PSICHE & SALUTE

Psiche & Salute

Spondilopatia: il lato medico grava, ma il peso sociale e psicologico impattano

La Spondilite Anchilosante (SpA) è una malattia infiammatoria cronica che colpisce principalmente la colonna vertebrale (soprattutto nel suo tratto lombare e le articolazioni sacro-iliache), e meno frequentemente coinvolge le articolazioni periferiche. La SpA rientra nel [...]

Benessere & Salute

PARLIAMO DI …

  • Parliamo di prevenzione del tumore al seno
      La prevenzione del tumore al seno si basa su un insieme di regole e indicazioni che hanno come scopo la riduzione della mortalità dovuta a questa malattia; grazie a una diagnosi precoce, è possibile identificare il tumore nelle prime fasi della sua esistenza, in modo da applicare le cure oggi possibili e aumentare la percentuale di guarigione Come avviene per tutte le malattie e soprattutto per quelle neoplastiche, agire in tempo, scoprire cioè un tumore in fase iniziale, ci permette in un’altissima percentuale dei casi di guarire. Ci sono delle cose che ogni donna può fare per contribuire a ridurre il rischio di sviluppare un tumore al seno e contestualmente aumentare la probabilità di scoprirlo qualora si manifestasse , in fase iniziale, e quindi sicuramente curabile. E possibile ridurre il rischio di cancro al seno modificando quei fattori di rischio che possono essere cambiati: se si limita luso di alcoolici, si fa regolare attività fisica e si mantiene sotto controllo il peso corporeo, allora si diminuisce il rischio di cancro al seno. Anche lallattamento è indicato quale fattore protettivo per il tumore al seno. Oltre che ai cambiamenti nello stile di vita, la cosa più importante che una donna possa fare è seguire le linee guida per una diagnosi precoce. In tal modo non si impedisce il cancro al seno, ma ciò può [...]

ALIMENTAZIONE & SALUTE

RICERCA & SALUTE

INFO & SALUTE

Seguici su FB

English Magazine

English Magazine
English Magazine
Gruppo sanguigno e rischio diabete: quanto incide?
Focus on

Reparto trasfusionale: come l’enzima batterico muta la A+ in 0 (zero) universale

da Dott. Gianfrancesco Cormaci in Biomedicina & Salute 0

Finora, le ricerche hanno raggiunto questo obiettivo solo utilizzando le piastre di Petri in un laboratorio e sarebbero necessarie molte più ricerche prima che la tecnica potesse essere di beneficio ai pazienti negli ospedali. Tuttavia, potenzialmente, lo sviluppo potrebbe essere rivoluzionario in termini di aumento dell’offerta di sangue per trasfusioni salvavita. Attualmente, circa 50 milioni di litri di sangue sono donati ogni anno in tutto il mondo. Anche se sembra molto, l’incompatibilità tra i gruppi sanguigni (A, B, AB, 0) con cui ogni persona è nata, significa che una persona non può sempre ricevere una trasfusione. Trasfondere un gruppo sanguigno [...]