[box]

Descrizione:

Frequenti episodi di cefalea di durata variabile da
minuti a giorni. Il dolore è tipicamente bilaterale, di qualità
gravativo-costrittiva, di intensità da lieve a media e non risulta
aggravato dall’attività fisica di routine. La nausea è assente, ma
possono essere presenti fotofobia o fonofobia.

Criteri diagnostici:

  1. Almeno 10 episodi che si verifichino ≥1, ma <15
    giorni al mese per almeno 3 mesi (≥12 e <180 giorni all’anno) e che
    soddisfino i criteri B-D
  2. La cefalea ha una durata compresa fra 30 minuti e 7 giorni
  3. La cefalea presenta almeno due delle seguenti caratteristiche:

    1. localizzazione bilaterale
    2. qualità gravativo-costrittiva (non pulsante)
    3. intensità lieve o media
    4. non è aggravata dall’attività fisica di routine, come camminare o salire le scale
  4. Si verificano entrambe le seguenti condizioni:

    1. assenza di nausea e vomito (può manifestarsi anoressia)
    2. può essere presente fotofobia oppure fonofobia, ma non entrambe
  5. Non attribuita ad altra condizione o patologia1

Nota:

  1. L’anamnesi, l’esame obiettivo generale e neurologico
    non suggeriscono alcuna condizione o patologia elencate nei gruppi
    5-12, oppure l’anamnesi e/o l’esame obiettivo generale e/o l’esame
    obiettivo neurologico ne suggeriscono la presenza, ma questa viene
    esclusa da appropriate indagini strumentali, oppure ancora la condizione
    o patologia è presente, ma gli attacchi di cefalea non si manifestano
    per la prima volta in stretta relazione temporale con essa.

Commento:

La cefalea di tipo tensivo frequente coesiste spesso con
l’emicrania senza aura. Tale coesistenza dovrebbe essere preferibilmente
identificata mediante un diario diagnostico della cefalea. Il
trattamento dell’emicrania è considerevolmente diverso da quello della
cefalea di tipo tensivo ed è importante educare i pazienti a saper
differenziare le due forme, in modo da poter scegliere il trattamento
corretto e prevenire l’insorgenza di cefalea da uso eccessivo di
farmaci.

Cefalea di tipo tensivo episodica frequente associata a dolorabilità dei muscoli pericranici

Criteri diagnostici:

  1. Episodi di cefalea che soddisfino i criteri A-E per 2.2 Cefalea di tipo tensivo episodica frequente
  2. Aumentata dolorabilità dei muscoli pericranici alla palpazione manuale

Cefalea di tipo tensivo episodica frequente non associata a dolorabilità dei muscoli pericranici

Criteri diagnostici:

  1. Episodi di cefalea che soddisfino i criteri A-E per 2.2 Cefalea di tipo tensivo episodica frequente
  2. Nessun aumento della dolorabilità dei muscoli pericranici

[/box]