HomeLAVORO & SALUTESalute mentale al lavoro: il peso silenzioso di bullismo, assenteismo e depressione

Salute mentale al lavoro: il peso silenzioso di bullismo, assenteismo e depressione

Clima di sicurezza psicosociale (PSC) è il termine usato per descrivere le pratiche di gestione ei sistemi di comunicazione e partecipazione che tutelano la salute mentale e la sicurezza dei lavoratori. Uno studio di un anno sulla popolazione australiana ha scoperto che i lavoratori a tempo pieno impiegati da organizzazioni che non danno priorità alla salute mentale dei propri dipendenti, hanno un rischio tre volte maggiore di essere diagnosticati con la depressione. Inoltre, mentre lavorare a lungo è un fattore di rischio per la morte per malattie cardiovascolari o per avere un ictus, pratiche di gestione inadeguate rappresentano un rischio maggiore per la depressione. Lo studio dell’Università del South Australia, pubblicato sul British Medical Journal, è condotto dall’Osservatorio sul Clima per la Sicurezza Psicosociale di UniSA, la prima piattaforma di ricerca al mondo che esplora la salute e la sicurezza psicologica sul posto di lavoro. I costi globali del bullismo sul posto di lavoro e del burnout dei lavoratori sono significativi e si manifestano in assenteismo, scarso impegno lavorativo, congedi per stress e bassa produttività.

L’entità del problema è stata riconosciuta nel 2019 con l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) che ha implementato una Commissione globale sul futuro del lavoro; e ha chiesto “un approccio centrato sull’uomo, che metta le persone e il lavoro che svolgono al centro delle politiche economiche e sociali” per le politiche e pratiche aziendali. La professoressa Maureen Dollard, laureata all’ARC, esperta di fama internazionale sulla salute mentale sul posto di lavoro, ha dichiarato: “Il nostro studio ha rilevato che, sebbene i lavoratori entusiasti e impegnati siano apprezzati, lavorare per lunghe ore può portare alla depressione. Gli uomini hanno anche maggiori probabilità di diventare depressi se il loro posto di lavoro presta scarsa attenzione alla loro salute psicologica. A causa del peso globale della depressione, che colpisce circa 300 milioni di persone in tutto il mondo e non mostra segni di cedimento nonostante le cure disponibili, viene ora prestata maggiore attenzione agli ambienti di lavoro mal funzionanti che potrebbero contribuire al problema.

Alti livelli di burnout e bullismo sul posto di lavoro sono anche collegati all’incapacità delle aziende di supportare la salute mentale dei lavoratori. L’autrice principale, la dott.ssa Amy Zadow, ha commentato: “La cattiva salute mentale sul posto di lavoro può essere ricondotta a pratiche, priorità e valori di gestione inadeguati, che poi si traducono in elevate richieste di lavoro e risorse limitate. Le prove mostrano che le aziende che non riescono a premiare o riconoscere i propri dipendenti per il duro lavoro, impongono richieste irragionevoli ai lavoratori e non danno loro autonomia, stanno esponendo il proprio personale a un rischio molto maggiore di depressione”. Un secondo articolo scritto in collaborazione con il professor Dollard e pubblicato sull’European Journal of Work and Organizational Psychology all’inizio di questo mese, ha scoperto che il PSC basso era un importante predittore di bullismo ed esaurimento emotivo.

Il professor Dollard ha spiegato: “La mancanza di consultazione con i dipendenti e i sindacati su questioni di salute e sicurezza sul lavoro e lo scarso supporto per la prevenzione dello stress è legato al basso PSC nelle aziende. Abbiamo anche scoperto che il bullismo in un’unità di lavoro può non solo influenzare negativamente la vittima, ma anche l’autore e i membri del team che assistono a tale comportamento. Non è raro che tutti nella stessa unità sperimentino il burnout come risultato. In questo studio abbiamo studiato il bullismo in un contesto di gruppo e il motivo per cui si verifica. A volte lo stress è un fattore scatenante per il bullismo e nei casi peggiori può impostare un livello di comportamento “accettabile” per gli altri membri del team. Ma soprattutto il bullismo può essere previsto dall’impegno di un’azienda per la salute mentale, quindi può essere prevenuto. Le implicazioni pratiche di questo la ricerca è di vasta portata. Alti livelli di burnout dei lavoratori sono estremamente costosi per le organizzazioni ed è chiaro che è necessario un cambiamento organizzativo di alto livello per affrontare il problema”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zadow AJ et al. BMJ Open 2021 Jun 23;11(6):e044133.

Yulita Y et a. Int J Occup Saf Ergon. 2020 Oct 15:1-18.

Becher H et al. J Environ Res Pub Health. 2018; 15(3):415.

Zadow AJ et al. Stress Health. 2017 Dec; 33(5):558-569. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI