[box]

La Calcolosi Urinaria

La calcolosi urinaria (o urolitiasi) è una condizione
patologica caratterizzata dalla presenza di calcoli nelle
vie urinarie. Tali calcoli possono localizzarsi a qualsiasi
livello delle vie urinarie: calici, pelvi, uretere, vescica e
uretra. Di solito si formano a livello renale e successivamente
possono migrare nell’uretere dove, ostacolando
il deflusso dell’urina, causano la colica renale.
Il dolore della colica renale insorge improvvisamente
a carico della regione lombare e può irradiarsi verso i
genitali. Ha durata variabile da alcuni minuti ad
alcune ore. Possono essere associati sintomi disurici
(simil cistitici), nausea e vomito ed ematuria
(presenza di sangue nelle urine). Qualche volta si può
presentare febbre alta preceduta da brivido.
In Italia, la frequenza di questa patologia è stimata
essere circa 17 casi su 1000 abitanti, con una più
elevata incidenza al Sud e nel sesso maschile.
I principali fattori di rischio che favoriscono

l’instaurarsi dell’urolitiasi possono schematicamente
essere divisi in:

  • Fattori dietetici: scarsa assunzione di acqua, abuso di
    proteine animali, elevato consumo calcio e sodio;
  • Fattori non dietetici: storia familiare, obesità, malattie
    specifiche (iperparatiroidismo primitivo, acidosi tubulare
    renale, iperossaluria, morbo di Crohn, gotta)

I calcoli possono
presentare una differente
struttura minerale.
L’ossalato di calcio
è il maggior costituente
(circa il 65%). Altre
sostanze, da sole o in
associazione tra loro,
sono l’acido urico,
l’urato monoammonio, la carbossiapatite, la struvite
(“calcoli da infezione”), la cistina e la brushite.

La Diagnosi

La diagnosi si avvale di esami ematici e strumentali.
Esami ematochimici: emocromo (dove si potrà rilevare
un aumento dei globuli bianchi, segno di infezione
sistemica); funzionalità renale (azotemia, creatinina ed
elettroliti sierici).
Esame urine ed urinocoltura, in quanto i calcoli possono
essere fonte di infezioni urinarie.
Ecografia renale e vescicale: esame non invasivo che
riveste un ruolo di primo piano non solo nell’identificare
direttamente il calcolo, la sua posizione e la sua dimensione,
ma anche nel rilevare l’eventuale dilatazione
renale, segno indiretto di ostruzione al deflusso urinario.

RX diretta dell’apparato urinario: è in grado di
evidenziare calcoli radiopachi lungo il decorso delle
vie urinarie, tenendo presente che i calcoli di acido
urico sono radiotrasparenti.
TC addome e pelvi (senza e con mezzo di contrasto):
rileva con alta accuratezza diagnostica sia il
calcolo che la sede dell’ostruzione e ci dà un’idea
anche della funzione del rene.
Fattori dietetici: scarsa assunzione di acqua, abuso di
proteine animali, elevato consumo calcio e sodio;
Fattori non dietetici: storia familiare, obesità, malattie
specifiche (iperparatiroidismo primitivo, acidosi tubulare
renale, iperossaluria, morbo di Crohn, gotta)
I calcoli possono
presentare una differente
struttura minerale.
L’ossalato di calcio
è il maggior costituente
(circa il 65%). Altre
sostanze, da sole o in
associazione tra loro,
sono l’acido urico,
l’urato monoammonio, la carbossiapatite, la struvite
(“calcoli da infezione”), la cistina e la brushite.

Il Trattamento

Il trattamento della colica renale deve essere indirizzato
alla risoluzione del dolore. I farmaci più utilizzati
sono i Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).
Nel corso dell’episodio acuto, inoltre, si sconsiglia
l’assunzione di liquidi, che possono aggravare la
sintomatologia dolorosa sovraccaricando il rene
bloccato. Alla risoluzione della sintomatologia, si
riprenderà ad assumere liquidi a piccoli sorsi ripetuti
nell’arco della giornata che potranno facilitare, se ne
coesistono le condizioni, l’espulsione spontanea del
calcolo. L’espulsione spontanea del calcolo, dovuta
all’attività peristaltica dell’uretere, è condizionata
soprattutto dalle dimensioni e dalla sede del calcolo.
Circa l’80% dei calcoli 4 mm è passibile di espulsione
spontanea, mentre per formazioni litiasiche più
grandi tale possibilità si riduce.
Laddove non si verifichi l’espulsione spontanea, il
trattamento della calcolosi mira a liberare dalla via
urinaria il calcolo che ostruisce il deflusso delle urine
o con mezzi farmacologici o con manovre strumentali
endoscopiche o a cielo aperto, quest’ultime
sempre più di raro impiego grazie alle nuove
strumentazioni mininvasive. Le dimensioni e la sede
del calcolo sono i principali fattori dirimenti che
determineranno il tipo di intervento.

Materiale informativo a cura della Società Italiana di Urologia

[/box]