HomeMALATTIEMALATTIE CARDIOVASCOLARIGli anticoagulanti naturali: quali sono e come impiegarli

Gli anticoagulanti naturali: quali sono e come impiegarli

Le persone che hanno determinate condizioni mediche, come difetti cardiaci congeniti, possono richiedere farmaci fluidificanti del sangue per ridurre il rischio di infarto o ictus. Le persone che assumono farmaci per la fluidificazione del sangue non dovrebbero usare i rimedi naturali senza prima parlare con il proprio medico. Anche se sono naturali, alcune sostanze e alimenti possono scoagulare troppo il sangue, specialmente se assunti insieme a farmaci, aumentando il rischio di sanguinamento. Mentre le persone possono solitamente consumare cibi con potenziali proprietà fluidificanti del sangue in modo sicuro in quantità ragionevoli, è essenziale parlare con un medico prima di provare rimedi come il dong quai e l’estratto di semi d’uva. Alcuni di questi rimedi, in quanto potrebbero non funzionare come farmaci e possono interferire con alcuni farmaci prescritti per le malattie cardiache. Alcuni alimenti e altre sostanze che possono agire come fluidificanti del sangue naturale e contribuire a ridurre il rischio di coaguli includono il seguente elenco:

Curcuma

Le persone hanno a lungo usato la spezia d’oro conosciuta come curcuma per scopi culinari e medicinali. Il principio attivo della curcuma è la curcumina che ha proprietà antinfiammatorie e fluidificanti del sangue o anticoagulanti. Uno studio pubblicato nel 2012 suggerisce che assumere una dose giornaliera di spezie alla curcuma può aiutare le persone a mantenere lo stato anticoagulante del loro sangue. Le persone possono aggiungere la curcuma a curry e zuppe o mescolarla con acqua calda per ottenere una tisana gradevole.

Zenzero

Lo zenzero è un’altra spezia antinfiammatoria che può fermare la coagulazione del sangue. Contiene un acido fenolico naturale chiamato salicilato, da cui di sintetizza l’aspirina (acido acetilsalicilico), che tutti sanno essere un efficace e diffuso anticoagulante. Per ottenere gli effetti anticoagulanti dei salicilati naturali, le persone potrebbero voler usare regolarmente lo zenzero fresco o essiccato. È improbabile, tuttavia, che i salicilati naturali siano efficaci quanto la cardio-aspirina. Un’analisi del 2015 su 10 studi suggerisce anche che gli effetti dello zenzero sulla coagulazione del sangue non sono chiari. Indica che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno le potenziali proprietà fluidificanti del sangue dello zenzero. L’estratto di zenzero contiene, infatti almeno una quindicina di altre sostanze fenoliche bioattive, alcune della quali potrebbero avere azioni anticoagulante.

Peperoncino Cayenna

I peperoni di Cayenna sono anche ricchi di salicilati e possono agire come potenti agenti fluidificanti del sangue. Il pepe di Caienna è piuttosto piccante, tuttavia, e molte persone possono tollerarlo solo in piccole quantità. Le capsule contenenti pepe di cayenna sono disponibili nei negozi di alimenti naturali e online. Altri benefici di questa spezia includono l’abbassamento della pressione sanguigna, l’aumento della circolazione e la riduzione delle sensazioni del dolore.

Meliloto (M. officinalis)

Dal meliloto campestre e dai resti della sua pianta è possibile isolare il dicumarolo, un composto naturale il cui scheletro molecolare contiene la cumarina e che venne impiegato originalmente come topicida. A causa della sua somiglianza strutturale con quella della vitamina K, inibisce in modo significativo la vitamina K epossido reduttasi e agisce come un antagonista della vitamina K. Il dicumarolo è utilizzato principalmente come anticoagulante per prevenire la trombogenesi e per curare la trombosi vascolare. Per tale ragione, specie in presenza di cardiopatie in trattamento anticoagulante, nessuno dovrebbe assumere preparazioni a base di meliloto senza un consulto specialistico.

