Ultimi articoli
PUBBLICA I TUOI ARTICOLI SU MEDICOMUNICARE

ARTICOLI PIU’ LETTI

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano ha sancito, nella seduta del 10 maggio 2018 un Accordo sul documento di indirizzo concernente “Una strategia di intervento per l’osteoporosi” .  L’osteoporosi, malattia ad eziopatogenesi multifattoriale caratterizzata da alterazioni della micro-architettura del tessuto osseo e compromissione della resistenza dell’osso, predispone ad un aumentato rischio di fratture spontanee o indotte da minimi traumi (fratture da fragilità) e interessa milioni di persone nel mondo.  L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha più volte richiamato l’attenzione sull’osteoporosi e, soprattutto, sulle fratture da fragilità che, per il loro crescente numero, costituiscono un’importante sfida per i Sistemi Sanitari dei Paesi occidentali in termini di disabilità e di costi sociali ed economici, in aumento parallelo a quello dell’aspettativa media di vita della popolazione.  Nel nostro Paese l’osteoporosi è diffusa in tutte le Regioni, anche per effetto del progressivo invecchiamento della popolazione, e incide profondamente sullo stato di salute e di benessere delle persone affette, specie se complicata dalle fratture, che peggiorano la qualità di vita e spesso ne riducono la durata.  Per sviluppare una strategia complessiva di intervento sul territorio nazionale che accompagni il miglioramento delle possibilità di diagnosi precoce e terapia realizzato negli ultimi decenni, nel settembre 2015 è stato istituito, presso la Direzione generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute, un Tavolo di lavoro sull’osteoporosi e le fratture da fragilità, composto da rappresentanti delle competenti Direzioni generali del Ministero, delle Regioni, dei Medici di Medicina Generale e di Società Scientifiche, che ha elaborato il documento oggetto dell’Accordo.  Obiettivo del documento è definire un approccio sistematico complessivo, che consenta il raccordo e il coordinamento programmatico degli interventi di prevenzione, diagnosi e cura dell’osteoporosi e delle sue complicanze, in un'ottica di integrazione e valorizzazione delle competenze e professionalità coinvolte.  Tenendo conto delle modalità organizzative proprie di ciascuna Regione e della necessità di:      favorire la prevenzione e/o l’identificazione precoce della malattia     migliorare la formazione degli operatori sanitari, in particolare dei pediatri di libera scelta e dei medici di medicina generale     migliorare l’identificazione e la gestione appropriata della prima frattura da fragilità     promuovere un miglior collegamento tra ospedale e territorio     promuovere corretta informazione e comunicazione alla popolazione generale, finalizzata a diffondere e migliorare le conoscenze sui stili di vita salutari e sulla malattia.  L’obiettivo è la creazione di un percorso che, partendo da vie di accesso diverse (pediatra di libera scelta, medico di medicina generale, internista, geriatra, endocrinologo, ginecologo, ortopedico, reumatologo, ecc.), garantisca la continuità assistenziale per migliorare l’offerta di salute e ridurre le differenze territoriali.  Per approfondire:      pagina osteoporosi sito tematico salute della donna     scheda Osteoporosi nella sezione La nostra salute.

