giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Qualità del sonno legata a pensieri negativi? Pare di si.

Voi preoccupati cronici, è il vostro pensiero negativo ripetitivo causato dalla mancanza di sonno? Gli scienziati che lavorano con adulti che si fissano su pensieri negativi hanno notato un legame tra questa compulsione angosciante e un sonno di qualità inferiore, oltre a una durata del sonno più breve. Il pensiero negativo ripetitivo si verifica quando una persona si sofferma forzatamente su pensieri e stimoli che sono angoscianti e inutili, il che porta spesso a una diminuzione della qualità della vita e all’emergere di problemi di salute mentale, in particolare legati alla depressione e all’ansia.

La prof.ssa Meredith E. Coles e Jacob A. Nota, entrambi laureati all’Università di New York a Binghamton, hanno condotto uno studio incentrato sul legame tra pensieri ripetitivi di intensità moderata e alta, indicato anche come “preoccupazione” e “ruminazione”, rispettivamente, e la durata e le abitudini del sonno notturno di un individuo. Le loro scoperte sono state riportate nel Journal of Behavior Therapy e Experimental Psychiatry. I ricercatori hanno reclutato 52 partecipanti di età compresa tra i 18 ei 65 anni, ognuno dei quali aveva ottenuto un punteggio elevato nel Questionario sul Pensiero Perseverante, che è un test mirato a misurare il livello di pensiero negativo ripetitivo di un individuo. Ai fini di questo studio, ai partecipanti sono state mostrate varie coppie di immagini – sia neutre che emotivamente evocative – e il loro grado di attenzione è stato testato seguendo i loro movimenti oculari.

Il team ha anche raccolto informazioni sui cicli di sonno dei partecipanti, registrando i dati relativi al tempo in cui tendevano a dormire ogni notte e a che ora si addormentavano normalmente. Il Prof. Coles e Nota hanno osservato che i partecipanti che hanno riportato frequenti disturbi del sonno hanno anche trovato più difficile smettere di concentrarsi sugli eventuali stimoli negativi a cui erano esposti, suggerendo un legame tra il sonno scarso e la preponderanza di pensieri intrusivi. “Abbiamo scoperto”, spiega il prof. Coles, “che le persone in questo studio hanno alcune tendenze ad avere pensieri bloccati nelle loro teste, e il loro elevato pensiero negativo rende difficile per loro disimpegnarsi con gli stimoli negativi a cui li abbiamo esposti”.

“Mentre altre persone potrebbero essere in grado di ricevere informazioni negative e andare avanti, i partecipanti hanno avuto difficoltà a ignorarlo”, aggiunge. Nel complesso, il Prof. Coles e Nota hanno scoperto che più breve è la durata del sonno di una persona, più a lungo ci sono voluti per spostare la loro attenzione dagli stimoli negativi. Lo stesso era vero per i partecipanti che hanno trovato difficile addormentarsi in primo luogo. Il professor Coles spiega: “Nel tempo questo potrebbe essere importante, questo pensiero negativo ripetitivo è rilevante per diversi disturbi come l’ansia, la depressione e molte altre condizioni. Questo è nuovo nel senso che stiamo esplorando la sovrapposizione tra interruzioni del sonno e il modo in cui influenzano questi processi di base che aiutano a ignorare quei pensieri negativi ossessivi”. Tuttavia, i ricercatori avvertono che il loro studio ha alcune limitazioni, in particolare il fatto che l’associazione tra il sonno disturbato o corto e la persistenza di pensieri negativi ricorrenti non indica necessariamente la causalità.

Inoltre, la mancanza di un gruppo di controllo può suggerire che la ruminazione potrebbe non essere la caratteristica unica o addirittura primaria delle persone con cattive abitudini del sonno. Tuttavia, incoraggiano la costante attenzione sull’importanza del sonno nei processi di pensiero e l’attenzione, concludendo che è necessario “capire come il sonno e le interruzioni dei ritmi circadiani interagiscono con l’allocazione dell’attenzione”. Se ulteriori studi replicano i loro risultati attuali, aggiungono, questo potrebbe significare che in futuro potremmo essere in grado di trattare e prevenire meglio condizioni come ansia e depressione modificando di conseguenza i nostri schemi di sonno.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, medico specialista in Biochimica Clinica.

Bibliografia correlata

Nota JA, Coles ME. J Behav Ther Exp Psychiatry. 2018; 58:114-122.

Amaral AP et al. Psychiatry Res. 2017; 260:331-337. 

Scott AJ, Rowse G, Webb TL. PLoS One. 2017; 12(10):e0186233.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Depressione in rivoluzione: comprendere la neuroinfiammazione per combattere il problema fuori e dentro la gravidanza

Circa il 6% degli adulti nel mondo è affetto da depressione maggiore (MDD) e circa il 33% di loro è resistente ai trattamenti attualmente...

Cosa succede ai vasi sanguigni dopo che si smette di fumare: una recensione generale

L’endotelio vascolare rappresenta un monostrato di cellule endoteliali che avvolge le superfici più interne delle arterie, delle vene, del lume cardiaco e dei vasi...

Tiroide e longevità: gli ormoni devono restare costanti, per una vita e salute più lunghe

Nel 1908 il Dr. Max Rubner propose il tasso di teoria vivente dell’invecchiamento e della longevità, postulando che le specie con un basso tasso...

Questo si chiuderà in 20 secondi