Vitamina E

La vitamina E riduce la coagulazione del sangue in diversi modi. Questi effetti dipendono dalla quantità di vitamina E che una persona assume. L’Ufficio degli Integratori Dietetici del National Institutes of Health (NIH) suggerisce che le persone che assumono farmaci per fluidificare il sangue dovrebbero evitare di assumere grandi dosi di vitamina E. Non è chiaro quanta vitamina E scoaguli il sangue, anche se è probabile che lsia necessario prendere più di 400 unità internazionali (UI) al giorno. Assunzione di alte dosi di supplementi di vitamina E, per esempio, oltre 1.500 UI al giorno, a lungo termine, può avere effetti negativi. Potrebbe essere più sicuro ottenere vitamina E dagli alimenti piuttosto che dagli integratori. Gli alimenti che contengono molta vitamina E includono mandorle, olio di cartamo, olio di semi di girasole, olio di germe di grano e cereali integrali.

Aglio (Allium sativum)

Oltre al suo gusto spesso desiderabile nel cibo e nella cottura, l’aglio ha proprietà antibiotiche e antimicrobiche naturali. L’azione deriva dai composti polisolforati e dall’adenosina, che è anche un vasodilatatore. Alcune ricerche riportano che l’aglio inodore in polvere dimostra attività antitrombotiche, ovvero riduce la formazione di coaguli di sangue. Un’altra recensione di diversi studi sull’aglio suggerisce che potrebbe essere anticoagulante, sebbene gli effetti siano piccoli e di breve durata. Si raccomanda comunque che le persone smettano di assumere alte dosi di aglio 7-10 giorni prima di un intervento chirurgico programmato a causa delle sue proprietà antitrombotiche.

Cannella cassia

La cannella cinese (Cinnamomum cassia) contiene molti composti fenolici tra cui la cumarina, un potente agente fluidificante del sangue che si trova anche nel melitoto (sopra). Il warfarin (Sintrom) e il Coumadin, i farmaci più usati per fluidificare il sangue nei cardiopatici, sono proprio derivati dalla cumarina. La cannella cinese cassia ha un contenuto di cumarina molto più alto della regolare cannella di Ceylon. Tuttavia, assumere cannella ricca di cumarina a lungo termine può causare danni al fegato. Potrebbe essere meglio attenersi a piccole quantità di cannella nella dieta e utilizzare altri fluidificanti del sangue naturali.

Ginkgo biloba

I praticanti della medicina tradizionale cinese hanno usato le foglie dell’albero del Ginkgo biloba per migliaia di anni. Ginkgo è anche un integratore a base di erbe molto popolare negli Stati Uniti e in Europa. Le persone lo prendono per disturbi del sangue, problemi di memoria e bassa energia. Il Gingko scoagula il sangue e ha effetti fibrinolitici, secondo alcune fonti. Uno studio riporta che l’estratto di ginkgo ha effetti simili alla Streptochinasi, un farmaco usato per trattare i coaguli di sangue. La ricerca è stata, tuttavia, svolta in un laboratorio e non eseguita su persone o animali. Sono necessarie ulteriori ricerche per vedere se il gingko ha gli stessi effetti nel corpo umano.

Estratto di semi d’uva

Ci sono alcune prove che suggeriscono che l’estratto di semi d’uva può avere potenziali benefici per diverse condizioni di cuore e sangue. Contiene antiossidanti che possono proteggere i vasi sanguigni e prevenire l’ipertensione. Le proantocianidine semplici e complesse dell’estratto di semi d’uva possono agire come un naturale anticoagulante. A causa di questi effetti, il Centro Nazionale per la Salute Complementare e Integrata suggerisce che le persone con malattie del sangue, o che assumono farmaci che fluidificano il sangue e le persone che stanno per subìre chirurgia non dovrebbero assumere l’estratto di semi d’uva previo consulto specialistico.

Cardo mariano

L’estratto di cardo mariano è chiamato silimarina, che è una miscela di sostanze polifenoliche, derivate dai semi di Silybum marianum, che presenta proprietà antiossidanti, antitumorali, antinfiammatorie e antivirali. La silibinina inibisce la proliferazione cellulare e induce l’apoptosi, pur avendo proprietà anti-angiogeniche. Uno dei compoenti dell’estratto, un flavonolignano chiamato silicristina, ha anche proprietà antiossidanti ed è un inibitore della perossidazione lipidica in vivo e in vitro, inibendo anche gli enzimi lipossigenasi (5-LOX) e prostaglandina sintetasi. La silibinina e la silicristina sono in grado di inibire l’attivazione piastrinica iniziata dal collagene.

Dong quai

Il Dong quai è un’erba tradizionale cinese che aumenta il tempo necessario al sangue per coagularsi. Il Dong Quai, noto anche come ginseng femminile, è un’altra erba tradizionale cinese che può ridurre la coagulazione del sangue. Gli studi sugli animali riportano che dong quai aumenta significativamente il tempo di coagulazione del sangue (tempo di protrombina). Questo effetto può derivare dal suo contenuto di cumarina, la stessa sostanza che rende la cannella un anticoagulante così potente. Il Dong Quai viene assunto per via orale e può essere consumato come parte di un thè o una zuppa di erbe.

Partenio

Il partenio (Tanacetum parthenium) è un’erba medicinale che proviene dalla stessa famiglia delle margherite o della famiglia delle Asteraceae. Le persone prendono il Partenio per emicranie, alcuni disturbi digestivi e febbre, poichè è un potente anti-infiammatorio. Può anche agire come un anticoagulante inibendo l’attività piastrinica dell’enzima trombossano sintasi (TxBS), prevenendo quindi la coagulazione del sangue. Il partenio è disponibile in capsule o in forma liquida nelle farmacie o nelle erboristerie.

Bromelina

La bromelina è un enzima che si estrae dall’ananas, che ha attività anti-infiammatorie. Può essere un rimedio efficace per le malattie cardiovascolari e l’ipertensione. Le dimostrazioni sperimentali ed il suo impiego in flebologia risalgono al 1969 (vedere bibliografia). La ricerca suggerisce che la bromelina può fluidificare il sangue, abbattere i coaguli di sangue e ridurre la formazione di coaguli. La bromelina è disponibile in forma di supplemento in negozi salutistici, erboristerie e drogherie.

I principi attivi responsabili dell’azione anticoagulante

I prodotti naturali come gli integratori alimentari sono importanti per garantire la salute, ma hanno un ruolo importante nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e di altro tipo. Molti integratori a base di erbe sono ricchi di polifenoli chiamati flavonoidi. I flavonoidi come antiossidanti riducono i livelli di ROS e quindi inibiscono l’aggregazione / funzione piastrinica o gli effetti protrombotici. I flavonoidi possono alleviare la malfunzionalità dell’endotelio vasale, che è uno dei fattori che portano alla trombosi, inibendo l’eccessiva disponibilità di fattore tissutale (TF) nell’endotelio. I flavonoidi fungono da anti-infiammatori ed antiossidanti; eliminando lo stress ossidativo, queste molecole proteggono l’endotelio dai vasi sanguigni da erosioni che potrebbero espore il collagene sottostante, la cui presenza innesca l’aggregazione delle piastrine.

I flavonoidi possono inibire l’attività piastrinica inibendo anche la via dell’acido arachidonico o possono legarsi al recettore del trombossano TXA2 e in questo modo inibire la loro aggregazione. Ad esempio, l’attività anticoagulante associata all’inibizione dell’aggregazione piastrinica avviata dai trombossani, ADP e collagene, nonché l’allungamento del tempo di tromboplastina parziale attivata (aPTT) e protrombina, è stata dimostrata utilizzando l’estratto di foglie di cachi o loto (Diospyros kaki), i cui ingredienti principali sono flavonoidi come le catechine, l’epicatechina e l’epicatechina gallato. Queste stesse sostanze sono anche fra i maggiori costituenti polifenolici del thè verde, che è probabilmente la bevanda più consumata al mondo e di cui nessuno discute le indubbie proprietà salutistiche.

Assumere thè verde non ha fatto mai male anche in presenza di disturbi coagulatori o cardiopatie franche. Anche per quanto riguarda la cannella non ci sono controindicazioni particolari. Per tutti gli altri estratti naturali o integratori pronti, è consigliabile conferire col proprio medico per consigli ed accorgimenti.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Keihanian F et al. J Cell Physiol. 2018 Jun; 233(6):4497-4511.

Stone J et al. Cardiovasc. Diagn. Ther. 2017; 7(Suppl3):276–84. 

Faggio C, Sureda A et al. Eur. J. Pharmacol. 2017; 807:91–101. 

Di Minno A, Frigerio B et al. Blood Rev. 2017; 31:193–203. 

Ryu R, Jung UJ et al. Food Sci. Biotechnol. 2015; 24:233–240.

Chen C et al. Evid Based Compl Altern Med. 2015; 2015:876426.

Van Hinsbergh VWM. Semin Immunopathol. 2012; 34:93–106.

Metzig C, Grabowska E et al. In Vivo 1999 Jan-Feb;13(1):7-12.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI