sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Irritazione e rabbia: due facce della stessa medaglia o sentimenti messi in sequenza?

Che differenza c’è fra irritazione e rabbia?

L’esperienza soggettiva di irritabilità ampiamente definita si riferisce a un’eccessiva sensibilità agli stimoli sensoriali, con una soglia abbassata per rispondere agli stimoli con rabbia o comportamento aggressivo. In contrasto con la rabbia emotiva correlata, i sentimenti di irritabilità possono manifestarsi apparentemente senza trigger o antecedenti chiaramente identificati e sono invece spesso associati a carenze fisiologiche/biologiche, come esperienza di stress, sonno inadeguato, dolore fisico o ipoglicemia. La rabbia è solitamente definita, invece, come uno stato emotivo che comporta dispiacere di varia intensità, dal lieve fastidio alla furia intensa. Rispetto all’irritabilità, la rabbia è un costrutto scientificamente più consolidato, anche se definirla come fenomeno psico-biologicamente distinto si è rivelato difficile.

La rabbia è generalmente innescata dall’esperienza di situazioni frustranti (ad es. ostacoli all’obiettivo) o dall’essere insultati personalmente (ad es. essere maltrattati o trattati ingiustamente, colpevolizzati o ingiustificati). La risposta comportamentale più vicina alla rabbia è l’aggressività, generalmente definita come comportamenti diretti verso un altro individuo o oggetto in cui l’intenzione immediata è quella di causare danni. Una persona con un tratto elevato di rabbia interpreta molte situazioni come fastidiose o frustranti e, in larga misura, reagisce alle situazioni con rabbia elevata. La rabbia, in altre parole, è generalmente considerata più strettamente correlata al comportamento aggressivo rispetto all’irritabilità.

Possono essere distinte in base agli obiettivi?

Studiare le associazioni tra costrutti emotivi come rabbia, impulsività e irritabilità e il loro effetto sul benessere psicologico è spesso difficile perché mancano definizioni chiare e strumenti convalidati per misurare questi costrutti. Sebbene vi sia un certo grado di sovrapposizione nel concetto di questi costrutti, essi sono distinti anche in altri aspetti e spesso costrutti come rabbia e irritabilità sono usati in modo intercambiabile. L’irritabilità è un’estrema sensibilità agli stimoli esterni e una bassa soglia di risposta con conseguente aggressività o rabbia. È spesso associata a stress, iperglicemia, dolore o mancanza di sonno. D’altra parte, la rabbia è caratterizzata da un dispiacere che va dal fastidio alla rabbia ed è innescata da un insulto o mancanza di rispetto personale o da un’esperienza o situazione frustrante. La risposta comportamentale è l’aggressività, spesso diretta a una persona o a un oggetto.

L’impulsività è un termine ampio che comprende risposte varie, sottoregolate e rapide a stimoli esterni e interni che non tengono conto delle conseguenze delle reazioni. In un recente studio pubblicato sullo Scientific Reports, i ricercatori hanno esaminato le relazioni tra costrutti emotivi come irritabilità, impulsività e rabbia. Hanno studiato come questi costrutti influenzano i diversi domini della vita, inclusa la soddisfazione per la vita. Nella ricerca, gli scienziati miravano a comprendere le relazioni tra i tre costrutti emotivi di rabbia, impulsività e irritabilità. In secondo luogo, lo studio per comprendere il legame tra le variabili della disposizione affettiva di rabbia, impulsività e irritabilità e gli indicatori di esito della vita reale come l’impatto negativo su vari domini della vita e la soddisfazione generale per la vita.

Per affrontare il primo obiettivo, lo studio ha tentato di determinare in che modo la rabbia e l’irritabilità fossero psicometricamente diverse utilizzando l’analisi fattoriale di conferma. Inoltre, per comprendere la relazione tra questi tre costrutti emotivi e gli esiti della vita reale, hanno testato due ipotesi: “l’impatto negativo su vari domini della vita si correlerà positivamente con i tre costrutti emotivi” e “la soddisfazione della vita sarà correlata negativamente a i costrutti di rabbia, impulsività e irritabilità.’ Lo studio ha incluso 471 partecipanti reclutati attraverso una piattaforma di ricerca online e annunci di biblioteche pubbliche presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Göteborg. La maggior parte dei partecipanti erano donne, mentre quasi un quarto erano uomini, con un’età media dei partecipanti di 33 anni e una media di 15,23 anni di istruzione.

Rabbia e irritabilità nei contesti socio-personali

I risultati hanno riportato che la rabbia e l’irritabilità erano correlate negativamente con la soddisfazione generale nella vita e si riteneva che avessero un impatto negativo maggiore su vari ambiti della vita. Allo stesso tempo, l’impulsività mostra complesse associazioni con la soddisfazione della vita. Mentre alcuni aspetti dell’impulsività, come la ricerca di sensazioni, mostravano un’associazione positiva con la soddisfazione della vita, altri aspetti, come la mancanza di perseveranza e l’urgenza, erano associati negativamente. In base ai tratti della personalità, si riteneva che l’assenza di premeditazione associata all’impulsività avesse un impatto negativo su aspetti come il lavoro e gli studi.

Nel complesso, i risultati hanno indicato che i costrutti emotivi di rabbia e irritabilità erano correlati negativamente con la soddisfazione della vita e avevano un impatto negativo su vari ambiti della vita, come il lavoro o gli studi. Sebbene correlate, la rabbia e l’irritabilità sono state identificate come costrutti separati. Poi, ognuno, soggettivamente ha la sua opinione della sua rabbia/irritazione o di quelle degli altri. Ma il sentore è che l’irritazione possa essere l’antifona alla rabbia, non fosse altro (portando un esempio) che certi segnali “non verbali” di chi è irritato dovrebbero subito far capire ai circostanti “che aria tira”…..

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gröndal M et al. Scientific Rep. 2023 Jun 27; 13(1):10398.

Richard Y, Tazi N et al. Current Psychol 2022; Jun 8:1-13.

Alia-Klein N et al. Neurosci Biobehav Rev. 2020; 108:480.

Toohey MJ, DiGiuseppe R. Clin Psychol Rev. 2017; 53:93.

Ammerman BA et al. Pers Individ Differ. 2015; 79:57–62.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Sonno e percezione del dolore: il caffè aiuta in clinica chirurgica?

La relazione fra sonno e percezione del dolore è nota agli scienziati da un po’ di tempo. Tutti avranno sperimentato in vita loro quanto...

Il cervello che invecchia: cosa succede e come si sta al passo

Con circa 1 chilo e mezzo di peso, il cervello umano è un'impresa di ingegneria impossibile, con circa 100 miliardi di neuroni interconnessi tramite...

Childhood quality sleep: parental eye not to be over-looked

Having a regular, age-appropriate bedtime and getting sufficient sleep from early childhood may be important for healthy body weight in adolescence, according to researchers...

Questo si chiuderà in 20 secondi