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano ha sancito, nella seduta del 10 maggio 2018 un Accordo sul documento di indirizzo concernente “Una strategia di intervento per l’osteoporosi” . L’osteoporosi, malattia ad eziopatogenesi multifattoriale caratterizzata da alterazioni della micro-architettura del tessuto osseo e compromissione della resistenza dell’osso, predispone ad un aumentato rischio di fratture spontanee o indotte da minimi traumi (fratture da fragilità) e interessa milioni di persone nel mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha più volte richiamato l’attenzione sull’osteoporosi e, soprattutto, sulle fratture da fragilità che, per il loro crescente numero, costituiscono un’importante sfida per i Sistemi Sanitari dei Paesi occidentali in termini di disabilità e di costi sociali ed economici, in aumento parallelo a quello dell’aspettativa media di vita della popolazione. Nel nostro Paese l’osteoporosi è diffusa in tutte le Regioni, anche per effetto del progressivo invecchiamento della popolazione, e incide profondamente sullo stato di salute e di benessere delle persone affette, specie se complicata dalle fratture, che peggiorano la qualità di vita e spesso ne riducono la durata. Per sviluppare una strategia complessiva di intervento sul territorio nazionale che accompagni il miglioramento delle possibilità di diagnosi precoce e terapia realizzato negli ultimi decenni, nel settembre 2015 è stato istituito, presso la Direzione generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute, un Tavolo di lavoro sull’osteoporosi e le fratture da fragilità, composto da rappresentanti delle competenti Direzioni generali del Ministero, delle Regioni, dei Medici di Medicina Generale e di Società Scientifiche, che ha elaborato il documento oggetto dell’Accordo. Obiettivo del documento è definire un approccio sistematico complessivo, che consenta il raccordo e il coordinamento programmatico degli interventi di prevenzione, diagnosi e cura dell’osteoporosi e delle sue complicanze, in un’ottica di integrazione e valorizzazione delle competenze e professionalità coinvolte. Tenendo conto delle modalità organizzative proprie di ciascuna Regione e della necessità di: favorire la prevenzione e/o l’identificazione precoce della malattia migliorare la formazione degli operatori sanitari, in particolare dei pediatri di libera scelta e dei medici di medicina generale migliorare l’identificazione e la gestione appropriata della prima frattura da fragilità promuovere un miglior collegamento tra ospedale e territorio promuovere corretta informazione e comunicazione alla popolazione generale, finalizzata a diffondere e migliorare le conoscenze sui stili di vita salutari e sulla malattia. L’obiettivo è la creazione di un percorso che, partendo da vie di accesso diverse (pediatra di libera scelta, medico di medicina generale, internista, geriatra, endocrinologo, ginecologo, ortopedico, reumatologo, ecc.), garantisca la continuità assistenziale per migliorare l’offerta di salute e ridurre le differenze territoriali. Per approfondire: pagina osteoporosi sito tematico salute della donna scheda Osteoporosi nella sezione La nostra salute.

PSICHE & SALUTE

1
Psiche & Salute

Benessere & Salute

PARLIAMO DI …

  • Parliamo di prevenzione del tumore al seno
      La prevenzione del tumore al seno si basa su un insieme di regole e indicazioni che hanno come scopo la riduzione della mortalità dovuta a questa malattia; grazie a una diagnosi precoce, è possibile identificare il tumore nelle prime fasi della sua esistenza, in modo da applicare le cure oggi possibili e aumentare la percentuale di guarigione Come avviene per tutte le malattie e soprattutto per quelle neoplastiche, agire in tempo, scoprire cioè un tumore in fase iniziale, ci permette in un’altissima percentuale dei casi di guarire. Ci sono delle cose che ogni donna può fare per contribuire a ridurre il rischio di sviluppare un tumore al seno e contestualmente aumentare la probabilità di scoprirlo qualora si manifestasse , in fase iniziale, e quindi sicuramente curabile. E possibile ridurre il rischio di cancro al seno modificando quei fattori di rischio che possono essere cambiati: se si limita luso di alcoolici, si fa regolare attività fisica e si mantiene sotto controllo il peso corporeo, allora si diminuisce il rischio di cancro al seno. Anche lallattamento è indicato quale fattore protettivo per il tumore al seno. Oltre che ai cambiamenti nello stile di vita, la cosa più importante che una donna possa fare è seguire le linee guida per una diagnosi precoce. In tal modo non si impedisce il cancro al seno, ma ciò può [...]

ALIMENTAZIONE & SALUTE

1

Succo di arancia rossa: ottimo tal quale e fermentato

Alimentazione & Salute
L’obesità è un problema in costante crescita a causa dei sempre peggiori stili alimentari che stanno prendendo piede. La recente scoperta che l’arancia rossa potrebbe contrastare questo fenomeno, ha suscitato molta curiosità fra nutrizionisti e ricercatori. Originariamente la scoperta [...]

