martedì, Maggio 28, 2024

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

In analogia all’emofilia: anche per le porpore immuni e -non, entra l’uso dell’enzima mancante ricombinante

Un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital,...

Sigarette elettroniche: fra gli adolescenti c’è il boom ma il rischio clinico è realissimo

La Surgeon General americana ha emesso un avviso nel 2018 in merito al danno che le sigarette elettroniche possono causare agli utenti, in particolare ai giovani. Da allora non c’è stata alcuna inversione della tendenza di utilizzo avvertire i ricercatori. Sono stati segnalati numerosi casi di danno polmonare a lungo termine causato dallo svapo, nonché casi di danno polmonare acuto come conseguenza diretta dello svapo. Le lesioni polmonari acute dovute allo svapo hanno portato a ricoveri e persino morti negli utenti: i dati disponibili dovrebbero avvisare i responsabili politici di sensibilizzare e limitare l’uso delle sigarette elettroniche tra i giovani. Un recente studio è arrivato dall’American Academy of Pediatrics. Lo studio ha rivelato che il 90% degli adolescenti utilizzava aromi di frutta, caramelle e altri aromi non tradizionali (gli aromi tradizionali erano nicotina e mentolo).

Coloro che utilizzavano aromi non tradizionali inizialmente avevano anche maggiori probabilità di continuare a svapare dopo sei mesi di follow-up, hanno scopertolo studio (64,3%). Avevano anche riferito che l’uso di aromi fruttati e di caramelle era associato a un uso più pesante. Gli adolescenti al liceo trovano più interessanti i sapori fruttati come il mango, la menta e il mentolo dei fluidi per sigarette elettroniche. A seguito di ciò, il produttore di e-cigs JUUL aveva annunciato che avrebbero smesso di produrre prodotti aromatizzati alla menta. Questo è stato a novembre 2019. Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di San Francisco, è uno dei primi studi che ha esaminato gli effetti a lungo termine di queste sigarette elettroniche e lo sviluppo di malattie polmonari. Questo studio ha seguito un campione di tutta la popolazione degli Stati Uniti per arrivare a questa conclusione.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista American Journal of Preventive Medicine. Per questo studio il team ha esaminato i dati raccolti dalla valutazione della popolazione del tabacco e della salute (PATH), che comprende informazioni sull’uso del tabacco e delle sigarette elettroniche negli adulti americani. Questo studio è stato condotto su oltre 32.000 americani di età superiore ai 18 anni a cui è stata diagnosticata una malattia polmonare tra il 2013 e il 2016.  Il team ha spiegato che ci sono stati numerosi casi clinici e piccoli studi che mostrano un’associazione tra lo svapo e l’uso di sigarette elettroniche e malattia polmonare; solo l’estate scorsaci sono stati più di 300 morti sospette. Questi erano i cosiddetti studi trasversali che hanno esaminato la presenza di assenza di malattia polmonare tra gli utenti di sigarette elettroniche in un determinato periodo di tempo.

Hanno concluso che uno studio trasversale non riesce a spiegare se gli utenti di sigarette elettroniche hanno sviluppato malattie polmonari o i pazienti con malattie polmonari avevano maggiori probabilità di essere utenti di sigarette elettroniche. Questo è stato il primo grande studio che ha esaminato l’associazione in modo longitudinale. Ciò significava che le persone, alcune delle quali erano consumatori di sigarette elettroniche o tabacco affumicato, si erano iscritte allo studio senza malattie polmonari e potevano essere seguite nel tempo per vedere se sviluppavano la malattia polmonare. I risultati dell’indagine hanno rivelato che coloro che stavano usando sigarette elettroniche erano 1,3 volte più a rischio di sviluppare malattie polmonari croniche mentre quelli che fumavano sigarette tradizionali avevano un rischio 2,6 volte maggiore di sviluppare malattie polmonari croniche, il rischio era 3 volte per chi usava i due tipi sigarette.

I doppi utenti (convenzionali ed e-cigarettes) corrono il rischio combinato, quindi in realtà stanno peggio dei fumatori di tabacco. Gli esperti hanno sostenuto l’uso di sigarette elettroniche tra i fumatori di tabacco che desideravano smettere. Ci sono stati anche diversi studi che hanno dimostrato che l’uso di sigarette elettroniche potrebbe aiutare i fumatori a smettere o ridurre in modo significativo il fumo di tabacco. Ci sono stati casi clinici in cui si afferma che l’uso di sigarette elettroniche è associato con lesioni polmonari in alcuni soggetti. Questo è stato chiamato EVALI (E-cigarette o Vaping Product Use-Associated Lung Injury). Secondo i ricercatori, questo danno cronico ai polmoni è diverso dall’EVALI e potrebbe interessare come popolazione significativa. I ricercatori hanno scoperto che in alcuni soggetti lo svapo può innescare una risposta immunitaria mediata dal rilascio di proteine legate allo stress nei polmoni.

Le sostanze chimiche tossiche all’interno dei fluidi di svapo sono in grado di innescare queste risposte immunitarie che possono portare a lesioni polmonari e possono portare a ricovero in ospedale o persino alla morte. Secondo il leader dello studio Dr. Glantz, questa ricerca mostra che molti fumatori che provano sigarette elettroniche nella speranza di smettere di fumare finiscono per fumare entrambi. Ha aggiunto: “Meno dell’1% dei fumatori di tabacco riesce effettivamente a smettere di fumare e passare alla sigaretta elettronica. Passare esclusivamente dalle sigarette convenzionali alle sigarette elettroniche potrebbe ridurre il rischio di malattie polmonari, ma pochissime persone lo fanno. Il paradosso è che la maggior parte dei fumatori, aggiungono semplicemente sigarette elettroniche e diventano utenti doppi, aumentando significativamente il rischio di sviluppare malattie polmonari al di sopra del semplice fumo”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Smith DM et al. Int J Env Res Pub Health 2019; 16(24).

Jackson R et al. Int J Pharm Pract. 2019 Dec 17.

Jackson SE et al. Addiction. 2019; 114(11):2026.

Ji EH et al. J Cancer 2019 Nov; 10(27):6915-24.

Latest

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

Newsletter

Don't miss

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...

L’emergenza internazionale della febbre dengue: e la corsa ai nuovi vaccini prosegue

La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Morbo di Addison: tutta la clinica medica

(Insufficienza corticosurrenalica primitiva o cronica) Malattia insidiosa, solitamente progressiva, derivante da ridotta funzione del corticosurrene. Eziologia e incidenza Circa il 70% dei casi di morbo di Addison...

Osservato l’i-Motif, la struttura del DNA per la lettura del suo codice

In una prima mondiale, i ricercatori australiani hanno identificato una nuova struttura del DNA - chiamata i-motif - all'interno delle cellule. Un "nodo" intrecciato...

Biomarkers per la diagnosi della fibromialgia: dove è arrivata la scienza con la precisione?

La sindrome fibromialgica (FMS) è una condizione caratterizzata da dolore muscoloscheletrico cronico diffuso e disagio accompagnato da affaticamento, interruzione del sonno, deterioramento cognitivo e...

Questo si chiuderà in 20 secondi