giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Lavoro sottopagato, salute ed economia: cosa si cerca di fare per cambiare da welfare a impiego necessario

Una nuova analisi della Health Foundation rivela che 3,7 milioni di persone (il 12% della popolazione in età lavorativa) sono attualmente al lavoro e riferiscono una condizione di salute “limitante il lavoro” che limita il tipo o la quantità di lavoro che possono svolgere. Questo numero è aumentato di 1,4 milioni negli ultimi dieci anni e corrisponde quasi al numero di persone con condizioni lavorative limitanti che non lavorano. La nuova analisi precede la Dichiarazione d’Autunno della prossima settimana, che dovrebbe annunciare sanzioni più severe per coloro che sono senza lavoro e richiedono sussidi come parte della spinta del governo per contrastare l’inattività economica. Sebbene ci sia stata una forte attenzione ai disoccupati a causa di problemi di salute, sono necessarie ulteriori azioni per sostenere i dipendenti con problemi di salute.

L’analisi evidenzia anche un persistente divario retributivo tra coloro che denunciano condizioni di lavoro limitanti e coloro che non lo fanno. Il “divario retributivo sanitario” per i lavoratori a tempo pieno è di 2,50 sterline l’ora, il che significa che le persone con una condizione di salute limitante per il lavoro, in media, guadagnano il 15% in meno. L’analisi viene pubblicata in concomitanza con l’annuncio da parte della Health Foundation di una nuova Commissione indipendente per una Vita Lavorativa più Sana (CWHL). Si scopre che l’aumento delle condizioni di limitazione del lavoro è guidato da un forte aumento delle malattie mentali che sono aumentate di oltre quattro volte tra i 16-34 anni negli ultimi dieci anni. Oggi, nel 2023, un lavoratore di età compresa tra i 16 e i 34 anni ha la stessa probabilità di denunciare una condizione limitante il lavoro, quanto lo era dieci anni fa un lavoratore di età compresa tra i 45 e i 54 anni.

In tutta la forza lavoro, le patologie muscolo-scheletriche e cardiovascolari rimangono la forma più comune di condizioni di salute che limitano il lavoro. Tuttavia, le condizioni limitanti il lavoro non hanno lo stesso impatto sulle persone. Ad esempio, è più probabile che colpiscano le donne e le persone che vivono in aree svantaggiate. I risultati suggeriscono che il governo e i datori di lavoro devono trovare modi nuovi e migliori per incoraggiare le persone a tornare nel mondo del lavoro e aiutare i dipendenti a rimanere al lavoro e in buona salute. Nel corso dei prossimi 18 mesi, la Commissione per una Vita Lavorativa più Sana collaborerà con organizzazioni di esperti per sviluppare una base e dialogare con datori di lavoro, sindacati e altre parti interessate per costruire una comprensione condivisa della crescente sfida della cattiva salute in età lavorativa e costruire consenso sull’azione necessaria.

​La dottoressa Jennifer Dixon, amministratore delegato della Health Foundation, ha dichiarato: “Con 3,7 milioni di persone in età lavorativa che lavorano con una condizione di salute che limita il lavoro e 2,6 milioni economicamente inattive a causa di problemi di salute, il paese ha un problema significativo. L’impatto della cattiva salute sugli individui e sulle loro famiglie, che lavorino o meno, è considerevole. E per il Paese, la cattiva salute della popolazione in età lavorativa trascinerà la produttività e l’economia e aggiungerà un enorme onere evitabile ai servizi pubblici e ai datori di lavoro”.

Da parte sua, invece, Sacha Romanovitch, amministratore delegato di Fair4All Finance e presidente della Commissione per una Vita Lavorativa più Sana (CHWL), ha dichiarato: ‘È davvero preoccupante che qualcuno che lavora a tempo pieno con un problema di salute possa guadagnare 2,50 sterline in meno l’ora rispetto a qualcuno senza uno. Non sorprende quindi che ciò avrà un impatto negativo sulla loro resilienza finanziaria e sul benessere generale. Questa analisi evidenzia ulteriormente l’impatto che il peggioramento della salute in età lavorativa ha su tutti noi. È così importante affrontare la disuguaglianza ovunque la troviamo, e non vedo l’ora di guidare la nuova Commissione. Insieme contribuiremo a un cambiamento positivo e duraturo per chi lavora e aiuteremo il governo e i datori di lavoro a trovare nuove opportunità per aiutare meglio le persone a prosperare sul posto di lavoro”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gramma R et al. Medicina (Kaunas). 2023 Sep 4; 59(9):1598.

Coates G, Clewes P et al. BMJ Open. 2023 Jul; 13(7):e067545.

Dobson M et al. J Occup Environ Med. 2023; 65(5):e330-e345.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Inflammasoma: la piattaforma flogistica che è possibile controllare anche con mezzi naturali e a tavola

Cos’è l’inflammasoma Le risposte immunitarie innate proteggono gli esseri umani da sostanze irritanti ambientali, agenti patogeni e danni ai tessuti. Questo meccanismo di protezione è...

Demenza fronto-temporale: una terapia mirata verrà con l’aumento delle conoscenze

Gli scienziati riportano in un nuovo studio che imitando un processo naturale di cellule, hanno impedito la formazione di aggregati proteici associati alla sclerosi...

“La bellezza è sotto la pelle”: forse vale per colore e sensibilità, ma non sembra così per la psoriasi

Si stima che circa 125 milioni di persone in tutto il mondo soffrano di malattia psoriasica, senza differenze fra uomini e donne. Ma al...