HomeBENESSERE & SALUTEBere acqua costantemente allunga la vita ed evita molte malattie comuni: i...

Bere acqua costantemente allunga la vita ed evita molte malattie comuni: i lavori della dottoressa Dmitrieva

Bere è una funzione che non può essere sostituita neppure dal cibo. Rimanere senza cibo per brevi p lunghi periodi di tempo è sopportabile e comporta variazioni del metabolismo che impattano su carboidrati, grassi e proteine nella maggior parte dei tessuti corporei. Ma rimanere senz’acqua non è tollerabile per più di qualche giorno. Nel famoso film “A beautiful mind”, il compagno immaginario di stanza del dottor Nash dichiara che non avere acqua per le cellule significa non far lavorare il ciclo di Krebs (nei mitocondri), il che nel cervello porta a confusione e poi letargia. E chiude dicendo che “morire di sete è equivalente ad una sbornia mortale”. Non è una semplice dichiarazione da copione: a parte i principali cicli metabolici cellulari, essere a corto di acqua nelle cellule significa perdere il controllo delle correnti ioniche dei sali minerali e ostacolare molte reazioni enzimatiche che vogliono acqua o come mezzo di reazione o di solubilizzazione dei substrati. La conduzione ionica è essenziale per le cellule nervose e per quelle cardiache che garantiscono il battito del cuore. Assieme alla letargia, nel morire di sete potrebbe intervenire anche una fibrillazione cardiaca.

Gli adulti che rimangono ben idratati sembrano essere più sani, sviluppano meno condizioni croniche, come malattie cardiache e polmonari, e vivono più a lungo di quelli che potrebbero non assumere liquidi a sufficienza, secondo uno studio del National Institutes of Health pubblicato sulla rivista eBioMedicine. Utilizzando i dati sulla salute raccolti da 11.255 adulti in un periodo di 30 anni, i ricercatori hanno analizzato i collegamenti tra i livelli sierici di sodio – che aumentano quando l’assunzione di liquidi diminuisce – e vari indicatori di salute. Hanno scoperto che gli adulti con livelli sierici di sodio all’estremità superiore di un intervallo normale avevano maggiori probabilità di sviluppare condizioni croniche e mostrare segni di invecchiamento biologico avanzato rispetto a quelli con livelli sierici di sodio negli intervalli medi. Gli adulti con livelli più alti avevano anche maggiori probabilità di morire in giovane età. Lo studio si espande sulla ricerca precedente che ha trovato collegamenti tra livelli più elevati di livelli normali di sodio nel siero e maggiori rischi di insufficienza cardiaca.

Entrambi i risultati provengono dallo studio ARIC, che include studi secondari da adulti provenienti da tutti gli Stati Uniti. Il primo sotto-studio ARIC è iniziato nel 1987 e ha aiutato i ricercatori a comprendere meglio i fattori di rischio per le malattie cardiache, definendo al contempo linee guida cliniche per il trattamento e la prevenzione. Per quest’ultima analisi, i ricercatori hanno valutato le informazioni condivise dai partecipanti allo studio durante cinque visite mediche: le prime due quando avevano 50 anni e l’ultima quando avevano un’età compresa tra 70 e 90 anni. Per consentire un confronto equo tra il modo in cui l’idratazione era correlata agli esiti di salute, i ricercatori hanno escluso gli adulti che avevano livelli elevati di sodio sierico al basale o con condizioni sottostanti, come l’obesità. Hanno quindi valutato in che modo i livelli sierici di sodio erano correlati all’invecchiamento biologico, che è stato valutato attraverso 15 marcatori di salute. Ciò includeva fattori, come la pressione arteriosa, il colesterolo e la glicemia, che hanno fornito informazioni sugli apparati cardiovascolare, respiratorio, metabolico, renale e immunitario.

Hanno anche aggiustato fattori come età, razza, sesso biologico, abitudine al fumo e ipertensione. Hanno scoperto che gli adulti con livelli più elevati di sodio sierico normale – con intervalli normali compresi tra 135 e 146 milliequivalenti per litro (mEq/L) – avevano maggiori probabilità di mostrare segni di un invecchiamento biologico più rapido. Questo si basava su indicatori come la salute metabolica e cardiovascolare, la funzionalità polmonare e l’infiammazione. Ad esempio, gli adulti con livelli sierici di sodio superiori a 142 mEq/L avevano un aumento delle probabilità del 10-15% di essere biologicamente più anziani rispetto alla loro età cronologica rispetto a intervalli compresi tra 137-142 mEq/L, mentre i livelli superiori a 144 mEq/L erano correlati con un aumento del 50%. Allo stesso modo, i livelli di 144-146 mEq/L sono stati associati a un aumento del 21% del rischio di morte prematura rispetto agli intervalli tra 137-142 mEq/L. Parimenti, gli adulti con livelli sierici superiori a 142 mEq/L avevano un rischio associato aumentato fino al 64% di sviluppare ictus, insufficienza cardiaca, fibrillazione atriale e arteriopatie periferiche, nonché malattie polmonari croniche e diabete

Al contrario, gli adulti con livelli sierici di sodio tra 138-140 mEq/L avevano il rischio più basso di sviluppare malattie croniche. I risultati non dimostrano un effetto causale, hanno osservato i ricercatori. Sono necessari studi randomizzati e controllati per determinare se un’idratazione ottimale può promuovere un invecchiamento sano, prevenire le malattie e portare a una vita più lunga. Tuttavia, le associazioni possono ancora informare la pratica clinica e guidare il comportamento di salute personale.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Idratazione: quanto è adeguata sulle varie tipologie di lavoro? (14/09/2020)

Idratazione: il campanello rotto della sete compromette la cognitività negli anziani (11/01/2021)

Le correlazioni fra idratazione e sonno: “saltare la finestra” è rischioso (19/11/2018)

Pubblicazioni scientifiche

Dmitrieva NI et al. eBioMedicine 2023 Jan; 104404; online.

Dmitrieva NI et al. Eur Heart J. 2022; 43(41):4438-4439.

Dmitrieva NI et al. Eur Heart J. 2022; 43(35):3335-3348.

Allen MD et al., Dmitrieva NI. JCI Insight. 2019; 4(17):e130949.

Dmitrieva NI, Burg MB. PLoS One. 2015; 10(6):e0128870.

The following two tabs change content below.

Dott. Gianfrancesco Cormaci

Medico Chirurgo, Specialista; PhD. a CoFood s.r.l.
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento enzimaticamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (Leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di articoli su informazione medica e salute sul sito www.medicomunicare.it (Medical/health information on website) - Autore di corsi ECM FAD pubblicizzati sul sito www.salutesicilia.it
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI