Osteoporosi: la prima prova che i probiotici funzionano

Osteoporosi: la prima prova che i probiotici funzionano

Per la prima volta nel mondo, i ricercatori dell’Università di Göteborg, in Svezia, hanno dimostrato che i probiotici, integratori alimentari con batteri che promuovono la salute, possono essere utilizzati per influenzare lo scheletro umano. Tra le donne anziane che hanno ricevuto i probiotici, la perdita di tessuto osseo è stata dimezzata rispetto alle donne che hanno ricevuto solo un placebo. La ricerca apre le porte a un nuovo modo di prevenire le fratture tra gli anziani. L’osteoporosi è caratterizzata da ossa porose e deboli, che possono causarne la rottura anche se sottoposte a carichi bassi, come una caduta dall’alto. La proporzione della popolazione con osteoporosi aumenta con l’età e la maggior parte delle donne di età superiore agli 80 anni ha la malattia. Oggi ci sono farmaci efficaci somministrati per trattare l’osteoporosi, ma poiché la fragilità ossea viene raramente rilevata prima della prima frattura, c’è una pressante necessità di trattamenti preventivi. Questa è la prima volta che i ricercatori hanno dimostrato che è possibile ridurre la perdita ossea correlata all’età nelle donne anziane a metà, se ricevono batteri che promuovono la salute noti come probiotici.

Lo studio è stato condotto presso l’ospedale universitario Sahlgrenska di Mölndal, in Svezia, e i suoi risultati dello studio sono ora pubblicati dal Journal of Internal Medicine. Novanta donne anziane, in media 76 anni, hanno ingerito una polvere che conteneva preparazioni probiotiche o un placebo ogni giorno per un anno intero. Un metodo casuale ha determinato quali donne hanno ricevuto il trattamento attivo con i batteri Lactobacillus reuteri 6475 e che hanno ricevuto polvere senza batteri. Né i ricercatori né le donne sapevano chi aveva ricevuto la polvere attiva durante lo studio. Quando hanno finito lo studio dopo un anno, hanno misurato la perdita ossea delle donne nella loro parte inferiore delle gambe con una scansione TC e confrontato con le misurazioni che abbiamo fatto quando lo studio ha avuto inizio. Le donne che hanno ricevuto la polvere con batteri attivi hanno perso solo la metà del calcio osseo rispetto a quelle che hanno ricevuto polveri inattive. Un altro risultato positivo dello studio è stato che il trattamento è stato ben tollerato, e non ha prodotto più effetti collaterali di quelli sperimentati dalle donne che hanno ricevuto il placebo.

La ricerca ha dimostrato che i batteri intestinali influenzano lo scheletro nei topi, ma questo è il primo studio in cui sono stati utilizzati i probiotici per ridurre la perdita ossea nelle persone anziane. La scoperta potrebbe avere importanti implicazioni nel futuro: “Le donne anziane sono il gruppo nella società più a rischio di osteoporosi e fratture, il fatto che siamo stati in grado di dimostrare che il trattamento con i probiotici può influire sulla perdita ossea rappresenta un cambio di paradigma. I probiotici possono essere un modo efficace e sicuro per prevenire l’insorgenza dell’osteoporosi in molte persone anziane in futuro”, afferma il dott. Mattias Lorentzon. Il Lactobacillus reuteri 6475 è un batterio che si ritiene abbia molteplici proprietà benefiche per la salute, e batteri simili sono già utilizzati in una varietà di integratori presenti sul mercato. Il batterio si trova naturalmente nel tratto gastrointestinale umano. I batteri nello stomaco e nell’intestino hanno ricevuto notevole attenzione negli ultimi anni, perché ci sono prove che la composizione della nostra flora batterica è associata a malattie come il diabete e l’obesità. Ma i meccanismi, cioè i modi in cui i batteri producono tutti questi effetti diversi nel corpo, non sono ancora chiaramente compresi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Nilsson AG et al., Lorentzon M. J Intern Med. 2018 Jun 21.

Biver E et al., Rizzoli R. Osteoporos Int. 2018 May 3.

McCabe LR et al. Calcif Tissue Int. 2018 Apr; 102(4):480-88.

Sabico S et al. J Transl Med. 2017 Dec 11; 15(1):249. 

Quach D, Britton RA. Adv Exp Med Biol. 2017;1033:47-58.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 968 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.