazione perchè tornino in campo?

Il COVID-19 ha portato a oltre 660 milioni di casi a livello globale. È stato segnalato che la gravità del COVID ha influisce sui sintomi correnti e quelli dei postumi. Le persone con COVID lieve potevano spesso riprendersi a casa, mentre quelle con COVID critico richiedevano il ricovero in ospedale. Una recente meta-analisi ha indicato che circa l’80% delle persone presenta almeno un sintomo da 14 a 110 giorni dopo un’infezione acuta. Il COVID subacuto è stato definito come anomalie e sintomi che compaiono da 4 a 12 settimane dopo il COVID acuto. La condizione post-COVID è un termine introdotto dall’OMS per indicare individui i cui sintomi COVID persistono 3 mesi dopo l’infezione e non possono essere spiegati attraverso diagnosi alternative. L’esposizione delle persone al coronavirus è stata e continua ad essere variabile. Alcune professioni richiedono uno stretto contatto con persone infette, mentre altre avevano la possibilità di lavorare da casa. Inoltre, alcune professioni sono dominate da un genere specifico che porta a un livello disomogeneo di esposizione alla SARS-CoV2.

Un nuovo studio in BMC Public Health mirava ad analizzare la salute e la disabilità a lungo termine tra i dipendenti pubblici a seguito di una lieve infezione da COVID-19. Lo studio ha anche valutato l’associazione di questi fattori riguardanti l’occupazione e il genere. Lo studio ha coinvolto la raccolta dei risultati dei test PCR di dipendenti pubblici che sono stati testati prima di novembre 2020, comprese le persone che sono risultate negative alla PCR come controlli sani. I risultati hanno indicato che lo studio comprendeva 10.194 partecipanti la cui età media era di 45 anni ed erano per lo più donne. In totale, 7185 partecipanti hanno riportato un test PCR negativo, mentre 1425 avevano un test PCR positivo ed erano nella fase subacuta e 1584 avevano un test PCR positivo ed erano nella fase post-COVID. I partecipanti al gruppo post-COVID hanno riportato una maggiore disabilità rispetto ai controlli, mentre quelli nella fase subacuta hanno riportato una maggiore disabilità rispetto al gruppo post-COVID. L’elemento di disabilità riportato più frequentemente era “emotivamente colpito”.

È stato osservato un tasso di difficoltà più elevato per 20-30 giorni per i partecipanti alla fase subacuta rispetto alla fase post-COVID, che era simile anche per il confronto tra i partecipanti alla fase post-COVID e i controlli. I partecipanti alla fase post-COVID hanno anche riportato meno giorni durante i quali potevano partecipare alle normali attività o lavorare più dei controlli. Le donne hanno riferito di avere più giorni di disabilità e un grado di disabilità maggiore rispetto agli uomini. Il 14,1% degli uomini e il 25,5% delle donne in fase subacuta, il 9,8% degli uomini e il 15,8% delle donne in fase post-COVID, il 6,8% degli uomini e il 10,7% delle donne con PCR negativa hanno riportato un grado di invalidità totale grave. I risultati hanno anche riportato che la maggior parte dei partecipanti erano operatori sanitari. I partecipanti con le occupazioni di operatori sanitari, operatori sanitari in formazione e dirigenti nella fase subacuta hanno riportato una disabilità maggiore rispetto a quelli nella fase post-COVID. Inoltre, è stata segnalata una maggiore disabilità per i partecipanti appartenenti alla fase post-COVID in tutte le mansioni.

Gli operatori sanitari e i pazienti hanno riportato sintomi molto tempo dopo il recupero dalla fase acuta dell’infezione da COVID. I Centers for Disease Control and Prevention hanno dichiarato che il COVID ha conseguenze su molti sistemi di organi. Commenti pubblicati di recente hanno riportato la prevalenza di esiti a lungo termine in una serie di studi, anche se con un esame critico minimo. La maggior parte degli studi sui rischi di COVID si è concentrata sulla mortalità, che è più alta tra le popolazioni più anziane, e ha omesso o ridotto al minimo il carico di malattia associato a morbilità persistente o a lungo termine tra individui di tutte le età. Stime affidabili di tale morbilità sono importanti per l’assistenza individuale, la prognosi e lo sviluppo della politica sanitaria pubblica. L’attuale studio dimostra la presenza di disabilità in tutti i gruppi che tuttavia era più alta nella fase subacuta, rispetto alla fase post-COVID-19. Ciò potrebbe evidenziare la necessità di riabilitazione e recupero per chi è nel campo dell’assistenza sanitaria.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Il neuro-COVID: quel fastidioso quanto invalidante sentirsi il “mondo sulla testa” (08/05/2022)

Fiato corto e fatica: si indagano i residui del COVID lungo per futuri programmi di riabilitazione (24/03/2022)

Il rifiuto degli operatori sanitari al vaccino anti-COVID: una estesa indagine su motivi e paure (22/09/2021)

Pubblicazioni scientifiche

Kröönström LA et al. BMC Pub Health 2022 Dec; 22(1):2400.

Larsson SB, von Feilitzen GS et al. Sci Rep. 2022; 12(1):19818.

Nalbandian A, Sehgal K et al. Nat Med. 2021; 27:601–615.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI