mercoledì, Luglio 24, 2024

L’immunità che dialoga costantemente col cervello: il ruolo segreto di C1q nel cervello che matura ed invecchia

Uno studio innovativo condotto presso il laboratorio di Beth...

L’orologio biologico ed il metabolismo: una bilancia che rischia di saltare con certe tipologie di lavoro

Le routine quotidiane della vita sono legate ai modelli...

The risk for cognitive impairment among breast cancer survivors: drug types vs. plausible mechanisms

Breast cancer is the most commonly diagnosed cancer among...

Come è stata gestito lo stress in pandemia da uomini e donne: è tutta questione di ansia e norme

Qualcuno ricorda ancora la fase iniziale della pandemia di coronavirus nel 2020? Quando negozi, ristoranti, cinema e teatri sono rimasti chiusi. Quando erano vietati gli incontri con amici e parenti. Quando le lezioni scolastiche dovevano svolgersi a casa nelle stanze dei bambini. Quando non si trattava di viaggiare. Attualmente, la maggior parte delle persone sembra aver dimenticato tutto ciò da tempo. Tuttavia, è probabile che le varie misure del coronavirus adottate dai politici abbiano causato un enorme stress a molti. La paura per il lavoro, la preoccupazione per i parenti malati, la tensione nervosa quando genitori e figli siedono insieme in un piccolo appartamento e devono conciliare smartworking e homeschooling: tutto questo non è rimasto senza effetti, come dimostrano numerosi studi. In che modo e in che misura queste esperienze hanno influenzato la salute mentale e la qualità della vita di donne e uomini nel primo anno della pandemia di COVID-19?

Questo è stato studiato da un gruppo di ricerca dell’Università e dell’Ospedale universitario di Würzburg. In dettaglio, gli scienziati erano interessati alla relazione tra le preoccupazioni per il posto di lavoro e per altre persone con problemi di salute mentale di una persona come ansia e depressione e con la loro qualità di vita in generale, come queste sono influenzate dal supporto di amici o al lavoro – e se i risultati mostrano differenze tra uomini e donne. I risultati sono inequivocabili: in questo complesso di diverse variabili e fattori di influenza, l’ansia gioca un ruolo centrale. Esistono, tuttavia, distinte differenze specifiche di genere: Negli uomini l’ansia aumenta insieme alle preoccupazioni per il lavoro, un effetto che non si manifesta nelle donne. D’altra parte, siamo stati in grado di registrare un aumento dei livelli di ansia nelle donne parallelamente a un aumento delle loro preoccupazioni per la famiglia e gli amici.

Il team ha ottenuto le informazioni pertinenti da un ampio gruppo di soggetti di prova: i partecipanti al cosiddetto studio STAAB. Questo studio comprende una coorte di circa 5.000 volontari selezionati a caso dalla popolazione generale di Würzburg e originariamente focalizzato sullo sviluppo delle malattie cardiovascolari. Durante la pandemia di COVID-19, il programma è stato spontaneamente ampliato per includere gli impatti psicosociali della pandemia, il blocco e altri effetti collaterali. All’indagine hanno partecipato in totale 2.890 persone (1.520 donne e 1.370 uomini). La loro età variava da 34 a 85 anni. Tra giugno e ottobre 2020, hanno dovuto compilare un ampio questionario sulla loro salute mentale. Tra le altre cose, è stato chiesto loro di fornire informazioni su quanto fortemente si sentissero supportati dal loro ambiente sociale, dai loro colleghi e superiori, e se avessero qualcuno con cui poter discutere dei loro problemi.

Grit Hein, professoressa di Neuroscienze sociali e caporicerca, ha dichiarato che lo studio mostra che le donne in questi periodi rispondono positivamente al sostegno di amici e familiari sperimentando una migliore qualità della vita. Negli uomini, questo fenomeno non si è manifestato. Ampliando gli studi precedenti, il gruppo di ricerca di Würzburg ha quindi ora esaminato l’influenza di questi fattori in relazione al genere. È stato anche chiesto loro quanto li gravassero i divieti di contatto con genitori e nonni e quanto stress provassero al lavoro oa scuola. Problemi finanziari o preoccupazioni su di loro sono stati oggetto di ulteriori domande. Per valutare i dati, Hein e il suo team hanno utilizzato un metodo speciale: la cosiddetta analisi di rete. Le analisi basate su un approccio di rete consentono una rappresentazione grafica di tutte le variabili come singoli nodi. Pertanto, è possibile identificare variabili che sono particolarmente correlate ad altre variabili.

La dottoressa Grit e il suo team non sono rimasti sorpresi dai risultati, commentando “L’osservazione che gli uomini sono più fortemente associati al lavoro e le donne più fortemente alla famiglia e agli amici, può essere fatta risalire alle norme e ai ruoli di genere tradizionali. Pertanto, gli uomini di solito si sentono più colpiti dall’insicurezza del lavoro e dalla disoccupazione, il che porta a un maggiore stress psicologico. Le donne, invece, provano maggiore tensione quando sentono di trascurare la propria famiglia ed è anche plausibile che le donne se la cavino psicologicamente meglio quando ricevono sostegno da amici e familiari. Ciò è in linea con il tradizionale ruolo familiare femminile, che include una tendenza più forte a mantenere stretti contatti sociali e a cercare supporto sociale al fine di ridurre lo stress e aumentare il benessere. Comunque sia, una scoperta, tuttavia, è indiscutibile: i nostri risultati sottolineano la necessità di considerare gli aspetti sociali negli interventi terapeutici al fine di migliorare la salute mentale delle donne e degli uomini”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Weiß M, Grundahl M et al. Sci Rep. 2023; 13(1):11642.

Fitzpatrick C et al. Pediatr Res. 2023 Aug; 94(2):820-825.

Matsumoto N et al. BMC Pub Health. 2023; 23(1):1308.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Sulla sclerosi multipla: genetica sì, ma l’epigenetica da sola conterebbe di più per lo stato della malattia

La SM è una condizione autoimmune cronica di tipo neurodegenerativo, causata da vari fattori genetici, ambientali e di stile di vita. Gli studi di...

Tumore renale: non usa il glucosio per nutrirsi come si credeva

Il cancro del rene è uno dei 10 tumori maligni più diffusi al mondo e la sua frequenza è in aumento. Secondo UT Southwestern,...

Stress ossidativo e malattia di Huntington: prima l’uovo o la gallina?

Introduzione La malattia di Huntington è una neurodegenerazione autosomica dominante che porta a morte le cellule cerebrali dello striato, della corteccia e poi del talamo...

Questo si chiuderà in 20 secondi