HomeBIOMEDICINA & SALUTEIngegneria biomedica per smantellare il mieloma: ecco il nuovo modakafusp che lavora...

Ingegneria biomedica per smantellare il mieloma: ecco il nuovo modakafusp che lavora bene anche da solo

Secondo l’American Cancer Society, nel 2022 negli Stati Uniti dovrebbero verificarsi circa 12.640 decessi per mieloma multiplo. Tale cancro del midolo osseo è raro e colpisce meno dell’1% della popolazione, solitamente gli anziani di età superiore ai 75 anni. Il mieloma non è attualmente curabile e, nonostante i progressi nel trattamento, tutti i pazienti vedono recidivare i loro tumori dopo il trattamento iniziale e altre prime linee di terapia. Un farmaco unico nel suo genere noto come modakafusp-alfa ha mostrato un potenziale iniziale nella lotta al mieloma multiplo, ai ricercatori dell’Abramson Cancer Center dell’Università della Pennsylvania al Meeting annuale 2022 dell’American Society of Hematology. I risultati preliminari dello studio erano stati presentati durante la riunione annuale ASH del 2021. In questo studio, modakafusp ha fatto una differenza nelle persone per le quali i farmaci mirati allo stesso bersaglio, inclusi anticorpi monoclonali consolidati come daratumumab e isatuximab, non erano più efficaci. Modakafusp (sviluppato dalla Takeda Pharmaceuticals) è una proteina di fusione che indirizza l’interferone alle cellule che hanno CD38, un marcatore di superficie presente sulle cellule del mieloma e una varietà di cellule immunitarie.

Dei pazienti nello studio multicentrico di fase I/II (NCT03215030) che hanno ricevuto 1,5 milligrammi di modakafusp ogni quattro settimane, il 43% ha visto una risposta parziale o una diminuzione del tumore di oltre il 50%. I pazienti arruolati nello studio avevano ricevuto almeno tre precedenti linee di trattamento e la loro malattia era recidivata o aveva smesso di rispondere dopo la precedente terapia. I risultati finali di sicurezza ed efficacia presentati quest’anno confermano che il farmaco ha effetti collaterali gestibili e produce forti risposte anti-mieloma. La maggior parte dei pazienti (87%) nello studio ha manifestato eventi avversi correlati al trattamento, come previsto per questa popolazione fortemente pretrattata. Gli effetti indesiderati più comuni tra i partecipanti allo studio includevano neutropenia (riduzione dei globuli bianchi) e trombocitopenia o basso numero di piastrine nel sangue; e circa un terzo dei pazienti ha avuto reazioni lievi dopo l’infusione del farmaco. I ricercatori stanno ora arruolando pazienti in uno studio randomizzato di fase II, progettato per identificare la dose ottimale di modakafusp e fornire maggiori informazioni sulla sua efficacia nelle persone con mieloma.

L’autore della presentazione Dan Vogl, MD, direttore medico dell’Unità di ricerca clinica presso l’Abramson Cancer Center e professore associato di Emato-oncologia presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania, ha commentato la ricerca: “Modakafusp ha un meccanismo veramente nuovo di azione, fornendo un segnale ormonale direttamente alle cellule bersaglio che allo stesso tempo è tossico per le cellule tumorali stimolando una risposta immunitaria.Abbiamo visto risposte in pazienti che non rispondono o che hanno avuto una ricaduta dopo aver ricevuto i farmaci anticorpali anti-CD38 che sono attualmente sul mercato. anche visto risposte in pazienti il cui mieloma aveva sviluppato resistenza a tutte le terapie efficaci attualmente disponibili.Siamo entusiasti di questi risultati e continuiamo ad essere ottimisti sul potenziale che questo trattamento ha per i pazienti con mieloma multiplo.Lavoriamo con questo nuovo farmaco da quando abbiamo lo ha dato al primo paziente che lo ha ricevuto cinque anni fa, ora vediamo che un numero considerevole di pazienti beneficia di modakafusp come singolo agente, compresi i pazienti il cui mieloma è diventato resistente ad altri trattamenti, il che è davvero notevole”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wang BY, Zhao WH et al. J Med Case Rep. 2022; 16(1):459.

Goldsmith SR et al. Curr Hematol Malig Rep. 2022; 17(6):286.

Melaccio A, Reale A et al. J Clin Med. 2022 Nov; 11(21):6491.

D’Souza A, Shah N et al. J Clin Oncol. 2022; 40(31):3576-86.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI