giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Sport ed integratori: quali effetti hanno gli omega-3 sulle prestazioni atletiche?

Background

Gli acidi grassi polinsaturi Omega-3 sono essenziali per il corpo umano ma non possono essere prodotti de novo. Fonti vegetali come noci e semi forniscono un precursore chiamato acido alfa-linolenico (ALA), ma la sua conversione in EPA e DHA è limitata. EPA e DHA hanno strutture molecolari uniche ed esercitano effetti molteplici sulla fisiologia umana. Agendo attraverso vari recettori e fattori di trascrizione, modulano l’infiammazione influenzando la struttura della membrana cellulare e la produzione di ossi-lipine bioattive. La loro conversione in mediatori specializzati risolventi (o resolvine) svolge un ruolo fondamentale nella risoluzione dell’infiammazione, nell’impatto sull’immunità, sulla riparazione dei tessuti e sull’omeostasi. Inoltre, questi acidi grassi formano molecole bioattive come gli endocannabinoidi, che influenzano l’appetito, soglia del dolore, la cognitività e forse anche l’umore.

Il DHA, che costituisce almeno il 10% del contenuto lipidico del cervello umano, svolge un ruolo vitale nella trasmissione degli impulsi nervosi, nella neuroplasticità, nella stabilità delle membrane e nella comunicazione cellulare. Le sue funzioni neuro-di supporto possono fornire benefici nelle lesioni cerebrali traumatiche legate allo sport, nella cognizione, nelle prestazioni neuromuscolari, negli adattamenti muscolari indotti dall’allenamento e nel recupero da lesioni. Pertanto, livelli inadeguati di EPA e DHA possono compromettere la risoluzione dell’infiammazione, influenzando la comparsa di artrite e disturbi legati all’invecchiamento. L’indice omega-3 (O3I), che riflette i livelli di EPA e DHA, è considerato ottimale sopra l’8%. Gli atleti, come la popolazione generale, hanno spesso un O3I non ottimale, sottolineando i potenziali benefici degli integratori EPA e DHA per il controllo dell’infiammazione, il mantenimento muscolare e gli adattamenti all’allenamento.

Considerazioni nutrizionali

EPA e DHA sono presenti principalmente nei pesci grassi, come lo sgombro, il salmone e alcune alghe. Specie di microalghe coltivate come Schizochytrium, Crytthecodinium e Phaeodactylum servono come fonti vegetali per la produzione di integratori EPA e DHA. Tuttavia, la variabilità, le preferenze di gusto e le preoccupazioni sulla contaminazione da metalli pesanti in queste fonti contribuiscono al loro consumo insufficiente, incidendo sull’assunzione di EPA e DHA. Nonostante queste sfide, i benefici per la salute derivanti dal consumo di pesce sembrano superare i rischi associati. Mentre le attuali linee guida suggeriscono un’assunzione adeguata di 250 mg/giorno per gli adulti, gli studi suggeriscono che l’assunzione ottimale di EPA + DHA, necessaria per un O3I ≥ 8%, potrebbe richiedere dosi più elevate rispetto alle raccomandazioni esistenti. A sostegno di questa ipotesi, le revisioni di scoping suggeriscono 1–1,5 g/giorno per 12 settimane o più. Attualmente, il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) suggerisce una dose giornaliera di circa 2 g di EPA + DHA per potenziali benefici sulla salute e sulle prestazioni degli atleti.

L’uso di EPA e DHA negli atleti: status quo

Studi condotti su atleti professionisti e dilettanti che praticano calcio, basket e altri sport invernali mostrano livelli di O3I non ottimali, indicando la necessità di una potenziale integrazione di EPA e DHA. Ci sono diversi potenziali benefici di questa integrazione. Gli studi indicano un miglioramento dei tempi di reazione, delle prestazioni cognitive e una riduzione dell’umore negativo. Nelle lesioni cerebrali traumatiche legate allo sport, è stato dimostrato che l’integrazione di DHA abbassa i biomarcatori associati al trauma cranico. Inoltre, durante il recupero dall’infortunio, EPA e DHA possono attenuare l’atrofia muscolare e aumentare il volume e la massa del muscolo scheletrico.

In un intervallo di dosi, l’integrazione riduce costantemente il dolore muscolare dopo il danno indotto dall’esercizio, con potenziali effetti dose-dipendenti sul recupero di potenza e forza. Inoltre, studi recenti suggeriscono che l’integrazione di DHA ed EPA migliora gli adattamenti dell’allenamento di resistenza e aumenta la forza muscolare senza influenzare la massa corporea magra. Sono stati osservati anche miglioramenti nell’economia della corsa e nel picco di consumo di ossigeno, indicando potenziali benefici per gli atleti sia negli sport di resistenza che in quelli basati sulla resistenza.

Potenziali effetti avversi dell’integrazione

Gli atleti dovrebbero avvicinarsi all’uso degli integratori con cautela, dando priorità alla valutazione della sicurezza e dell’efficacia. Gli effetti avversi dell’integrazione di EPA e DHA comprendono solitamente disturbi gastrointestinali e alterata funzione piastrinica (aumento del rischio di sanguinamento), in particolare la consapevolezza di alcuni disturbi cardiovascolari e l’assunzione di anticoagulanti. Tuttavia, diverse autorità sanitarie considerano l’integrazione di EPA e DHA sicura alle dosi raccomandate per la popolazione generale. Il quadro dell’Australian Institute of Sport (AIS) classifica gli integratori alimentari, collocando l’olio di pesce (EPA e DHA) nella categoria B.

Indica un background scientifico di supporto, ma sottolinea la necessità di ulteriori ricerche per comprenderne appieno i benefici per gli atleti. Le raccomandazioni per gli atleti riguardo all’integrazione di EPA e DHA implicano considerazioni su dose, tempi, formulazione chimica e concentrazione relativa di questi acidi grassi. L’assunzione ottimale dovrebbe allinearsi con obiettivi atletici specifici. Inoltre, la biodisponibilità può essere migliorata quando gli integratori vengono assunti durante i pasti. Sia l’EPA che il DHA offrono vantaggi qualitativi simili e la selezione degli integratori dovrebbe dare priorità ad un alto contenuto di EPA, DHA o entrambi.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Consigliati in questo sito

Integratori funzionali per gli sportivi: quali sono e servono davvero alla performance? (20/07/2023)

Integratori sportivi (II): i numeri di mercato sempre più orientati verso la consapevolezza della salute (30/09/2020)

Lievito di birra: l’integratore completo per lo sport (10/04/2018)

Pubblicazioni scientifiche

Tomczyk M, Heileson JL et al. Nutrients 2023; 15(23):4925.

Tsuchiya Y et al. J Int Soc Sports Nutr. 2022; 19(1):565-579.

Thielecke F, Blannin A. Nutrients. 2020 Nov 30; 12(12):3712.

Ochi E, Tsuchiya Y. Nutrients. 2018 Apr 29; 10(5):552.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Integratori: non proteggerebbero il cuore, con un’eccezione

Il National Institute of Health (NIH) stima che un terzo dell'intera popolazione degli Stati Uniti stia assumendo qualche forma di integratore. Gli integratori hanno...

Sessualità e demenza: il counseling e la qualità di vita al centro

Il numero di persone che vivono a casa con la malattia di Alzheimer (AD), una malattia del cervello che causa cambiamenti anormali che uccidono...

Lupus e microbiota: trovata la “connessione privata” delle comunicazioni

Come si sa bene, nelle malattie autoimmuni il sistema immunitario attacca per errore le cellule ed I tessuti sani. Secondo il National Institutes of...