RICERCA & SALUTE

1

Demenza nel Parkinson: trovate le prime basi

Ricerca & Salute
La malattia di Parkinson è una condizione neurodegenerativa caratterizzata da compromissione della funzione motoria e senso dell’equilibrio fisico. I suoi sintomi derivano dal danno e dalla morte delle cellule cerebrali, anch’essi una caratteristica della  malattia [...]

INFO & SALUTE

1
Focus on

Bicarbonato: il super-regolatore della milza e dell'(auto?)immunità

da Dott. Gianfrancesco Cormaci in Biomedicina & Salute 0

Una dose giornaliera di bicarbonato di sodio può aiutare a ridurre l’infiammazione distruttiva delle malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide, dicono gli scienziati. Hanno alcune delle prime prove di come l’economico antiacido da banco possa incoraggiare la nostra milza a promuovere un ambiente anti-infiammatorio che potrebbe essere terapeutico a fronte di una malattia infiammatoria. Questo è quanto riportano degli scienziati del Medical College of Georgia sul Journal of Immunology. Hanno dimostrato che quando i ratti o le persone sane bevono una soluzione di bicarbonato di sodio, o ingeriscono del bicarbonato, diventa uno stimolo per lo stomaco a produrre più acido per digerire [...]
Nessun commento trovato
La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano ha sancito, nella seduta del 10 maggio 2018 un Accordo sul documento di indirizzo concernente “Una strategia di intervento per l’osteoporosi” .  L’osteoporosi, malattia ad eziopatogenesi multifattoriale caratterizzata da alterazioni della micro-architettura del tessuto osseo e compromissione della resistenza dell’osso, predispone ad un aumentato rischio di fratture spontanee o indotte da minimi traumi (fratture da fragilità) e interessa milioni di persone nel mondo.  L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha più volte richiamato l’attenzione sull’osteoporosi e, soprattutto, sulle fratture da fragilità che, per il loro crescente numero, costituiscono un’importante sfida per i Sistemi Sanitari dei Paesi occidentali in termini di disabilità e di costi sociali ed economici, in aumento parallelo a quello dell’aspettativa media di vita della popolazione.  Nel nostro Paese l’osteoporosi è diffusa in tutte le Regioni, anche per effetto del progressivo invecchiamento della popolazione, e incide profondamente sullo stato di salute e di benessere delle persone affette, specie se complicata dalle fratture, che peggiorano la qualità di vita e spesso ne riducono la durata.  Per sviluppare una strategia complessiva di intervento sul territorio nazionale che accompagni il miglioramento delle possibilità di diagnosi precoce e terapia realizzato negli ultimi decenni, nel settembre 2015 è stato istituito, presso la Direzione generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute, un Tavolo di lavoro sull’osteoporosi e le fratture da fragilità, composto da rappresentanti delle competenti Direzioni generali del Ministero, delle Regioni, dei Medici di Medicina Generale e di Società Scientifiche, che ha elaborato il documento oggetto dell’Accordo.  Obiettivo del documento è definire un approccio sistematico complessivo, che consenta il raccordo e il coordinamento programmatico degli interventi di prevenzione, diagnosi e cura dell’osteoporosi e delle sue complicanze, in un'ottica di integrazione e valorizzazione delle competenze e professionalità coinvolte.  Tenendo conto delle modalità organizzative proprie di ciascuna Regione e della necessità di:      favorire la prevenzione e/o l’identificazione precoce della malattia     migliorare la formazione degli operatori sanitari, in particolare dei pediatri di libera scelta e dei medici di medicina generale     migliorare l’identificazione e la gestione appropriata della prima frattura da fragilità     promuovere un miglior collegamento tra ospedale e territorio     promuovere corretta informazione e comunicazione alla popolazione generale, finalizzata a diffondere e migliorare le conoscenze sui stili di vita salutari e sulla malattia.  L’obiettivo è la creazione di un percorso che, partendo da vie di accesso diverse (pediatra di libera scelta, medico di medicina generale, internista, geriatra, endocrinologo, ginecologo, ortopedico, reumatologo, ecc.), garantisca la continuità assistenziale per migliorare l’offerta di salute e ridurre le differenze territoriali.  Per approfondire:      pagina osteoporosi sito tematico salute della donna     scheda Osteoporosi nella sezione La nostra salute.
Sotto Riflettore

