martedì, Aprile 16, 2024

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Ictus? Forse c’è un tumore nascosto, svela nuovo studio

Una proprietà comune ai tumori è la comparsa di metastasi, ovvero il distacco di cellule dalla massa originaria che, viaggiando attraverso il sangue o la linfa, raggiungono altri tessuti od organi. Ogni anni un milione e mezzo di persone negli Stati Uniti hanno diagnosticato un tumore ed entro l’anno stesso almeno 500.000 ne moriranno. Le stime a breve indicheranno una diagnosi di 2 milioni di casi per il 2020. La ricerca, tuttavia, suggerisce che le vaccinazioni, uno stile di vita salutare e screenings periodici possono prevenire almeno la metà dei casi. Ogni anno, più di 795,000 americani hanno un ictus e per la maggior parte di essi (circa 610.000) è il primo della loro vita. Fra ictus ischemico ed emorragico, quello ischemico è di gran lunga il preponderante (almeno il 90% dei casi). Un nuovo studio supporta l’idea che i sopravvissuti ad un ictus è più probabile che abbiano una neoplasia sottostante rispetto alla popolazione generale. Lo studio, che ha esposto i risultati al Congresso 2017 della Società Europea di Medicina Oncologica (ESMO) tenutosi a Madrid, Spain, è stato condotto dal team del Dr. Jacobo Rogado, del Hospital de La Princesa in Madrid.

Così egli spiega: “Studi post-mortem hanno suggerito che un tumore si può sviluppare dopo un ictus, ma la consistenza di questa associazione non è stata mai descritta; ecco perchè abbiamo deciso di condurre uno studio per testare il legame, cercando quali fattori potrebbero essere coinvolti”. La coagulazione del sangue è una risposta normale a traumi come ad esempio ferite; per riparare la lesione, le piastrine e la fibrina formano un coagulo intrecciato che impedisce la perdita di sangue. Ma una coagulazione del sangue anomala può aumentare il rischio di ictus, infarto cardiaco o in altri organi. L’ipotesi del team è che il tumore promuova un’eccessiva coagulabilità del sangue, poiché esso stesso è in uno stato di iper-coagulazione. Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di 381 pazienti che sono passati dalla Stroke Unit tra il Gennaio 2012 e Dicembre 2014 e seguiti per 18 mesi dopo la confermata diagnosi di ictus ischemico. I risultati hanno rilevato che durante il follow-up, il 7.6% dei sopravvissuti all’ictus (29 in tutto) sono stati diagnosticati con tumore: questo è quasi il doppio dell’incidenza nella popolazione generale (4%), notano i ricercatori.

I tumori più rappresentati erano al polmone, al colon ed alla prostata e la media del tempo trascorso fra diagnosi di ictus e quella di cancro era di soli 6 mesi. Quasi la metà (45%) delle diagnosi avvenivano entro 6 mesi ed il 62% dei tumori diagnosticati nei sopravvissuti all’ictus erano sia primitivi che con metastasi. Approfondendo i dati personali dei pazienti, si è scoperto che quattro fattori hanno inciso sulla diagnosi di neoplasia: diagnosi precedente di un tumore, elevati livelli ematici di fibrinogeno (oltre 450 mg/100ml) e minori livelli di emoglobina (sotto 13g/100ml) ed un’età superiore ai 77 anni.  I ricercatori deducono che il tumore era già presente quando si è verificato l’ictus, ma non vi erano sintomi clinici al riguardo. Gli elevati livelli di fibrinogeno (che promuove la formazione di trombi) nei pazienti post-ictus che hanno sviluppato un tumore, supporta l’ipotesi originaria che u tumore nascosta sia stato responsabile dell’ictus cerebrale postumo. Sebbene questi dati debbano trovare ulteriore conferma, I ricercatori suggeriscono che coloro che sopravvivono ad un ictus debbano essere monitorati per alcuni mesi, nel caso essi abbiamo una neoplasia a loro insaputa. Potrebbe essere stata questa, infatti, a preparare il terreno all’infarto cerebrale.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Recensioni dedicate

Quintas S, Rogado J., et al. J Neurooncol. 2018 Jan 8.

Jiang H et al. Med Sci Monit. 2017 May 15; 23:2292-98.

Gon Y et al. Eur J Neurol. 2017 Mar; 24(3):503-508.

Xie XR et al. Zhonghua Nei Ke Za Zhi. 2017; 56:99-103. 

Nam KW et al. Eur J Neurol. 2017 Jan; 24(1):205-211.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Omega-3 ed omega-6: per il muscolo sono quasi ormoni

Un nuovo studio rivela che gli acidi grassi essenziali nella dieta possono giocare un ruolo nella regolazione della secrezione proteica nei muscoli, cambiando il...

Gli effetti negativi dei dolcificanti artificiali sul microbiota: le evidenze sono ormai “sul piatto”

Dopo aver mangiato cibi che contengono carboidrati, i livelli di glucosio nel sangue (glicemia) aumentano mentre digeriamo il cibo. Questo picco post-prandiale dei livelli...

Sclerosi multipla: il digiuno intermittente può avere utilità?

Finora non è stata sviluppata alcuna cura per la sclerosi multipla (SM), e i trattamenti disponibili si concentrano sulla gestione dei sintomi. Alcuni suggeriscono...