martedì, Novembre 28, 2023

Stile di vita sano e medicina personalizzata possono fare la differenza: gli anziani e la demenza correlata all’età

Un nuovo studio mostra miglioramenti cognitivi quando i partecipanti...

Anche le piante hanno le loro citochine: ma che agissero anche sull’uomo non era atteso

Il sistema immunitario umano si basa su cellule che...

Salute pubblica: la scarsa esposizione solare è peggio della troppa esposizione?

Nel secolo scorso, il lavoro è migrato in gran parte dall’esterno all’interno. Le attrazioni digitali e l’aria condizionata hanno portato le persone a trascorrere più tempo ricreativo al riparo dall’ambiente naturale in cui si è evoluto l’uomo. Un importante fattore ambientale è la radiazione ultravioletta solare terrestre (lunghezze d’onda UVR da ~ 295 a 400 nm). Questa regione spettrale può essere suddivisa in radiazioni UVB (lunghezze d’onda 280–315 nm) e raggi UVA (lunghezze d’onda 315–400 nm), di cui la maggior parte (> 95%) è UVA. L’intensità (irraggiamento) degli UVB è molto sensibile all’altezza del sole, che dipende dalla latitudine, dalla stagione e dall’ora del giorno: più alto è il sole, maggiore è il contenuto di UVB della luce solare, il che significa anche che il rapporto di UVB: UVA è in continua evoluzione. La radiazione solare ha molti effetti sulla salute umana, tutti sostenuti da cambiamenti molecolari (ad esempio, danni al DNA) e cellulari (ad esempio, sul sistema immunitario).

La maggior parte delle ricerche fino ad oggi si è concentrata sugli effetti avversi, con la sintesi della vitamina D vista come l’unico beneficio stabilito. La solarizzazione (eritema) è l’effetto clinico acuto più evidente e il cancro della pelle è l’effetto cronico più importante. La dose di UVR ricevuta dalla pelle vitale è un fattore importante e questo dipende da molti fattori biologici, comportamentali (ad es. Abbigliamento e protezione solare) e ambientali (ad es. latitudine), che influenzano il rapporto di esposizione rispetto all’ambiente. Ciò dipende anche dall’angolo del sole sul sito del corpo in questione (ad esempio, superficie orizzontale rispetto a quella verticale). Diversi endpoint fotobiologici nella pelle e negli occhi hanno soglie di dose UVR e modelli di esposizione diversi in caso di esiti cronici. Uno strumento molto importante per la salute pubblica per la stima dell’irradiazione UVR solare è l’indice ultravioletto (UVI), che è un indicatore dell’intensità eritemica in qualsiasi circostanza.

La riduzione del tempo all’aperto è stata amplificata da campagne di prevenzione del cancro della pelle per ridurre al minimo l’esposizione al sole. Sebbene sia accettato che l’esposizione solare ai raggi UV sia la causa principale del cancro della pelle, si stanno accumulando prove sui benefici per la salute dell’esposizione al sole. Queste hanno rivelato un problema di salute pubblica forse significativo derivante da un’esposizione solare insufficiente. Ciò suggerisce che gli attuali consigli di salute pubblica sull’esposizione al sole dovrebbero essere riconsiderati per comunicare un migliore equilibrio dei benefici e dei danni della luce solare, in particolare alle latitudini più elevate dove i livelli ambientali di UVR sono relativamente bassi anche in estate. Poiché la produzione cutanea di vitamina D dipende dall’esposizione solare ai raggi UVB, si è comunemente ipotizzato che questa vitamina (in effetti un ormone) spieghi tutti gli effetti benefici della luce solare suggeriti da studi ecologici.

Più recentemente, c’è stata una maggiore consapevolezza della diversità dei mediatori cutanei rilasciati in risposta agli UVR, che ha anche un grande effetto sul trascrittoma cutaneo. Ci sono anche prove che i raggi UV solari possono influenzare il trascrittoma del sangue, inclusi i geni dell’immunità. Ciò suggerisce che gli effetti benefici riportati della luce solare possono essere mediati da più molecole di segnalazione, che interagiscano o meno con la vitamina D. L’esposizione solare e la produzione di vitamina D sembrano influenzare significativamente svariate patologie attuali. Una meta-analisi ha indicato un rischio maggiore del 104% associato a vitamina D sierica <30 nmol/L rispetto a >82 nmol/litro. Rebel et al. ha riportato un piccolo studio dicarcinogenesi in topi geneticamente modificati, che ha mostrato un ridotto carico di cancro del colon-retto (area coperta da tumori) in animali integrati con vitamina D o esposti a UVR.