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano ha sancito, nella seduta del 10 maggio 2018 un Accordo sul documento di indirizzo concernente “Una strategia di intervento per l’osteoporosi” . L’osteoporosi, malattia ad eziopatogenesi multifattoriale caratterizzata da alterazioni della micro-architettura del tessuto osseo e compromissione della resistenza dell’osso, predispone ad un aumentato rischio di fratture spontanee o indotte da minimi traumi (fratture da fragilità) e interessa milioni di persone nel mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha più volte richiamato l’attenzione sull’osteoporosi e, soprattutto, sulle fratture da fragilità che, per il loro crescente numero, costituiscono un’importante sfida per i Sistemi Sanitari dei Paesi occidentali in termini di disabilità e di costi sociali ed economici, in aumento parallelo a quello dell’aspettativa media di vita della popolazione. Nel nostro Paese l’osteoporosi è diffusa in tutte le Regioni, anche per effetto del progressivo invecchiamento della popolazione, e incide profondamente sullo stato di salute e di benessere delle persone affette, specie se complicata dalle fratture, che peggiorano la qualità di vita e spesso ne riducono la durata. Per sviluppare una strategia complessiva di intervento sul territorio nazionale che accompagni il miglioramento delle possibilità di diagnosi precoce e terapia realizzato negli ultimi decenni, nel settembre 2015 è stato istituito, presso la Direzione generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute, un Tavolo di lavoro sull’osteoporosi e le fratture da fragilità, composto da rappresentanti delle competenti Direzioni generali del Ministero, delle Regioni, dei Medici di Medicina Generale e di Società Scientifiche, che ha elaborato il documento oggetto dell’Accordo. Obiettivo del documento è definire un approccio sistematico complessivo, che consenta il raccordo e il coordinamento programmatico degli interventi di prevenzione, diagnosi e cura dell’osteoporosi e delle sue complicanze, in un’ottica di integrazione e valorizzazione delle competenze e professionalità coinvolte. Tenendo conto delle modalità organizzative proprie di ciascuna Regione e della necessità di: favorire la prevenzione e/o l’identificazione precoce della malattia migliorare la formazione degli operatori sanitari, in particolare dei pediatri di libera scelta e dei medici di medicina generale migliorare l’identificazione e la gestione appropriata della prima frattura da fragilità promuovere un miglior collegamento tra ospedale e territorio promuovere corretta informazione e comunicazione alla popolazione generale, finalizzata a diffondere e migliorare le conoscenze sui stili di vita salutari e sulla malattia. L’obiettivo è la creazione di un percorso che, partendo da vie di accesso diverse (pediatra di libera scelta, medico di medicina generale, internista, geriatra, endocrinologo, ginecologo, ortopedico, reumatologo, ecc.), garantisca la continuità assistenziale per migliorare l’offerta di salute e ridurre le differenze territoriali. Per approfondire: pagina osteoporosi sito tematico salute della donna scheda Osteoporosi nella sezione La nostra salute.

da Redazione in attualita' & salute 0

fonte Ministero della Salute La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano ha sancito, nella seduta del 10 maggio 2018 un Accordo sul documento di indirizzo concernente “Una strategia di intervento per l’osteoporosi” . L’osteoporosi, malattia ad eziopatogenesi multifattoriale caratterizzata da alterazioni della micro-architettura del tessuto osseo e compromissione della resistenza dell’osso, predispone ad un aumentato rischio di fratture spontanee o indotte da minimi traumi (fratture da fragilità) e interessa milioni di persone nel mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha più volte richiamato l’attenzione sull’osteoporosi e, soprattutto, sulle [...]