Studi su esseri umani sani hanno dimostrato che l’esposizione ai raggi UVA equivalente a ~30 min di sole mediterraneo a metà giornata e nella pelle chiara, rilassa la resistenza arteriosa in associazione con il rilascio di ossido nitrico. L’esposizione del corpo ai raggi UVA ha abbassato la pressione sanguigna indipendentemente dalla temperatura e dalla vitamina D sierica. Questo effetto è stato associato ad un aumento delle concentrazioni plasmatiche di nitrito e a livelli inferiori di nitrato. La maggior parte della “nessuna attività di rilascio” è stata riscontrata nell’epidermide superiore. Questi risultati sono importanti perché l’ipertensione è la principale causa di malattie non trasmissibili nonostante l’attuale farmacoterapia. Studi epidemiologici hanno notato che l’incidenza dell’asma è aumentata in parallelo all’aumento temporale della carenza di vitamina D, associazioni tra una bassa 25(OH)D sierica e una maggiore incidenza di asma, e che esistono alcune prove di correlazione positiva tra l’incidenza dell’asma e latitudine.

L’aumento globale dell’incidenza del diabete autoimmune negli ultimi decenni suggerisce un contributo da fattori di rischio ambientale, tra cui uno potrebbe essere la carenza di vitamina D dovuta a un’esposizione solare insufficiente. Inoltre, la stagionalità della nascita nei casi di diabete autoimmune e gli effetti documentati sulla coorte di nascita nella sua incidenza, suggeriscono che la mancanza di luce solare durante la gestazione o nella prima infanzia può essere un fattore di rischio per il diabete genetico. Ci sono altre condizioni che gli esperti stanno valutando sulla loro associazione con l’esposizione solare e/o la vitamina D, come la sindrome metabolica, il disturbo dello spettro autistico ed altro ancora. Senza propendere da una parte o dall’altra della bilancia, la redazione è sicura di poter affermare che l’esposizione moderata e soprattutto controllata alla luce solare (anche non a diretto contatto della luce con la pelle), è un fattore di benessere e salute da sempre riconosciuto.

E che i rischi di conseguenze derivate dall’esposizione eccessiva sono solo frutto di scelte individuali volute.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

La vitamina D fa bene ai muscoli? Le rivelazioni di tutto quello che si sa oggi (02/09/2021)

Magnesio e vitamina D: una coppia che spesso oggi non si vede tenersi per mano (18/03/2021)

Vitamina D: ridimensionati i bisogni dell’integrazione su vasta scala (09/10/2018)

Pubblicazioni scientifiche

Knuschke P. Curr Probl Dermatol. 2021; 55:296-315.

Grant WB et al. Eur J Clin Nutr. 2020; 74(3):366-376.

Young AR et al. J Invest Dermatol. 2020; 140(7):1418.

Jiang X et al. Internat J Epidemiol. 2019; 48:1416–24.

Rueter K et al. J Allergy Clin Immunol. 2019; 143:1012.

Lucas RM et al. Photochem Photobiol Sci 2018; 17:1956.

Weller RB. Photochem Photobiol Sci. 2017; 16:374–380.

Latest

Stile di vita sano e medicina personalizzata possono fare la differenza: gli anziani e la demenza correlata all’età

Un nuovo studio mostra miglioramenti cognitivi quando i partecipanti...

Anche le piante hanno le loro citochine: ma che agissero anche sull’uomo non era atteso

Il sistema immunitario umano si basa su cellule che...

Le nuove infezioni respiratorie che stanno emergendo in Cina: cosa si sa al momento?

Le autorità cinesi della Commissione sanitaria nazionale hanno segnalato...

Newsletter

Don't miss

Stile di vita sano e medicina personalizzata possono fare la differenza: gli anziani e la demenza correlata all’età

Un nuovo studio mostra miglioramenti cognitivi quando i partecipanti...

Anche le piante hanno le loro citochine: ma che agissero anche sull’uomo non era atteso

Il sistema immunitario umano si basa su cellule che...

Le nuove infezioni respiratorie che stanno emergendo in Cina: cosa si sa al momento?

Le autorità cinesi della Commissione sanitaria nazionale hanno segnalato...

Immagine corporea e Instagram: un intreccio fra Influencers, società, benessere mentale e salute pubblica

L’uso dei social media (come Facebook, Instagram, Twitter) è...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Proteine: note per fare bene alla salute, ma ancora sottovalutate

Entra in qualsiasi negozio di alimentari e troverai prodotti ad alto contenuto proteico che dominano lo spazio sugli scaffali lungo i corridoi. I benefici...

Apnea notturna: i dati puntano sull’infiammazione cronica nascosta

I viaggiatori non si imbarcano più alla ricerca della famosa Fontana della Giovinezza, ma la ricerca della longevità è ancora molto viva per i...

Uterine and vaginal cancer on a new top-standard clinical trial

Cervical cancer can be insidious. Changes to the cervix are often detected with a pap smear, but for those with limited access to health...